Archivi categoria: Formazione

Nota 4 maggio 2021, AOODGOSV 10630

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI
Al Capo dell’Ufficio V della DGSP del MAECI ROMA
Al Sovrintendente agli Studi della Valle d’Aosta AOSTA
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione per la Provincia Autonoma di TRENTO
All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di BOLZANO
Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO
Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie del primo e secondo ciclo di istruzione e LORO SEDI
Ai Dirigenti scolastici dei Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti LORO SEDI
e.p.c. All’Ufficio del Consigliere Diplomatico SEDE
Al Capo Ufficio Stampa SEDE
Al Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione SEDE
Alla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO ROMA

OGGETTO: Celebrazione delle Giornate Internazionali della Diversità Culturale UNESCO e della Biodiversità ONU – Convegno internazionale Diversità culturale e biodiversità: la questione del cibo. 21 maggio 2021 ore 9.00-18.00 Piattaforma Zoom.

Insieme

“Insieme” è la nuova iniziativa del Ministero dell’Istruzione e della Corte costituzionale.

Una serie di incontri tra giudici costituzionali e scuole, dal 3 maggio e fino al 2 giugno, per sancire il sentimento di appartenenza alla res pubblica, intesa come comunità di donne, uomini e istituzioni impegnati, giorno dopo giorno, a dare attuazione ai valori costituzionali che sono alla radice del nostro “stare insieme”.

“Insieme”verso il 2 giugno, traguardo simbolico e punto di partenza dell’impegno costante di istituzioni e cittadini per approfondire la conoscenza della Costituzione, che la legge 20 agosto 2019 n. 92 pone alla base dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica. Un percorso etico, culturale, giuridico, che viene da lontano e guarda al futuro, per costruire una comune coscienza civica.  

Dopo il “Viaggio in Italia, la Corte costituzionale nelle scuole”, interrotto bruscamente dalla pandemia a febbraio 2020, con questa iniziativa riprende la collaborazione diretta tra Ministero dell’Istruzione e Consulta – sia pure con le modalità che l’attuale contesto emergenziale consente – anche come segnale di ritorno alla normalità.  

Negli incontri in calendario tra i giudici costituzionali e le scuole secondarie di secondo grado saranno approfonditi temi riconducibili ai principi costituzionali, prendendo spunto dagli episodi della Libreria dei Podcast della Corte costituzionale. Si parlerà, quindi, di arte, scienza e libertà di pensiero (articolo 33 della Costituzione); di bilancio come bene pubblico, debito e giovani (articolo 81); di referendum (articolo 75); di parità di genere (articoli 3 e 51); di lavoro e welfare (articoli 4, 32, 37, 38); di dignità e solidarietà (articolo 2); di funzione rieducativa della pena (articolo 27) e di molto altro ancora. Naturalmente, si parlerà della Corte costituzionale, organo di garanzia dei diritti fondamentale e del rispetto delle regole istituzionali.   

Su questi temi, dopo l’introduzione dei giudici, avrà luogo un’interlocuzione con le studentesse e gli studenti.  

Ogni incontro si svolgerà con collegamento da remoto e sarà trasmesso in diretta streaming, accessibile dal sito del Ministero dell’Istruzione, in modo da consentire la partecipazione del maggior numero di studenti, anche diversi da quelli direttamente coinvolti nell’incontro.

ITS POP DAYS

GLI ITS POP DAYS AI BLOCCHI DI PARTENZA, A MAGGIO LA PRIMA FIERA VIRTUALE DEGLI ISTITUTI TECNICI SUPERIORI

Un evento di Confindustria, Umana e INDIRE per l’orientamento nelle Accademie del Made in Italy

Diffondere e implementare la conoscenza degli Istituti Tecnici Superiori (ITS), evidenziandone il valore e l’efficacia come vere e proprie “officine del sapere tecnico” ad alto contenuto tecnologico e anche come garanzia per l’occupabilità dei giovani.

È questo lo scopo degli ITS POP DAYS, la prima fiera virtuale degli ITS, organizzata da Confindustria, Umana e in collaborazione con INDIRE che si svolgerà dal 5 al 7 di maggio in formato interamente online sul sito www.it’s pop days.it

Sarà una tre giorni dedicata all’orientamento di queste vere e proprie Accademie del Made in Italy del sistema terziario professionalizzante, una sorta di “città digitale”, che opererà attraverso una piattaforma online appositamente progettata. 

Sarà possibile navigare tra gli stand virtuali di 92 Fondazioni ITS iscritte con cui dialogare in diretta tramite live chat, oltre alla possibilità di partecipare a incontri e webinar tematici sulla formazione, sul lavoro e sul futuro delle nuove generazioni.

Con l’arrivo dei fondi del Recovery Plan, l’Italia è a una svolta e i primi driver su cui indirizzare i progetti e le risorse europee sono quelli della formazione e dell’occupazione giovanile. 

Gli iscritti agli ITS sono ancora troppo pochi rispetto al fabbisogno delle imprese e per questo è necessario promuovere la scelta degli Istituti Tecnici Superiori come investimento sul futuro. Secondo il monitoraggio INDIRE, infatti, l’83% dei diplomati in queste eccellenze del territorio ha trovato lavoro a un anno dal diploma, di cui il 92% in un’area coerente con il percorso concluso e, in alcuni percorsi, l’occupazione ha raggiunto il 100% dei diplomati.

Si tratta di percorsi terziari professionalizzanti, dove la competenza tecnologica si sposa con la pratica aziendale. Sono correlati a 6 aree tecnologiche:

  1. Efficienza energetica
  2. Mobilità sostenibile
  3. Nuove tecnologie della vita
  4. Tecnologie innovative per i beni e le attività culturali – Turismo
  5. Tecnologie dell’informazione e della comunicazione
  6. Nuove tecnologie per il Made in Italy (Servizi alle imprese; Sistema agro-alimentare; Sistema casa; Sistema meccanica; Sistema moda).

Il legame strutturale con la manifattura e i servizi collegati sono la chiave del sistema ITS. Grazie alla partecipazione attiva delle imprese sia nella co-progettazione didattica che nella governance stessa degli Istituti, rappresentano un accesso privilegiato al mondo del lavoro.

Gli ITS POP DAYS saranno l’occasione per conoscere e avvicinarsi a un percorso formativo che può costituire un trampolino di lancio per il futuro dei nostri giovani.

I nuovi modelli PEI

Il calendario dei nuovi webinar

Inclusione e nuovo PEI
Decreto interministeriale 182/2020: i nuovi modelli di Piano Educativo Individualizzato (PEI)
Webinar dedicati ai docenti con contributi a cura del Gruppo di lavoro D.Dip 75/2021

1) La scuola dell’infanzia: il nuovo modello di PEI
Esempi e proposte, domande, osservazioni, quesiti ricorrenti
4 maggio 2021 dalle ore 17 alle ore 19

2) Lascuola primaria: il nuovomodello di PEI
Esempi e proposte, domande, osservazioni, quesiti ricorrenti, la valutazione dell’ alunno con disabilità nella scuola primaria alla luce delle innovazioni normative
7 maggio 2021 dalle ore 17 alle ore 19

3) La scuola secondaria di 1°grado: il nuovo modello di PEI
Esempi e proposte, domande, osservazioni, quesiti ricorrenti
11 maggio 2021 dalle ore 17 alle ore 19

4) La scuola secondaria di 2° grado: il nuovo modello di PEI
Esempi e proposte, domande, osservazioni, quesiti ricorrenti
13 maggio 2021 dalle ore 17 alle ore 19

5) PEI provvisorio, verifiche finali e misure di sostegno
Esempi e proposte, domande, osservazioni, quesiti ricorrenti
18 maggio 2021 dalle ore 17 alle ore 19

6) Il nuovo modello di PEI: la scuola si racconta alle famiglie
Concetti chiave e innovazioni del nuovo modello di PEI
I gruppi per l’inclusione a scuola, il rapporto scuola e famiglia
20 maggio 2021 dalle ore 17 alle ore 19

I precedenti incontri:


Al via un ulteriore ciclo di incontri, sei in tutto, sui nuovi modelli del PEI, il Piano Educativo Individualizzato. Si comincia da martedì 4 maggio, alle 17.00, con l’appuntamento dal titolo “La scuola dell’infanzia: il nuovo modello di PEI”. Il calendario degli incontri si articolerà in due fasi: i primi quattro momenti di formazione saranno dedicati ciascuno a un grado di istruzione, mentre i restanti due saranno dedicati a focus più generali (PEI provvisorio e rapporti scuola-famiglia). Gli appuntamenti sono organizzati dal gruppo di esperti del Ministero dell’Istruzione e sono rivolti a tutti i docenti.
L’iniziativa rientra tra le misure di accompagnamento alle novità introdotte dal decreto interministeriale 29 dicembre 2020, n. 182.
Tutti i seminari di approfondimento potranno essere seguiti in diretta streaming collegandosi alla piattaforma https://aka.ms/PEI4maggio2021, oppure sul canale YouTube del Ministero dell’Istruzione. I webinar resteranno comunque sempre disponibili sul canale YouTube.
Nelle scorse settimane si è tenuto un primo ciclo di incontri con una presentazione generale dei nuovi modelli di PEI, con un approfondimento rivolto ai dirigenti scolastici.



Nota 22 gennaio 2021, AOODPIT 106
Webinar di presentazione del decreto interministeriale 29 dicembre 2020, n. 182, modalità per l’assegnazione delle misure di sostegno, previste dal decreto legislativo 66/2017, e i modelli di piano educativo individualizzato (PEI), da adottare da parte delle istituzioni scolastiche – Diretta streaming sul canale Youtube del Ministero dell’Istruzione

Link: https://aka.ms/InclusionePEI
Canale YouTube del MI

Martedì 26 gennaio alle ore 18.30 si terrà il primo webinar su “i nuovi modelli PEI e le modalità di assegnazione delle misure di sostegno”. L’evento, che vedrà la partecipazione della Ministra Lucia Azzolina, intende avviare le misure di accompagnamento alle novità introdotte dal decreto interministeriale 29 dicembre 2020, n. 182.

Il decreto è corredato di apposite Linee guida e comprende i quattro nuovi modelli di PEI (per la scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado), la scheda per l’individuazione del bisogno di supporto per l’alunno, nonché una tabella per l’individuazione dei fabbisogni di risorse professionali per il sostegno e l’assistenza.

L’adozione del nuovo strumento e delle correlate linee guida implica di tornare a riflettere sulle pratiche di inclusione e costituisce una guida per la loro eventuale revisione e miglioramento.

Ricordando Giancarlo Cerini

Giovedì 29 aprile, alle ore 14.00, presso la biblioteca del Ministero dell’Istruzione si svolge un evento per ricordare la figura e il lavoro di Giancarlo Cerini.

Parteciperà il Ministro Patrizio Bianchi

https://youtu.be/MOTv2OzAYIs


RiformeOnLine a cura di Giancarlo Cerini

Nota 28 aprile 2021, AOODGOSV 10027

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali Loro sedi
Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana della provincia di Bolzano Bolzano
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione della provincia di Trento Trento
Al Sovrintendente agli Studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta Aosta
Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie Loro sedi
E p.c. Al Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione SEDE
Alla prof.ssa Serena Bonito Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – uff. V Roma

Oggetto: Seminario online di presentazione del libro “Fare Laboratorio. Guida alla Didattica Esperienziale”.

Nota 27 aprile 2021, AOODGOSV 9941

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l‘internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI
Ai Dirigenti Scolastici delle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado Statali e Parietari LORO SEDI
Al Sovrintendente agli Studi della Valle d’Aosta AOSTA
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione per la Provincia Autonoma di TRENTO
All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di BOLZANO
Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO

Oggetto: XXVI Scuola Estiva di Astronomia – “Sulle Orme di Dante un percorso didattico di Astronomia, Astrofisica, Cosmologia”

Abitare la scuola, abitare i confini

Il Grande Trasloco: un romanzo-evento online

Abitare la scuola, abitare i confini. Incontro con Fabio Geda e Marco Rossi-Doria

La scuola è un importante presidio di comunità sul territorio.In questa “nuova normalità” come ripensare il futuro dell’educazione?
Martedì 27 aprile, alle 18 in diretta su ilgrandetrasloco.it con Fabio Geda, scrittore e educatore che nei suoi libri racconta spesso dell’importanza di “trovare un posto nel mondo”, mettendo al centro della narrazione i ragazzi e le loro storie di speranza, come in “Nel mare ci sono i coccodrilli” (Baldini Castoldi Dalai), e Marco Rossi-Doria, sottosegretario all’Istruzione durante i Governi Monti e Letta, definito “primo maestro di strada” per aver insegnato nei quartieri difficili di Roma e Napoli dove ha fondato il progetto “Chance – scuola pubblica di seconda occasione” e presidente dell’impresa sociale Con i bambini. La scuola è capace di attivare i cittadini e prendersi cura del proprio quartiere, condividere spazi, promuovere processi inclusivi e rigenerativi. Ma non solo: a scuola si impara ad abitare con gli altri, esplorare la diversità e prendersi cura dei luoghi in cui viviamo.

Parleremo di contrasto alla povertà educativa, allungando lo sguardo alle periferie, cittadine ma anche le aree interne; del futuro della scuola e del ruolo dell’insegnante-educatore alla luce di quest’ultimo anno di pandemia. A entrambi chiederemo cosa vuol dire abitare la scuola oggi, anche oltre la classe, e come questa influenzi il territorio e la sua comunità, puntando sulla relazione e l’innovazione. L’incontro è in collaborazione conSFIDE-La scuola di tutti, il salone dedicato al mondo della scuola organizzato da Officine Scuola e Terre di mezzo.
Questo è il terzo appuntamento del secondo capitolo del romanzo-evento online Il Grande Trasloco, organizzato da Fa’ la cosa giusta! e Terre di mezzo.

Un progetto di narrazione collettiva per condividere idee e strumenti e traslocare nel futuro che vogliamo costruire, come Pianeta e comunità, organizzato da Fa’ la cosa giusta! e Terre di mezzo Editore. Un racconto a più voci che introdurrà in un “mondo che sa far nascere idee, progettualità e nuovi stili di vita”. Un appuntamento a settimana, insieme a esperti, scrittori, change-maker, imprenditori e nuovi viaggiatori, da marzo a ottobre 2021 sul sito ilgrandetrasloco.it

Il Grande Trasloco raccoglie in cinque capitoli i grandi temi di Fa’ la cosa giusta!, legati tra loro dal leitmotiv della sostenibilità, della giustizia e della bellezza: nutrire, abitare, viaggiare, curare e lavorare. Dal cibo come diritto fondamentale alle forme del nostro abitare, dalla natura che ispira l’agire, anche economico, al legame tra i territori, le tradizioni e le comunità, dalla centralità dell’educazione alla solidarietà e alla cura come valori essenziali per il nostro domani. Passando per il nostro modo di viaggiare, fare vacanza, vivere con gusto, fruire del patrimonio naturale e culturale.

Tutti gli appuntamenti saranno trasmessi su ilgrandetrasloco.it e daranno vita a fine anno a un vero e proprio romanzo che sarà pubblicato da Terre di mezzo.

I voti fanno male ma la scuola fa benissimo!

Venerdì 23 e sabato 24 aprile in modalità online

I voti fanno male ma la scuola fa benissimo! 

Scienziati, ricercatori ed esperti di DSA a confronto nel V Convegno Nazionale SOS DISLESSIA con la direzione scientifica del prof. Giacomo Stella

I voti fanno male, ma la scuola fa benissimo. Sarà dedicato al tema della scuola al tempo del COVID-19, il VConvegno Nazionale di SOS Dislessia, in programma il 23 e 24 aprile. C’è grande attesa per l’evento online a cura del direttore scientifico prof. Giacomo Stella, realizzato in collaborazione con Anastasis a cui prenderanno parte docenti e ricercatori esperti in neuroscienze e disturbi specifici dell’apprendimento, dirigenti scolastici ed insegnanti che hanno sperimentato metodi didattici innovativi. Insieme rifletteranno insieme sulle scommesse che la scuola deve raccogliere, dopo questo lungo periodo di didattica a distanza. 

Ospite d’eccezione è Riccardo Luna, editorialista de “La Repubblica” che interverrà al convegno con una relazione dal titolo provocatorio: “Scuola: il futuro è sempre in ritardo?” ponendo l’accento su alcune delle contraddizioni emerse in seguito alla pandemia, nella didattica e nella relazione tra studenti e insegnanti. 

“La scuola è l’esperienza più importante della nostra vita, un’esperienza che purtroppo risulta non sempre piacevole per allievi, insegnanti e famiglie. Questo perché la nostra scuola è selettiva, crea un meccanismo di competizione per la sopravvivenza e questo in un momento come questo in cui la relazione educativa è condizionata dall’impossibilità di essere agita in presenza, produce danni terribili – spiega il prof Giacomo Stella – il voto diventa l’unità di misura delle competenze, il modo in cui si insegna e si impara. Al contrario, bisognerebbe andare verso quella che il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha definito una scuola “affettuosa”, in cui la classe si trasforma in una comunità di discussione e di confronto in cui il docente non è più un oracolo che fornisce risposte o soluzioni, ma indirizza gli allievi alla ricerca individuale e collettiva del sapere. Una scuola che ha il coraggio di dire: niente cattedra e niente più compiti a casa, più tecnologie digitali, un nuovo sistema di valutazione che cancelli la paura di sbagliare. Di questo e di molto altro parleremo al convegno partendo anche dalle esperienze di alcuni dirigenti scolastici e docenti all’avanguardia con le loro proposte didattiche”.

I relatori. Tanti ed autorevoli sono gli esperti relatori del convegno tra i quali: Andrea Gavosto Fondazione Agnelli, Anna Maria Chilosi IRCCS – Fondazione Stella Maris Pisa, Sergio Della Sala Università di Edimburgo, Andrea Marini Università di Udine, Cristiano Termine Università degli Studi dell’Insubria, Salvatore Giuliano Dirigente scolastico ITIS Ettore Majorana di Brindisi, Eraldo Affinati Fondatore Scuola Penny Wirton, Gabriele Pallotti Università di Modena e Reggio Emilia, Claudio Marchesano IIS “Federico Caffè” di Roma, Andrea Frascari Responsabile progetto InTempo Anastasis, Stefano Kirchner Liceo “Rosmini” di Trento, Stefano Vicari Professore Ordinario Neuropsichiatria presso Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma – Responsabile Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile, IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Massimo Ciuffo Centro Iridac – SOS Dislessia Messina, Luca Grandi Centro Ricerche Anastasis, Giancarlo Cerini  Ispettore MIUR, Lauro Mengheri Centro Verbavoglio Livorno e Christina Bachmann Centro Risorse Prato. 

Le novità. Durante il convegno saranno presentati anche alcuni esperimenti di successo di didattica alternativa: la “Radio6più” di Verbania, “La Scuola nell’Orto” di Bergamo e si porrà l’attenzione su alcuni strumenti innovativi – le App L’Acchiappasuoni eEasyPlanny – e alcune metodologie didattiche che lavorano sull’insuccesso assumendolo come base di partenza per l’apprendimento. 

I Centri SOS Dislessia. I Centri specializzati in DSA della Rete SOS Dislessia presenti al convegno, hanno contribuito ad arricchire il confronto e la riflessione, attraverso la realizzazione di video su temi specifici in cui raccontano le esperienze didattiche relaizzate sui loro territori. 

.

E’ possibile iscriversi al convegno attraverso il sito www.sosdislessia.com al seguente link: https://www.sosdislessia.com/eventi/i-voti-fanno-male-v-convegno-nazionale-sos-dislessia/

Leadership condivisa per il cambiamento

Giovedì 8 aprile, secondo appuntamento con i webinar promossi dalla Community “Leadership condivisa per il cambiamento”.

Un incontro di approfondimento sui tre nuclei tematici principali dell’educazione civica (Costituzione, sviluppo sostenibile e cittadinanza digitale con:

  • Andrea Porcarelli, professore Università degli Studi di Padova
  • Gianfranco Bologna, Presidente onorario WWF Italia
  • Maria Ranieri , professoressa Università degli Studi di Firenze.

** L’incontro è riservato agli iscritti. Per far parte della community è sufficiente compilare un form online**

Qui tutte le info dettagliate per partecipare: https://www.indire.it/2021/03/29/leadership-condivisa-per-il-cambiamento-in-agenda-un-nuovo-webinar-promosso-dalla-community/

Linee pedagogiche sistema integrato zerosei

L’iniziativa è stata presentata mercoledì 31 marzo, alle ore 15.30, con un evento in diretta su YouTube, alla presenza del Ministro dell’Istruzione, Professor Patrizio Bianchi.

Il programma del 31 marzo:

  • Introduzione del Direttore Generale per gli Ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, Maria Assunta Palermo.
  • Intervento di apertura del Ministro dell’Istruzione, Professor Patrizio Bianchi.
  • Presentazione del documento a cura del Presidente della Commissione “zerosei”, Dirigente tecnico Giancarlo Cerini.
  • Approfondimento pedagogico a cura di Susanna Mantovani, Professore Onorario di Pedagogia generale e sociale presso l’Università Milano-Bicocca e componente della Commissione “zerosei”.
  • “La professionalizzazione del personale ECEC come fattore di qualità del sistema”, a cura della coordinatricedell’ET2020 Working Group ECEC European Commission, Directorate-general for education, youth, sport and culture, dott.ssa Géraldine Libreau.
  • “I diritti dell’infanzia al centro del sistema integrato ZeroSei anni”, a cura della Presidente dell’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, dott.ssa Carla Garlatti.
  • “Verso un sistema territoriale dei servizi 0-6”, a cura della dott.ssa Sara Mele, del Coordinamento Tecnico della Conferenza delle Regioni – Commissione Istruzione, Formazione e Lavoro, in rappresentanza delle Regioni.
  • “I servizi educativi 0-6 come strutture di comunità”, a cura della dott.ssa Loredana Poli, Assessora all’Istruzione, università, formazione, sport, politiche per i giovani, edilizia scolastica e sportiva del Comune di Bergamo e componente della Commissione Istruzione, politiche educative ed edilizia scolastica dell’ANCI.
  • Conclusioni e lancio delle azioni successive a cura del Ministero dell’Istruzione.

Link per seguire la diretta in italiano

Link per seguire la diretta in inglese


Una campagna nazionale di consultazione per garantire la massima condivisione nella predisposizione finale delle “Linee Pedagogiche” elaborate dalla Commissione nazionale per il sistema integrato 0-6 anni. L’iniziativa è stata illustrata oggi al Ministero dell’Istruzione, con un evento in diretta su YouTube. Presente, il Ministro dell’Istruzione, Professor Patrizio Bianchi.

“Il sistema 0-6 è forse la più importante delle sfide educative che noi oggi affrontiamo, ma anche la più importante delle sfide sociali – ha dichiarato il Ministro Patrizio Bianchi nel suo intervento -. L’emergenza epidemiologica ci ha confermato che la scuola deve essere il luogo dove si crea l’uguaglianza. Il sistema d’Istruzione è lo specchio della società e deve quindi insegnare il concetto fondante della democrazia e della parità. Oggi i sistemi 0-3 e 3-6 non vedono gli stessi servizi ugualmente garantiti a tutti, in Italia. Per questo le Linee guida sono una sfida sociale, perché richiamano l’attenzione su un settore che è solo apparentemente localizzato, ma in realtà coinvolge l’intera Repubblica. Oggi non è il momento conclusivo di un lavoro, ma vorrei che fosse l’inizio di un grande dibattito nazionale. Dobbiamo uscire dalla pandemia con una fortissima volontà d’innovazione, lavorando per garantire una piena integrazione”, ha concluso.

Il documento base delle Linee Pedagogiche è stato pubblicato lo scorso gennaio. Con l’avvio, oggi, parte la campagna di consultazione, con incontri nazionali e territoriali.

Sul sito del Ministero dell’Istruzione è stato pubblicato oggi un questionario a risposta chiusa per la consultazione di singoli soggetti (educatori, insegnanti, coordinatori, dirigenti, gestori pubblici e privati, genitori, ecc).

Gli incontri nazionali condotti dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti del Ministero saranno organizzati per gruppi di stakeholder: Organizzazioni Sindacali (sia del Comparto Scuola che di quello della Funzione pubblica), Associazioni professionali, Associazioni di gestori privati di scuole dell’infanzia paritarie e di servizi educativi, ANCI e Regioni, mondo accademico e Associazioni di pedagogisti. A questi gruppi verrà proposta una scheda strutturata di lettura del documento per la segnalazione di osservazioni e suggerimenti più approfonditi e liberi.

Gli Uffici Scolastici Regionali organizzeranno 18 incontri, in collaborazione con le Regioni e con l’ANCI, avvalendosi del supporto della Commissione nazionale e della Direzione Generale per gli Ordinamenti. Per l’organizzazione di questi incontri verrà fornita a breve apposita nota con suggerimenti metodologici e materiali per la registrazione delle osservazioni e delle proposte emerse dai partecipanti.

Al termine della campagna, la Commissione, alla luce di quanto emerso nel dibattito, elaborerà il documento finale che sarà sottoposto al Ministro per l’adozione formale.

Presentazione delle Linee Pedagogiche per il sistema integrato 0-6

Consultazione sulle Linee Pedagogiche

Video

Formazione Mobilità studentesca internazionale

ULTIMI GIORNI PER ISCRIVERSI ALLE TRE GIORNATE DI FORMAZIONE GRATUITA ONLINE PER COMPRENDERE E VALUTARE LA MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE

Ad aprile l’iniziativa per dirigenti scolastici e insegnanti sulla mobilità studentesca internazionale e la sua valutazione, promosse da Intercultura: dalle teorie alle pratiche

30 marzo 2021 – Ultimi giorni per iscriversi al percorso di formazione online per dirigenti scolastici e insegnanti di tre moduli (due ore ciascuno). promosso nel mese di aprile da Fondazione Intercultura Onlus e Associazione Intercultura Onlus per comprendere e valutare la mobilità studentesca internazionale. Le iscrizioni sono gratuite e scadono il 6 aprile 2021 (https://www.intercultura.it/formazione-2021)

IL CALENDARIO DEI CORSI:

1. Il primo modulo (8 aprile) sarà dedicato al processo di internazionalizzazione della scuola e alla mobilità studentesca;

2. il secondo modulo (15 aprile) si concentrerà su uno dei principali obiettivi della mobilità studentesca: la competenza interculturale;

3. il terzo e ultimo modulo (22 aprile) presenterà il Protocollo di valutazione Intercultura, uno strumento elaborato da Fondazione Intercultura in collaborazione con l’Università di Udine per valutare la competenza interculturale degli studenti che hanno partecipato a un programma annuale all’estero.

Le tematiche saranno affrontate sia da un punto di vista teorico e normativo che da un punto di vista di pratiche grazie anche all’intervento di insegnanti, dirigenti scolastici, volontari di Intercultura e studenti. 

Educare alla cittadinanza interculturale è una delle sfide più importanti  della scuola nel tempo della globalizzazione. In questa prospettiva, un ruolo chiave è ricoperto dal progetto educativo della mobilità studentesca internazionale.

“Anche nell’anno della pandemia – afferma Andrea Franzoi, Segretario Generale dell’associazione Intercultura -l’interesse degli adolescenti e delle loro famiglie per un’esperienza scolastica all’estero non è diminuito: è sempre più evidente come il progetto educativo proposto da Intercultura sia un investimento per il futuro dei giovani in un mondo sempre più interconnesso e nel quale è necessario però saper interagire con chi è diverso da noi.”

“A livello europeo – sostiene il Segretario Generale della Fondazione Intercultura Roberto Ruffino – da tempo si mette in evidenza la necessità di aprire la scuola al dialogo interculturale e di formare insegnanti competenti a proporlo, a gestirlo e a valutarlo all’interno di società sempre più multiculturali. In questo contesto assume un rilievo crescente il tema della mobilità studentesca internazionale come momento di formazione ad una cittadinanza globale e contributo all’internazionalizzazione della scuola”.

Al termine del percorso di formazione i partecipanti, oltre a ricevere materiali e strumenti, avranno acquisito conoscenze connesse alle politiche europee e alla letteratura pedagogica concernenti la mobilità studentesca, la competenza interculturale e la sua valutazione. Inoltre, saranno in grado di utilizzare i vari strumenti del Protocollo di valutazione Intercultura.

La Fondazione Intercultura, a coloro che avranno frequentato tutti e tre i moduli, rilascerà un attestato di partecipazione.

L’iscrizione al percorso di formazione è gratuita e si effettua tramite il sito www.intercultura.it/formazione-2021

Nota 30 marzo 2021, AOODGOSV 6828

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
All’Ufficio speciale di lingua slovena
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano
All’Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca di Bolzano
All’Intendente Scolastico per la Scuola delle località ladine di Bolzano
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione della Provincia di Trento
Al Sovrintendente agli studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie per il tramite dei rispettivi UU.SS.RR.

Oggetto: Le vicende del Confine orientale e il mondo della scuola. 2° Seminario tematico online “La figura della donna” – 14 aprile 2021

Si trasmette il programma del Seminario tematico ”La figura della donna”, che si terrà online il 14 aprile 2021 alle ore 15.45, organizzato nell’ambito delle iniziative del Gruppo di lavoro Ministero dell’Istruzione – Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati finalizzate a diffondere la conoscenza dei tragici eventi della storia del Confine italiano orientale al fine di rinnovare e conservare la memoria di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati all’indomani della Seconda Guerra Mondiale.

Nel programma allegato è riportato il link per le iscrizioni. Si ringrazia per la consueta, fattiva collaborazione.

IL DIRETTORE GENERALE
Maria Assunta PALERMO

One year into COVID

Il Ministro dell’Istruzione, Professor Patrizio Bianchi, ha partecipato, nel pomeriggio del 29 marzo, in videoconferenza, all’evento Unesco: “One year into COVID: Prioritizing education recovery to avoid a generational catastrophe”.

In linea con la sua missione di facilitare il dialogo politico e la condivisione delle conoscenze, l’Unesco ha convocato un evento ministeriale di alto livello per stimolare una riflessione congiunta a un anno dall’inizio della pandemia da Covid-19 e dalla chiamata all’azione per assicurare la continuità dell’Istruzione. In tale processo, l’Italia ha svolto un ruolo chiave nello scambio di esperienze e risposte politiche durante questo periodo.

L’evento è stato aperto, in sessione plenaria, dal Direttore Generale, Audrey Azoulay e dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, dal Direttore Generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus  e la Commissaria per l’Istruzione, Scienza, Tecnologia e l’Innovazione dell’Unione Africana,  Sarah Mbi Enow Anyang.

Nel corso dell’incontro, a cui hanno partecipato i Ministri dell’Istruzione e i rappresentanti dei partner della Global Education Coalition, su invito della Vice Direttrice per l’Istruzione Unesco, Stefania Giannini, si è discusso dei temi all’ordine del giorno della politica per l’Istruzione: l’apertura delle scuole, il recupero degli apprendimenti, la trasformazione digitale. 

“Dobbiamo rapidamente organizzare una reazione globale alla pandemia. Sosteniamo quindi la Global Education Coalition lanciata dall’Unesco. Nessuno Governo al mondo può vincere la battaglia contro la pandemia da solo”, ha dichiarato il Ministro Professor Patrizio Bianchi.

“Il Governo italiano sostiene l’azione messa in campo dall’Unesco, coadiuvata da tutte le Organizzazioni, per rimettere la Scuola al centro dell’azione politica – ha aggiunto il Ministro – L’istruzione è il principale strumento per lo Sviluppo Umano”.

Leopardi, il primo dei moderni

Il Convegno è stato organizzato dal Liceo Leopardi di Recanati come scuola capofila di una rete in collaborazione con il CNSL e con la cattedra leopardiana di Macerata ed è inserito fra le manifestazioni per il bicentenario dell’Infinito. Il Convegno sarà aperto a tutti gli interessati, ma si configura anche come corso di aggiornamento per docenti e come tale è già inserito nella piattaforma Sofia.