Archivi categoria: Formazione

Classico/Contemporaneo. Internazionalizzazione, innovazione, sostenibilità

Seminario internazionale per il rinnovamento del curricolo del liceo classico

Classico/Contemporaneo.
Internazionalizzazione, innovazione, sostenibilità

Roma, 9-10 dicembre 2019
Università Roma Tre
Aula Magna – Via Ostiense 236

QUALE SCUOLA PER QUALE SOCIETÀ

QUALE SCUOLA PER QUALE SOCIETÀ 

In occasione dell’uscita dell’almanacco di MicroMega sulla scuola, un convegno per interrogare il complesso sistema scolastico italiano, tra elementi positivi e criticità. Il titolo, a tal proposito, è eloquente: “Quale scuola per quale società”. 


L’appuntamento è fissato per lunedì 9 dicembre, ore 14,30, presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dall’Ateneo RomaTre (Via del Castro Pretorio 20). 

L’incontro nasce dalla fruttuosa collaborazione tra la rivista diretta da Paolo Flores d’Arcais e Massimiliano Fiorucci, direttore del Dipartimento. L’obiettivo del convegno – che verrà suddiviso in due panel e vedrà gli interventi di illustri esperti, studiosi ed accademici – sarà riposizionare al centro del dibattito pubblico e scientifico il tema del ruolo assegnato al sistema d’istruzione e formazione nelle società contemporanee.

PROGRAMMA:

Lunedì 9 dicembre ore 14,30

Moderazione GIACOMO RUSSO SPENA (MicroMega) 

Saluti 

LUCA PIETROMARCHI (Rettore dell’Università degli Studi Roma Tre)

MASSIMILIANO FIORUCCI (Direttore Dipartimento Scienze della Formazione, Roma Tre)   

Relatori:

– PAOLO FLORES D’ARCAIS (Filosofo e Direttore di MicroMega)

– TOMASO MONTANARI (Storico dell’arte)                                   

– CARMELA COVATO (Università Roma Tre)                                      

– FABIO BOCCI (Università Roma Tre)                                                   

Alle ore 16,30

Moderazione CINZIA SCIUTO (MicroMega)

Relatori:

– ERNESTO GALLI DELLA LOGGIA (Storico e saggista)

– MASSIMO BALDACCI (Università di Urbino)

– MARINA BOSCAINO (Insegnante)

– CRISTIANO CORSINI (Università Roma Tre)

www.micromega.net

Che genere di scuola? Educazioni differenti per una società plurale

Venerdì 6 dicembre alle 18.00 alle 20.00 
“Che genere di scuola? Educazioni differenti per una società plurale.”
Il libro “Che genere di scuola? Educazioni differenti per una società plurale” viene presentato al Pratello!Vi aspettiamo venerdì 6 dicembre alle 18 al Centro Sociale della Pace con:Teresa Rossano (docente, CESP Bologna)Valentina Millozzi (docente, CESP Bologna)Alessandro Palmi (docente, COBAS Scuola Bologna)Elena Luppi (Università di Bologna)per parlare ancora di educazione al #genere, di #antifascismo, ma anche di stress professionale da discriminazione a #scuola con la campagna Bastastress dei Cobas Scuola Bologna.“Da alcuni anni il Centro Studi per la Scuola Pubblica si è avvicinato alla spinosa quanto urgente questione dell’educazione di genere, scegliendo di percorrere una strada che avrebbe aperto la formazione di insegnanti ed educatori a temi sociali e politici rilevanti ma scomodi, con l’obiettivo di rendere la scuola pubblica ancora una volta un fulcro di riflessione, azione e cambiamento sociale. Il tema dell’educazione al genere è oggi terreno di scontro, dentro e fuori dalle scuole: da una parte chi cerca di lottare contro ogni discriminazione, dall’altra chi la identifica con l’avanzata della cosiddetta «ideologia gender». Ne fanno le spese bambine e bambini, ragazze e ragazzi che popolano le nostre classi, con i loro problemi di ordinario bullismo omofobico, di sessismo e di difficile accettazione di sé e degli altri, fuori dagli stereotipi e dai ruoli di genere. Pensando anche e soprattutto a loro, abbiamo avviato un percorso sull’educazione alle differenze di genere, promuovendo uno strumento di condivisione e di pratica didattica costituito da interventi e da laboratori per ogni ordine di scuola, volto alla formazione di chi nella scuola lavora quotidianamente.” (Gli autori)

Supporting Entrepreneurship and Innovation in Higher Education in Italy

Università 4.0, la presentazione del Rapporto di OCSE e CE
sul sistema di istruzione superiore
Interviene il Ministro Fioramonti

Oggi dalle 10.30, nella Sala “Aldo Moro” del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, verrà presentato il Rapporto di OCSE e della Commissione Europea (CE) “Supporting Entrepreneurship and Innovation in Higher Education in Italy” sulla capacità innovativa e imprenditoriale del sistema italiano di istruzione superiore. Interverrà il Ministro Lorenzo Fioramonti.Parteciperanno anche: Ulrik Vestergaard Knudsen, Vice Segretario Generale OCSE; Fulvio Esposito, Capo segreteria tecnica MIUR; Antoaneta Angelova-Krasteva, Direttrice per l’Innovazione, la Cooperazione Internazionale e lo Sport DG EAC della Commissione Europea.

A moderare la tavola rotonda sarà Angelo Riccaboni, Coordinatore Osservatorio Università-Imprese della Fondazione CRUI e Steering Group. Ad animare il confronto saranno: Gaetano Manfredi, Presidente CRUI; Sabina Nuti, Rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa; Luigi Leone Chiapparino, Presidente CNSU; Maria Del Zompo, Rettrice dell’Università di Cagliari; Paolo Miccoli, Presidente ANVUR; Patrizia Brigidi, Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico del Cluster Tecnologico Nazionale AgriFood; Andrea Piccaluga, Presidente NETVAL; Giuseppe Biazzo, Gruppo Tecnico Università e Impresa Confindustria.

La giornata di studio si svolgerà interamente in lingua inglese.

Più libri più liberi 2019

Più libri più liberi compie diciott’anni
520 espositori e 670 appuntamenti per l’edizione 2019 della Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria
4 – 8 dicembre, Roma

Moltissimi autori e personaggi si confronteranno sul tema I confini dell’Europa. Ospiti d’eccezione, la 17enne attivista russa Olga Misik, che sfida il regime di Putin, e la sindaca di Danzica Aleksandra Dulkiewicz.

Yasmina Khadra, Jacques Rupnik, Romano Prodi, Erri De Luca, Salvatore Scibona, Valeria Luiselli, Eduard Limonov, Dimitri Deliolanes, Donatella di Pietrantonio, Zerocalcare, Maurizio De Giovanni, Concita De Gregorio, Gipi, Dacia Maraini, Altan, Paolo Giordano, Sandra Petrignani, Brian Selznick, Michela Murgia, Gianrico Carofiglio, Pif, Nadia Terranova, Melania Mazzucco, Moni Ovadia: sono solo alcuni tra i moltissimi autori e personaggi che si confronteranno sul tema I confini dell’Europa.

Si parlerà di politica e dei grandi mutamenti del mondo contemporaneo con i direttori e i giornalisti delle più importanti testate italiane: Lucia Annunziata, Pierluigi Battista, Luigi Contu,  Virman Cusenza, Marco Damilano, Federico Fubini, Francesca Mannocchi, Tonia Mastrobuoni, Ezio Mauro, Paolo Mieli, Antonio Padellaro, Paolo Rumiz, Nello Scavo, Michele Serra,  Marco Travaglio, Carlo Verdelli e molti altri. 

Come sempre, tanto spazio alla letteratura per ragazzi e alla fotografia nell’Arena The Photo/Book Cloud. Sempre più ricco il programma di appuntamenti per i professionali, provenienti dall’Italia e da tutto il mondo.

Dopo lo straordinario successo dello scorso anno, che ha registrato un nuovo record di presenze, dal 4 all’8 dicembre torna a Roma, nell’avveniristica cornice della Nuvola dell’Eur, Più libri più liberi, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, giunta alla diciottesima edizione. La manifestazione è promossa e organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE). La fiera si conferma come l’evento culturale più importante della Capitale – ormai sempre più riconosciuto sia a livello nazionale che internazionale – dedicato esclusivamente agli editori indipendenti italiani. Quest’anno oltre 520 espositori, provenienti da tutto il Paese, presenteranno al pubblico le novità e il proprio catalogo. Cinque giorni e più di 670 appuntamenti in cui ascoltare autori, assistere a letture, dibattiti, performance musicali e incontrare gli operatori professionali. L’inaugurazione ufficiale della Fiera si svolgerà il 4 dicembre, alle ore 10.30, al Caffè Letterario Rai.

La manifestazione è sostenuta dal Centro per il libro e la lettura, dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, dalla Regione Lazio, da Roma Capitale, dalla Camera di Commercio di RomaUnioncamere Lazio, dal Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria e da ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, con il contributo della Fondazione Cultura e Arte, ente strumentale della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e di BNL Gruppo BNP Paribas. È realizzata in collaborazione con Istituzione Biblioteche di RomaATAC Azienda per i trasporti capitolina, EUR spaRoma Convention Group e si avvale della Main Media Partnership di RAI. Più libri più liberi partecipa ad ALDUS, la rete europea delle fiere del libro cofinanziata dall’Unione Europea nell’ambito del programma Europa Creativa.

La manifestazione è presieduta da Annamaria Malato,diretta da Fabio Del Giudice e il programma culturale è pensato e curato da Silvia Barbagallo.


JOB&ORIENTA 2019

JOB&ORIENTA 2019

Fiera di Verona, dal 28 novembre al 30 novembre (29a edizione)

Salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro.

#illavorochevorrei: orientamento, innovazione, crescita sostenibile.

Giunge alla 29esima edizione JOB&Orienta, il salone nazionale dedicato all’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro in calendario alla Fiera di Verona da giovedì 28 a sabato 30 novembre 2019.

Di fronte a un sistema economico-produttivo in continua evoluzione e a un mercato del lavoro così complesso e difficile, JOB&Orienta vuole rafforzare il dialogo tra scuole e imprese, ponendosi come luogo di confronto e scambio tra i due mondi. L’appuntamento veronese, promosso da VeronaFiere e Regione del Veneto in collaborazione con Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, costituisce da sempre un punto di riferimento per giovani, famiglie e operatori del settore.

#illavorochevorrei: orientamento, innovazione, crescita sostenibile è il titolo che farà da filigrana alla prossima edizione. Intorno alle tre parole cardine si dipana infatti il dibattito più attuale sulla definizione delle competenze da formare guardando al futuro, ossia quelle più utili e strategiche sia per i giovani che per le imprese: per garantire migliori chance di occupazione ai primi e, al contempo, maggiore competitività alle aziende, come anche l’Europa sta indicando da tempo.

Oltre a offrire un’opportunità di confronto e aggiornamento per gli addetti ai lavori, il salone mira ad accompagnare i ragazzi e le loro famiglie nelle scelte scolastiche e universitarie, ma pure a supportare i giovani che si affacciano al mondo del lavoro, aiutandoli a rendere la loro ricerca più attiva ed efficace.

Anche quest’anno un ricco e articolato programma culturale: dai convegni, i dibattiti e i workshop dedicati alle tematiche più attuali e con ospiti di spicco del mondo dell’economia, della politica e dell’imprenditoria, fino ai laboratori interattivi, le simulazioni, gli spettacoli e i momenti di animazione. Non mancano, infine, le storie e le esperienze sviluppate sul campo e raccontate dagli stessi protagonisti. L’evento è inserito nel calendario ufficiale degli appuntamenti della European Vocational Skills Week (Settimana europea delle competenze professionali), promosso dalla Commissione Europea.

Dopo la “sperimentazione” largamente positiva degli scorsi anni, a JOB&Orienta si amplia e si rafforza la proposta di formazione per docenti e dirigenti scolastici, con una sezione dedicata: per loro un’opportunità di aggiornamento e sviluppo delle proprie competenze su temi come l’alternanza scuola lavoro, le nuove tecnologie per la didattica, l’innovazione dell’apprendimento…

JOB&Orienta è anche un’ampia rassegna espositiva – che vede presenti scuole, accademie e università, enti di formazione, istituzioni, imprese, centri per l’impiego e agenzie di servizi per il lavoro, associazioni di categoria, – sviluppata intorno a due aree tematiche: “Istruzione ed educazione” e “Università, formazione e lavoro”.

Sei i diversi percorsi contrassegnati da differenti colori: all’interno della prima sezione espositiva, i percorsi Educazione, Scuola e Formazione Docenti (arancione), Tecnologie e Media(oro) e Lingue straniere e Turismo (verde); nella seconda Formazione accademica (blu), Formazione professionale (argento) e Lavoro e Alta formazione (rosso), dove trova posto anche la Saletta TopJOB, uno spazio workshop per incontri con aziende e seminari rivolti in particolare ai giovani alla ricerca di lavoro.

Profilo trasversale a tutti i percorsi, CreativityJOB evidenzia le realtà che operano nella formazione nei settori creativi d’eccellenza del made in Italy (in particolare moda, design e gastronomia). Ci sono poi i profili JOBinGreen che intende valorizzare le buone pratiche di sostenibilità e sensibilizzare i visitatori sui temi; e JOBInternational, con proposte di stage e tirocini all’estero, opportunità di lavoro, scambi culturali e viaggi studio in tutto il mondo. A confermare la vocazione internazionale della manifestazione anche la Cittadella delle Università Straniere, uno spazio collocato all’interno del “percorso blu” che riunisce oltre 25 Università con sede all’estero.

Biumor – L’odio

L’odio sarà il tema di Biumor, il festival dell’umorismo organizzato da Popsophia in collaborazione con il Comune di Tolentino, che si svolgerà da mercoledì 20 a sabato 23 novembre. Dall’origine antropologica alla sua metamorfosi digitale, quattro giornate dedicate a un’indagine senza sconti del linguaggio dell’odio contemporaneo con la lente d’ingrandimento della filosofia.

Autonomia, parità e libertà di scelta educativa

Autonomia, parità e libertà di scelta educativa

Seminario di studio a Roma Il 14 Novembre con la Presidente del Senato e il Presidente della CEI  

Sul  tema: “Autonomia, parità e libertà di scelta educativa in Italia e in Europa”  giovedì 14 novembre 2019 si svolgerà a Roma presso la Sala Convegni USMI-CISM, Via Zanardelli, un seminario di studio con la partecipazione eccezionale della Presidente del Senato Maria Elisabetta ALBERTI CASELLATI, del Card. Gualtiero BASSETTI, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana , di Padre Luigi GAETANI, Presidente C.I.S.M. Nazionale

Nell’occasione sarà presentato il documento “Autonomia, parità e libertà di scelta educativa” che presenta i dati emergenti sulla scuola cattolica in Italia.

Hanno aderito all’incontro nazionale promosso dall’U.S.M.I Nazionale, con la partecipazione dei presidenti nazionali della FIDAE , Virginia KALADICH; dell’AGESC , Giancarlo FRARE; del CDO-FOE ,Marco MASI ; dei delegati della Scuola cattolica del CISM – Don Roberto DAL MOLIN ; del CONFAP , Suor Lauretta VALENTE e del Segretario Generale della FISM – Luigi MORGANO

La tavola rotonda sarà coordinata dalla giornalista Lorena BIANCHETTI

            Da tempo si attendeva un convegno nazionale su un tema di grande rilevanza sociale e culturale in difesa dei valori della libertà di scelta educativa, sancita dalla Costituzione Italiana, ma di fatto mortificata e osteggiata da una politica scolastica condizionata da ombre ideologiche e priva di obiettività nel valutare la qualità di un servizio pubblico svolto dalle strutture scolastiche paritarie d’ispirazione cattolica.

            Gli studenti che hanno frequentato le scuole cattoliche, oggi affermati professionisti, sono patrimonio della Comunità nazionale e lo Stato non ha fatto nulla per loro, anzi i loro genitori hanno pagato due volte il servizio scolastico, prima con le tasse allo Stato, senza avere i benefici del servizio scolastico e poi con l’onere della retta scolastica.

            Si registra ogni anno la chiusura di tante scuole cattoliche e si spengono dei fari di cultura e di civiltà che hanno svolto un lodevole e storico servizio al bene comune.

            “Il sistema scolastico è il primo fattore propulsivo di un Paese, sia a livello economico che sociale” afferma Suor Anna Monia Alfieri, paladina del progetto del “costo standard per studente “.

E’ necessario trovare una soluzione che possa salvaguardare la libertà di scelta educativa dei genitori, degli studenti e favorisca la piena realizzazione del loro diritto di apprendere senza discriminazione, garantendo ai docenti il diritto di insegnare a pari titolo con pari trattamento economico, nella scuola statale e paritaria, come avviene nei Paesi d’Europa. Solo l’Italia e la Grecia restano fuori da tale impianto organizzativo scolastico.

            Non ci si può allineare alla Comunità europea soltanto nel filone delle tasse, ma è necessario che vengano adottati quei modelli virtuosi che consentono e favoriscono non un’attività commerciale, ma un efficiente servizio scolastico di qualità, che possa essere di fatto pubblico e plurale.

            Il “senza discriminazione” che i Padri Costituenti hanno sancito per la Repubblica Italiana, nell’art. 3 della Carta Costituzionale, ben declinato nei diversi ambiti e settori, comprende anche il sistema scolastico nazionale che si articola in scuole statali e scuole paritarie.

Giuseppe Adernò

I HAVE A DREAM

9 NOVEMBRE – 7 DICEMBRE 2019

IN ANTEPRIMA A ROMA PRESSO 

SPAZIO5 DI VIA CRESCENZIO 99/D

PER IL PROGETTO:

HISTORY & PHOTOGRAPHY 

LA STORIA RACCONTATA DALLA FOTOGRAFIA

PRODOTTA PER I 50 ANNI DELL’ASSASSINIO DI MARTIN LUTHER KING (4 APRILE 1968) 

I HAVE A DREAM

LA LOTTA PER I DIRITTI CIVILI E POLITICI DEGLI AFROAMERICANI

DALLA SEGREGAZIONE RAZZIALE A MARTIN LUTHER KING

Apre il 9 novembre 2019 dalle 16.00 a Spazio5, in anteprima per il pubblico di Roma, l’esposizione fotografica “I have a dream. La lotta per i diritti civili e politici degli Afroamericani. Dalla segregazione razziale a Martin Luther King”. In programma fino al 7 dicembre 2019, rivolta al grande pubblico e alle scuole, la mostra si compone di circa 200 immagini (di cui oltre 60 stampate e le altre a monitor) provenienti per la maggior parte dagli archivi di stato americani Library of Congress e US NARA – National Archives and Records Administration. In esposizione anche una serie di rare foto a colori degli anni ‘30 e le opere di alcuni dei più grandi fotoreporter statunitensi della Grande Depressione e del New Deal. La mostra fa parte del progetto History & Photography (www.history-and-photography.com), che ha per obiettivo raccontare la Storia con la Fotografia (e la Storia della Fotografia) valorizzando e rendendo fruibili al grande pubblico e ai più giovani gli archivi storico fotografici italiani e internazionali pubblici e privati. Alle scuole sono proposte visite guidate, foto-proiezioni dal vivo e l’innovativa possibilità di utilizzare in classe per fare lezione le immagini della mostra (anche una volta terminata) tramite una semplice connessione web, un link riservato e una password.

LA MOSTRA

Apre il 9 novembre 2019 alle 16.00 presso SPAZIO5 (www.spazio5.com) di via Crescenzio 99/d, in anteprima per il pubblico romano, la mostra “I have a dream. La lotta per i diritti civili e politici degli Afroamericani. Dalla segregazione razziale a Martin Luther King”. Realizzata per i 50 anni dell’assassinio di Martin Luther King (avvenuto il 4 aprile 1968), in programma fino al 7 dicembre 2019, l’esposizione racconta la condizione dei neri nelle campagne e nelle città degli Stati Uniti tra la fine della Guerra Civile Americana e gli anni sessanta del Novecento, soffermandosi in particolare sugli eventi che portarono al Civil Rights Act del 1964 (il quale pose fine a ogni forma di discriminazione legale basata sulla razza, il colore della pelle, la religione, il sesso o le origini in ogni aspetto della vita pubblica) e al successivo Voting Rights Act del 1965 (che restaurò la tutela del diritto di voto a tutti i cittadini americani). Rivolta al grande pubblico e alle scuole, la mostra si compone di circa 200 immagini (riproduzioni digitali da stampe originali o da negativi, di cui oltre 60 stampate e le altre a monitor) provenienti per la maggior parte dagli archivi di stato americani, in particolare Library of Congress e National Archives and Records Administration. Molte delle foto esposte sono state realizzate da alcuni dei più grandi fotoreporter statunitensi dell’epoca – tra cui Dorothea Lange, Lewis Hine, Arthur Rothstein, Marion Post Wolcott, Jack Delano, Gordon Park – impegnati nella documentazione degli Stati Uniti degli anni trenta e quaranta per conto del governo americano che teneva in grande considerazione la fotografia come strumento per capire le condizioni di vita dei propri cittadini, in particolare nel periodo della Grande Depressione seguita al crack delle borse del 1929. In esposizione anche una serie di riproduzioni di rare foto a colori, per lo più diapositive. Curata da Alessandro Luigi Perna (www.alessandroluigiperna.com) e prodotta da Eff&Ci – Facciamo Cose (www.effeci-facciamocose.com), esposta a Roma in partnership con l’agenzia AGR di Maurizio Riccardi (www.agrpress.it) e l’Istituto Quinta Dimensione, la mostra fa parte del progetto History & Photography (www.history-and-photography.com) che ha per obiettivo raccontare la Storia con la Fotografia (e la Storia della Fotografia) valorizzando gli archivi storici fotografici italiani e internazionali, pubblici e privati. Alle scuole sono proposte visite guidate, foto-proiezioni dal vivo e l’innovativa possibilità offerta ai docenti di utilizzare in classe per fare lezione le immagini della mostra (anche una volta terminata) tramite una semplice connessione web, un link riservato e una password. Per i suoi contenuti e i suoi aspetti innovativi in campo educational Rai Scuola ha definito il progetto History & Photography “un unicum in Italia (e forse nel mondo)” – http://www.raiscuola.rai.it/gallery-refresh/i-have-a-dream-la-lotta-per-i-diritti-civili-degli-afroamericani-dalla-segregazione-razziale-a-martin-luther-king/1616/0/default.aspx.

LA STORIA

Con l’abolizione della schiavitù avvenuta alla fine della Guerra Civile Americana si aprono prospettive nuove per gli Afroamericani che cominciano una migrazione in più ondate verso le città industriali del Nord e dell’Ovest. Ma scoprono presto a loro spese che tutta la nazione è impregnata di razzismo nei loro confronti: sono molteplici infatti le rivolte contro l’arrivo delle famiglie di colore nei quartieri delle città abitate dai bianchi. Alla libertà non segue poi l’integrazione razziale ne la parità concreta dei diritti che rimane di fatto sulla carta. Alla fine dell’Ottocento, dopo una serie di sentenze costituzionali, comincia infatti la segregazione in ogni ambito della società: nelle scuole, nei cinema, negli ospedali, ecc. Anche la possibilità di esercitare il proprio diritto di voto, soprattutto negli stati del Sud, diventa sempre più difficile, ostacolata da un’infinita quantità di impedimenti burocratici concepiti apposta per gli Afroamericani. È anche l’epoca d’oro del Ku Klux Klan e dei linciaggi, che negli stati del Sud continueranno fino agli anni ‘60 del ‘900. Dopo la Seconda Guerra Mondiale la lotta per l’integrazione e il diritto di voto effettivo ovunque negli Stati Uniti prende nuovo vigore. A fare la differenza è la seconda metà degli anni ‘50, quando una serie di sentenze cominciano a demolire il sistema della segregazione nelle scuole. Ma è negli anni ’60 che finalmente l’obiettivo dell’effettiva parità è a portata di mano, quando si afferma il Movimento per i Diritti Civili degli Afroamericani capitanato da Martin Luther King – movimento non violento, sebbene le continue esplosioni di violenza a sfondo razziale sia da parte dei bianchi che dei neri. A favorirne il successo è il supporto dei bianchi progressisti (e delle star del cinema e della musica), il denaro fornito dai sindacati democratici e l’appoggio alla causa antirazzista prima del presidente John Fitzgerald Kennedy e poi, dopo il suo omicidio, del suo successore Lyndon B. Johnson. Con la fine degli anni sessanta finisce la segregazione dal punto di vista legale e vengono rimossi gli ostacoli al libero esercizio del voto degli Afroamericani. Ma i razzisti hanno la loro vendetta: il 4 aprile del 1968 infatti Martin Luther King viene assassinato.

IL CURATORE 

Alessandro Luigi Perna è un giornalista pubblicista, un consulente (editoria, fotografia, comunicazione) e un curatore e organizzatore di iniziative con la fotografia sia contemporanea che storica, sia rivolte al grande pubblico che a scuole e università. È specializzato inoltre nella valorizzazione e promozione di archivi di fotografi, agenzie, case editrici, musei, aziende. Fornisce servizi di consulenza a fotografi (progettualità, comunicazione, cura e organizzazione) e gallerie espositive (direzione artistica, organizzazione, gestione spazi, comunicazione). In curriculum ha moltissimi articoli di fotografia, numerose interviste a grandi fotografi internazionali, alcuni volumi fotografici, decine di mostre realizzate con enti pubblici e privati, la cura di tre festival. È stato co-ideatore e co-curatore delle prime tre edizioni di Memorandum – Festival della Fotografia Storica di Biella e Torino, co-curatore della sezione fotografica del festival Urbana di Biella e ideatore, curatore e co-produttore di All you need is photography! Unlimited Edition Photo Festival di Milano. Ha curato mostre in Triennale, Fondazione Stelline di Milano, Casa dei Tre Oci di Venezia, Museo di Arte Contemporanea di Lucca, Museo delle Scienze di Torino, etc. Ha realizzato mostre o fotoproiezioni con gli archivi fotografici di Fiat, Alenia, Pirelli, Olivetti, Unione Industriali Torino, L’Europeo – RCS, Touring Club, Società Geografica Italiana, Museo del Risorgimento di Torino, Musei Civici di Pavia, Università degli Studi di Torino – Museo della Facoltà di Antropologia, Museo del Calcio di Coverciano, etc. E con numerosi archivi internazionali publici e privati tra cui, tra gli altri, quelli dei Musei di Londra, degli US National Archives, della Library of Congress, della US Navy, del US Marine Corp, del Ministerio de Educación, Cultura y Deporte di Madrid, etc. Ha curato esposizioni di numerosi fotografi, viventi e non, tra cui Michel Comte, Roberto Polillo, Cesare Colombo, Romano Cagnoni, Giovanni Porzio, Giancolombo,  Frank Hurley, Gianfranco Moroldo, Santi Visalli, Guido Alberto Rossi, Nicola Ughi, etc. Ha esposto (occupandosi di promozione, coordinamento, organizzazione e/o produzione, etc.) mostre di: Magnum (collettiva), Bruno Barbey (Magnum), Herman Leonard, Pino Ninfa, Roberto Polillo, etc. Da qualche anno con il progetto History & Photography, realizzato in partnership con Eff&Ci – Facciamo Cose di Federica Candela, racconta la Storia della Fotografia e del mondo contemporaneo sia al grande pubblico che ai ragazzi delle scuole con mostre e foto-proiezioni.

EFF&CI – FACCIAMO COSE 

Fornisce servizi a chi opera nella cultura e nel sociale come enti pubblici e associazioni e propone agli artisti dal supporto alle loro esigenze espositive fino alla progettazione, cura, allestimento, esposizione e promozione delle loro mostre. Nel corso di questi anni ha organizzato presso la Casa di Vetro di Milano diverse iniziative espositive – personali e collettive di fotografia, pittura e scultura, di artisti italiani e stranieri. Nell’ambito del progetto History & Photography, di cui è partner e produttrice, ha realizzato numerose mostre di fotografia storica.

ISTITUTO QUINTA DIMENSIONE – SPAZIO5

Spazio5 è la sede dell’Istituto Quinta Dimensione che si propone alle aziende, al mondo dell’arte e della comunicazione mettendo a disposizione competenza, esperienza e professionalità. L’Istituto Quinta Dimensione è un’associazione senza scopo di lucro, che nasce dalla volontà di dare spazio a fotografi, artisti e scrittori fornendo loro la possibilità di presentare i propri lavori nel centro di Roma a costi contenuti. L’intento dei soci dell’Istituto è anche quello di preservare questo luogo, ora denominato Spazio5, ma già punto di ritrovo di innumerevoli artisti negli anni ’60 e ’70 col nome “Galleria Scalette Rosse”.

AGENZIA AGR DI MAURIZIO RICCARDI

Dal 1992, l’agenzia AGR di Maurizio Riccardi fornisce immagini di archivio e foto relative a notizie di cronaca, politica, economia, sport e spettacolo alle principali testate giornalistiche ed emittenti televisive, nazionali e internazionali. L’agenzia affonda le sue radici nel lontano 1945, quando subito dopo la Seconda Guerra Mondiale Carlo Riccardi inizia a comporre quello che sarebbe diventato il più grande archivio fotografico privato italiano: l’Archivio Riccardi. Iscritto presso la Sovrintendenza Archivistica del Lazio di Roma in qualità di Patrimonio di interesse nazionale, l’Archivio Riccardi è composto da oltre tre milioni di negativi originali e altrettante foto digitali, che ritraggono infiniti momenti più o meno noti della vita politica, sociale e di costume che hanno caratterizzato gli ultimi settanta anni di Storia italiana.

H&P RACCONTA L’EPOPEA DEI DIRITTI CIVILI

In occasione del cinquantenario dell’assassinio di Martin Luther King, avvenuto il 4 aprile del 1968 la mostra “I HAVE A DREAM. La lotta per i diritti civili degli Afroamericani. Dalla segregazione razziale a Martin Luther King” racconta la condizione dei neri nelle campagne e nelle città degli Stati Uniti tra la fine della Guerra Civile Americana e gli anni ‘60 del Novecento, soffermandosi in particolare sugli eventi che portarono al Civil Rights Act del 1964 (che pose fine a ogni forma di discriminazione basata sulla razza, il colore della pelle, la religione, il sesso o le origini in ogni aspetto della vita pubblica) e al successivo Voting Rights Act del 1965 (che restaurò la tutela del diritto di voto a tutti i cittadini americani). Rivolta al grande pubblico e alle scuole, l’esposizione si compone di circa 200 immagini (riprouzioni digitali da stampe originali o da negativi, di cui oltre 60 stampate e le altre a monitor) provenienti per la maggior parte dagli Archivi di Stato americani, in particolare Library of Congress e National Archives and Records Administration. Molte delle foto esposte sono state realizzate da alcuni dei più grandi fotoreporter statunitensi dell’epoca – tra cui Dorothea Lange, Lewis Hine, Arthur Rothstein, Marion Post Wolcott, Jack Delano, Gordon Park – impegnati nella documentazione degli Stati Uniti degli anni ’30 e ’40 per conto del governo americano che teneva in grande considerazione la fotografia come strumento per capire le condizioni di vita dei propri cittadini, in particolare nel periodo della grande depressione seguita al crack delle borse del 1929. In esposizione anche una serie di riproduzioni di rare foto a colori, per lo più diapositive. Curata da Alessandro Luigi Perna (www.alessandroluigiperna.com) e prodotta da Eff&Ci – Facciamo Cose (www.effeci-facciamocose.com), la mostra fa parte del progetto History & Photography (www.history-and-photography.com) che ha per obiettivo raccontare la Storia con la Fotografia (e la Storia della Fotografia) valorizzando gli archivi storici fotografici italiani e internazionali, pubblici e privati. Alle scuole sono proposte visite guidate, foto-proiezioni dal vivo e l’innovativa possibilità offerta ai docenti di utilizzare in classe per fare lezione le immagini della mostra (anche una volta terminata) tramite una semplice connessione web, un link riservato e una password.

DALLA GUERRA CIVILE A MARTIN LUTHER KING

Con l’abolizione della schiavitù avvenuta alla fine della Guerra Civile Americana si aprono prospettive nuove per gli afroamericani che cominciano in più ondate a emigrare verso le città industriali del nord e dell’ovest. Ma i cittadini di colore scoprono presto a loro spese che tutta la nazione è impregnata di razzismo nei loro confronti: sono infatti molteplici le rivolte di bianchi che si oppongono all’arrivo delle famiglie afroamericane nei loro quartieri. Alla libertà non segue poi l’integrazione razziale né la parità concreta dei diritti che rimane di fatto sulla carta. Alla fine dell’800, una serie di sentenze costituzionali locali e federali riassumibili nel concetto di “uguali ma separati” sanciscono sì la parità di diritti ma anche la segregazione, che si applica ovunque: nelle scuole, nei cinema, negli ospedali, etc. L’esercizio del diritto di voto poi, soprattutto negli stati del sud, diventa sempre più difficile, ostacolato da un’infinita quantità di impedimenti burocratici concepiti apposta per gli afroamericani. Il passaggio tra i due secoli è l’epoca d’oro del Ku Klux Klan e dei linciaggi, che negli stati del sud continueranno fino agli anni ’60 del ‘900. Dopo la seconda guerra mondiale, quando molti soldati neri tornano dal fronte dopo aver combattuto per sconfiggere la follia razziale nazista e giapponese,  la lotta per l’integrazione e il diritto di voto effettivo prende nuovo vigore. A fare la differenza è la seconda metà degli anni ’50, quando una serie di sentenze cominciano a demolire il sistema dell’apartheid nelle scuole. Ma è negli anni ’60, quando si afferma il  movimento per i diritti civili degli afroamericani capitanato da Martin Luther King, che finalmente l’obiettivo dell’effettiva parità è a portata di mano. A favorirne il successo è il supporto dei bianchi progressisti (e delle star del cinema e della musica), il denaro fornito dai sindacati democratici e l’appoggio alla causa antirazzista prima del presidente John Kennedy e poi, dopo il suo assassinio, del suo successore Lyndon B. Johnson. Con la fine degli anni ’60 finisce l’apartheid e vengono rimossi gli ostacoli al libero esercizio del voto degli afroamericani. Ma i razzisti hanno la loro vendetta: nell’aprile del 1968 infatti Martin Luther King viene assassinato. La violenza si prende la sua rivincita sulla non-violenza.

LA STORIA DEL COMMERCIO DEGLI SCHIAVI IN OCCIDENTE

Schiavi per natura o schiavi per legge. Gli schiavi greci rientrano nel primo caso, quelli romani nel secondo. In Europa lo schiavismo è abolito durante il medioevo, soprattutto grazie all’azione del papato. Ma il commercio è tollerato. E il principale mercato di schiavi è organizzato dai re di Francia nella città di Verdun, “la fabbrica degli eunuchi”. A esserne vittime sono soprattutto polacchi e lituani, a tenere le redini della tratta sono mercanti ebrei. I clienti invece sono arabi e turchi e li usano come muratori, contadini e rematori sulle galee. Chiunque siano di volta in volta gli interlocutori, Arabi e turchi in ogni caso il commercio degli schiavi a spese dei bianchi europei lo portano avanti su larga scala fino al XVIII secolo con una recrudescenza ai tempi di Napoleone. In particolare gli piace rapirli nei paesi slavi oppure razziarli sulle coste dell’Italia e in quelle spagnole. All’epoca è per questo che il Mediterraneo è considerato il “Mare della Paura”. Sono invece direttamente gli arabi a gestire gran parte del mercato degli schiavi in Africa. Li rivendono ancora integri fisicamente agli europei che li portano nelle Americhe, castrati ai loro clienti nordafricani e del medio oriente. Ecco perché si trovano discendenti di schiavi neri al di là dell’Atlantico ma non nel mondo mussulmano. Il commercio è autorizzato dal Corano. Maometto infatti ha degli schiavi presso di sé. E se li ha lui possono averli tutti. Solo negli anni ’60 del ‘900 lo schiavismo è abolito per legge nei paesi mussulmani dalle autorità coloniali europee, anche se molti iman locali la reputano un’imposizione indebita degli occidentali. Ai bianchi delle Americhe gli schiavi neri servono per sostituire le popolazioni locali, asservite e sterminate perché non reggono allo sfruttamento fisico e alle malattie portate dai conquistatori. In particolare ai bianchi del sud degli Stati Uniti servono nelle piantagioni, per produrre cotone a basso costo e rivenderlo alle industrie tessili inglesi, alimentando la rivoluzione industriale. I primi schiavi neri arrivano negli Stati Uniti (allora ancora colonie inglesi) nella prima metà del ‘600 come servi con l’obbligo di servire almeno 7 anni prima di essere liberati. Ma nell’illuminato ‘700 invece di migliorare la situazione peggiora e si passa dalla servitù alla schiavitù. La materia prima in carne e ossa si compra sulla Costa degli Schiavi tra il Senegal e il Benin. Oltre agli arabi, a rifornire i mercanti occidentali razziando le tribù dell’interno del continente sono in particolare due regni africani dalla pelle nera, sempre in guerra tra loro per il monopolio dell’infame commercio: il  regno del Dahomey e l’Impero Oyo – dotati di armi da fuoco, cavalleria e amazzoni.  A comprargli uomini e donne in  cattività e poi a gestirne il commercio nell’Oceano Atlantico sono compagnie commerciali francesi, olandesi, tedesche e inglesi. Fra tutte spicca la English Royal African Company, che vende schiavi alle colonie più disparate. Il commercio di persone via mare in occidente finisce progressivamente a metà dell’800 quando tutti i paesi europei si mettono d’accordo nel considerarlo atto di pirateria. Il primo paese delle Americhe ad abolire la schiavitù è Haiti, l’ultimo il Brasile. 

Titolo:

I have a dream. La lotta per i diritti civili e politici degli Afroamericani. Dalla segregazione razziale a Martin Luther King”

Una produzione di: 

Eff&Ci – Facciamo Cose 

In partnership allo Spazio 5 con:

AGR Press 

Istituto Quinta Dimensione 

A cura di: 

Alessandro Luigi Perna 

Per il progetto:

History & Photography – La Storia raccontata dalla Fotografia

Foto di:

N.A.R.A. – National Archives and Records Administration

Library of Congress

Archivi vari

INFORMAZIONI

Apertura al pubblico:

9 novembre 2019 – ore 16.00 / 20.00

Periodo di esposizione:

Dal 9 novembre al 7 dicembre 2019 

Giorni e orari:

Tutti i giorni dalle 16.00 alle 20.00 

Ingresso: 

€ 6,00

Visite guidate:

€ 12,00 (su appuntamento per un minimo di 10 persone)

Sede dell’esposizione:

Spazio 5

via Crescenzio 99/d 

00193 – Roma

Come arrivare:

Metro A, fermata Ottaviano

Tram 19 e autobus 81, capolinea Piazza Risorgimento

Autobus 492, fermata via Crescenzio/Piazza Risorgimento

Info per il pubblico: 

Tel: 348/4814089 

info@spazio5.com

www.spazio5.com

www.effeci-facciamocose.com

www.history-and-photography.com

Le vicende del confine orientale e il mondo della scuola

Nota 14 ottobre 2019, AOODGOSV 21278
X Seminario nazionale 2019. Le vicende del confine orientale e il mondo della scuola. L’identità storica, sociale e culturale italiana nell’ Adriatico orientale. Trieste 7 – 9 novembre 2019


Un incontro di formazione rivolto a 60 docenti di scuole di ogni ordine e grado, provenienti da varie Regioni, dedicato alla storia italiana sul confine orientale. Si apre oggi a Trieste, dalle ore 15.00, presso la Sala Conferenze NH, in Corso Camillo Benso Conte di Cavour 7, il X Seminario nazionale “Le vicende del confine orientale e il mondo della scuola. L’identità storica, sociale e culturale italiana nell’Adriatico orientale”.

L’evento è organizzato, come ogni anno, dalla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione e dalla Direzione generale per lo studente, l’integrazione e la partecipazione del MIUR, in collaborazione con le Associazioni degli Esuli. L’obiettivo, come previsto dalla legge 92/2004, è migliorare la conoscenza delle vicende del confine orientale italiano e l’esodo dei cittadini italiani dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia.

Il programma prevede l’inquadramento storico del tema, a partire dal Trattato di Campoformio (che nel 1797 segnò la fine della Repubblica di Venezia e l’inizio della crisi degli Italiani d’Adriatico), per giungere alle vicende del secondo dopoguerra e al Trattato di Parigi del 1947, che ratificò il passaggio di Istria e Dalmazia alla Jugoslavia, determinando l’esodo del novanta per cento della popolazione italiana (circa 350.000 persone), che abbandonò casa e averi e cercò rifugio in Italia o emigrò oltreoceano. Si affronterà in maniera peculiare il riflesso della questione orientale nei dibattiti della Costituente.

Nella parte del Seminario “Foibe ed esodo” si tratteranno gli eccidi che dal 1943 hanno rappresentato la frattura più grave nella storia dell’Istria: l’equilibrio antropologico raggiunto dalla società istriana è stato bruscamente alterato, insinuando, in una società povera, la paura e il conseguente fenomeno immenso di fuga dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia.

La visita nei Luoghi del Ricordo, Magazzino 18, Museo di Padriciano e Foiba di Basovizza, rappresenterà il laboratorio didattico dedicato alla storia, curato annualmente dal mondo della Scuola con la Ricorrenza del “10 febbraio”.

La visita a Pirano costituirà infine il preludio alla comprensione dell’italianità dei tanti Personaggi esuli che hanno dato lustro alla storia del nostro Paese, tematica suggerita dal Concorso nazionale “10 febbraio”, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2019/2020.

LEF 2019

Dal 6 al 16 novembre a Poggibonsi (Si) la quarta edizione del festival dedicato al mondo della scuola

A Poggibonsi la quarta edizione del festival pedagogico LEF

Tra gli interventi lo psicoanalista Massimo Recalcati, la giornalista Caterina Soffici, lo psicologo Giuseppe Lavenia, l’associazione Parole Ostili, la compagnia degli Omini

Tutto pronto a Poggibonsi, in provincia di Siena, per  l’ormai consueto appuntamento con Lef, il festival pedagogico dedicato ai temi della scuola, del rispetto e della genitorialità, quest’anno giunto alla sua quarta edizione. Liberté, egalité, fraternité, i termini che compongono l’acronimo del titolo, fanno riferimento ai valori fondativi delle democrazie occidentali e rappresentano anche un augurio per le bambine e i bambini, le ragazze e i ragazzi, che potranno essere gli adulti di domani e a cui il festival si propone di offrire delle opportunità di crescita.

“Siamo contenti di poter proporre anche per questa quarta edizione un cartellone ricchissimo – commenta Susanna Salvadori, assessore alle Politiche Educative di Poggibonsi- Grandi nomi per i seminari che quest’anno avranno al centro le parole. Le parole che diventiamo,quelle tra genitori e figli, ma anche quelle per comunicare con rispetto, le parole lette e pronunciate ad alta voce. Spazio anche ai temi dell’ambiente e della legalità e alla riflessione sulla lettura. Ci rivolgiamo come sempre al mondo della scuola, ma non solo, a genitori, studentesse e studenti, operatori, docenti e a tutti coloro che sono interessati a questi temi. Ringraziamo come sempre le scuole della Valdelsa che hanno aderito al nostro programma e che, in alcuni casi, ospiteranno alcune delle iniziative in cartellone.”

Dal 6 al 16 novembre saranno ospiti del festival grandi nomi come lo psicoanalista Massimo Recalcati, la giornalista e scrittrice Caterina Soffici, il presidente dell’associazione Dipendenze Tecnologiche Giuseppe Lavenia,il professor Federico Batini e la scrittrice Giusy Marchetta. Oltre agli incontri conferenza, spazio alle lezioni dialogate nelle scuole, ai laboratori creativi, al teatro e alla street art. 

Il Festival è realizzato da Fondazione Elsa Culture Comuni e Comune di Poggibonsi – Assessorato alle Politiche educative con il sostegno di Unicoop e Sezione Soci Coop Poggibonsi e di Cir food. Numerose anche le associazioni del territorio coinvolte: Associazione Timbre, Comitato genitori comprensivo 1 e 2 Poggibonsi, Associazione Pratika Onlus, Associazione C6. Collaborano al festival anche Scuola Pubblica di Musica di Poggibonsi, Associazione MixedMedia, Extempora, TvedoTv, il Liceo “A.Volta” di Colle di Val d’Elsa e l’ I.I.S. Roncalli di Poggibonsi, Olivia Libreria Bistrot, Biblioteca Marcello Braccagni di Colle Val d’Elsa e  Libreria Mondadori Discoshop.

Si comincia mercoledì 6 novembre alle ore 16 con la lezione magistrale Genitori e figli nel nostro tempo del celebre psicoanalista Massimo Recalcati. L’incontro si svolgerà presso la sala La Ginestra in via Trento a Poggibonsi.

Giovedì 7 novembre alle ore 11 nell’aula magna dell’IIS Roncalli di Poggibonsi la giornalista e scrittrice Caterina Soffici si confronterà con gli studenti sul tema attualissimo della fuoriuscita del Regno Unito dall’UE nella conferenza, moderata dalla professoressa Laura Provvedi, Dove va l’Europa, tra Brexit e migrazioni.

Venerdì 8 novembre sarà una giornata dedicata ai temi della lettura e dell’ambiente. 

Primo appuntamento alle ore 9 al Politeama con l’iniziativa Dopo ricreazione si legge l’ambiente, maratona di lettura green. L’evento coinvolgerà i Comprensivi 1 e 2 di Poggibonsi e il Comprensivo 2 di Colle Val d’Elsa.

Alle ore 15, presso la libreria Olivia Libreria Bistrot, Come scegliere libri per bambini e ragazzi?, micro seminario a numero chiuso per genitori, a cura di Federica Galvani, editor e promotrice della lettura e di Francesca Fattorini, atelierista e promotrice della lettura ad alta voce. Per partecipare è necessario prenotare allo 0577 1650737. 

Alle ore 16.30, nella sala Set del Politeama,  Leggere con i preadolescenti – “Qualcuno con cui correre” dal laboratorio di lettura in classe al blog, incontro formativo con Matteo Biagi, insegnante, redattore di LibriCalzelunghe e membro del Comitato Scientifico di Libernauta, uno dei massimi progetti italiani di promozione della lettura per gli adolescenti.

 Alle 18.30, sempre da Olivia Libreria BistrotTi leggo una storia… con il kamishibai  di Sara Di Crescenzio, promotrice della lettura, incontri di lettura per la fascia 6- 9 anni (massimo due gruppi di quindici bambini ciascuno). Anche per questi incontri è necessaria la prenotazione allo 0577 1650737 In contemporanea, alle 18.30 in sala Set, Dimmi quello che non so. Due ragazzi e una scuola per tutti , Presentazione del romanzo di formazione di Luisa Mattia che racconta l’avvento della scuola media unificata. Presenti l’autrice Luisa Mattia e l’illustratore Otto Gabos per leggere e parlare attorno al libro. Modera, Martina Evangelista, direttrice Associazione Pratika. Gli incontri dell’intera giornata dell’8 novembre sono realizzati grazie al progetto “Coltivare lettori per il futuro”, realizzato da Associazione Pratika e finanziato da Cepell (Mibac)

Sabato 9 novembre, alle ore 9 nella sala Set del Politeama, Quinto seminario di “Coltivare lettori” progetto Cepell, con Martina Evangelista (Associazione Pratika) e Federico Batini (Università degli Studi di Perugia), alle ore 10, presso la Biblioteca Comunale di Colle val d’Elsa, Maratona di lettura ad alta voce con gli alunni della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo 1 A. Salvetti di Colle di Val d’Elsa impegnati nella lettura ad alta voce degli incipit dei libri da loro scelti.

Sempre sabato 9 novembre, alle 17 in sala Set, Mio figlio non riesce a stare senza smartphoneincontro con Giuseppe Lavenia, psicologo e psicoterapeuta, presidente dell’Associazione Dite, Dipendenze Tecnologiche e tra i maggiori esperti italiani di dipendenze tecnologiche e cyber bullismo. Alle 18.15, sempre in sala Set, La scuola è politica. Abbecedario laico, popolare e democratico Simone Giusti, insegnante, formatore e saggista, docente di Didattica della Letteratura all’Università degli Studi di Siena  e Giusy Marchetta, scrittrice, presentano il volume edito da Effequ nel settembre 2019 (volume di Federico Batini, Simone Giusti, Giusy Marchetta, Vanessa Roghi a cura di Simone Giusti). Evento realizzato in collaborazione con Associazione Pratika. 

Domenica 10 novembre appuntamento al terzo piano dell’ Accabì con i laboratori Parole e note, a cura della Scuola Pubblica di Musica di Poggibonsi. Dalle 16.30 alle 17.30 laboratori per bambini fino ai 6 anni, dalle 18 per i bambini sopra i 6 anni. Alle 17.30, pausa merenda organizzata da Cirfood.

Lunedì 11 novembre alle 10.30, presso la scuola secondaria di primo grado Marmocchi del Comprensivo 1, il laboratorio di street art You are Street Art Wall d’ Elsa, a cura di Mixed Media in collaborazione con FTSA, Coop 21, e FTSA.

Martedì 12 novembre alle 17, al terzo piano dell’Accabì, Storie in miniatura, a cura dei servizi educativi del Comune di Poggibonsi.

Mercoledì 13 novembre, alle 10.30 nella sala maggiore del Politeama, lo spettacolo teatrale Una storia disegnata nell’aria, per raccontare Rita che sfidò la mafia con Paolo Borsellino della Compagnia Nonsolo Teatro. Lo spettacolo, che affronta i temi della legalità e della lotta alla mafia, è rivolto alle classi II e III della scuola secondaria di primo grado e a tutte le classi della scuola secondaria di secondo grado. A tutti i partecipanti verrà offerta la merenda dalla Sezione Soci Coop Poggibonsi. L’evento è a cura di Associazione Timbre e Fondazione Elsa.

Giovedì 14 novembre, alle 11.30 nell’aula magna dell’IIS Roncalli, Realtà e leggenda dell’intelligenza artificiale, incontro con Ernesto Di Iorio, AD di Questit.

Venerdì 15 novembre, alle ore 11 presso il Liceo Volta di Colle di Val d’Elsa, Le parole sono un ponte.Manifesto della comunicazione non ostile, a cura dell’Associazione Parole Ostili.

Venerdì 15 novembre alle 21.30, nella sala Set del Politeama, lo spettacolo teatrale degli Omini La famiglia campione, a cura dell’Associazione Timbre per la rassegna Sipario Aperto 2019.

Sabato 16 novembre, alle ore 9 al terzo piano dell’Accabì, il seminario Educare in continuità in Valdelsa, tra formazione e buone pratiche. Un’ipotesi curricolare.  Inizio alle ore 9 con l’ accoglienza dei partecipanti, alle 9. 30 i saluti istituzionali e poi gli interventi, dalle 9.45 alle 11, coordinati da Chiara Melani, presidente di C6: Il coordinamento pedagogico nella prospettiva di continuità 0-6, intervento di Daniela Donadio, coordinatrice pedagogica dell’Associazione C6, Continuità tra ricerca e formazione, di Fernanda Cecchi, coordinatrice pedagogica, La continuità 0-6, riflessioni per una prospettiva condivisa, di Erika Bagni, coordinatrice pedagogica. Dopo la pausa caffè, 11- 11.15, i lavori riprendono con la tavola rotonda Buone pratiche, esperienze delle scuole dell’infanzia del territorio a cui interverranno i Comprensivi 1 e 2 di Poggibonsi e Colle di Val d’Elsa e la Scuola d’Infanzia Umberto I di Poggibonsi. Coordina l’incontro Tania Mariotti, coordinatrice pedagogica dell’Associazione C6. Le conclusioni, Prospettive di continuità, riflessioni dal panorama nazionale e regionale, sono affidate a Jessica Magrini, coordinatrice pedagogica di C6. A conclusione il pranzo organizzato da Cirfood.

Tutti gli incontri sono a ingresso libero.

Intelligenza Artificiale nella PA: esperienze e prospettive

Intelligenza Artificiale nella PA: esperienze e prospettive

Evento dedicato agli sviluppi e delle possibili applicazioni di Intelligenza Artificiale nella Pubblica Amministrazione, anche tramite il racconto di esperienze già in atto


Martedì 5 novembre, dalle ore 9.30, presso la Sala “Aldo Moro” del MIUR, si svolge il convegno “Intelligenza Artificiale nella PA: esperienze e prospettive”.

L’evento è organizzato dalla Direzione Generale per i Contratti, gli Acquisti e per i Sistemi Informativi e la Statistica del MIUR, dal Dipartimento di Informatica dell’Università Sapienza di Roma e da PRS Planning Ricerche e Studi. L’obiettivo è fornire un quadro degli sviluppi e delle possibili applicazioni di Intelligenza Artificiale nella Pubblica Amministrazione, anche tramite il racconto di esperienze già in atto.

Il tema è di particolare rilevanza. I grandi centri di ricerca hanno stimato che, attraverso una più diffusa introduzione di soluzioni basate sull’Intelligenza Artificiale, l’Europa, nei prossimi dieci anni, potrà beneficiare di un incremento del Prodotto Interno Lordo di circa il 19%, generando un forte impatto sia sullo sviluppo economico, sia in termini di mutamenti del mondo del lavoro e delle professioni.

Già oggi le applicazioni basate sull’Intelligenza Artificiale si presentano come strumenti potenzialmente in grado di affrontare alcune delle sfide più pressanti per il futuro, migliorare l’efficienza delle organizzazioni e contribuire all’innalzamento della qualità della vita dei cittadini. Queste applicazioni trovano utilizzo nell’ambito di alcuni servizi, generando efficienze e ampliamento, H24 e sette giorni su sette, nella fruibilità dei servizi da parte dell’utenza.

Tuttavia, si tratta di tecnologie che pongono interrogativi di natura etica e su possibili rischi, che vanno da un eventuale utilizzo fraudolento, alla possibile violazione dei dati personali, alla diffusione di dati aziendali e/o privati, nonché alla generazione e diffusione di dati e informazioni falsi ma altamente credibili, sempre più indistinguibili da quelli veri. Esiste, pertanto, un forte intreccio tra le più innovative e promettenti soluzioni basate sull’Intelligenza Artificiale e la cybersecurity. Questa correlazione è destinata a diventare sempre più indissolubilmente forte nel prossimo futuro.

In questo senso il convegno, oltre a offrire una panoramica sulle prospettive allo studio, intende offrire una riflessione sulle più significative implicazioni nel segmento della Pubblica Amministrazione, a cui contribuiranno gli interventi di:

Dott.ssa Gianna Barbieri – Direttore Generale DGCASIS – MIUR e chairman del convegno;

Prof. Filippo Castiglione – Institute for Applied Computing – CNR;

Dott. Walter Aglietti – Direttore dei laboratori software IBM Italia;

Prof. Luigi V. Mancini – Dipartimento di Informatica Università Sapienza di Roma;

Dott. Paolo De Santis – Responsabile dello sviluppo del sistema informativo del MIUR;

Avv. Carla Secchieri – componente del Consiglio Nazionale Forense;

Prof. Fabio Galasso – Dipartimento di Informatica Sapienza Università di Roma;

Avv. Alessio Pellegrino – esperto di protezione dei dati personali.