Concorso DS: il bando che tarda e il nodo delle commissioni

da Tuttoscuola

Concorso DS: il bando che tarda e il nodo delle commissioni 

Fumata nera per il bando del concorso per il reclutamento di nuovi dirigenti scolastici: nessuna pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dei concorsi di martedì 3 ottobre.

A due settimane di distanza dalla pubblicazione del Regolamento, non si hanno ancora notizie dell’uscita del relativo bando, mentre, inesorabilmente, si riduce il tempo necessario per concludere l’intera procedura selettiva in tempo utile per le nomine in ruolo dei vincitori al 1° settembre 2018. 

Mancano 331 giorni per quel termine, e, prima di arrivarci, sono molteplici le procedure per condurre in porto questo atteso corso-concorso DS, come, ad esempio, quella del tutto nuova, relativa alle commissioni e alle sottocommissioni, diverse nelle fasi del concorso.

Questo corso-concorso DS è diviso in due parti. La prima è una fase ordinaria, consueta: preselezione, prova scritta e prova orale con graduatoria di merito conclusiva. Per questa prima fase è prevista una commissione e sottocommissioni ogni 250 candidati presenti allo scritto (stimate in 31-32).

Conclusa questa prima fase, approvata la graduatoria di merito (voto dello scritto, voto dell’orale e punteggio dei titoli) la commissione e le sottocommissioni tornano a casa, perché hanno esaurito il loro compito. Ma il concorso DS continua.

La seconda fase del concorso riguarda il corso di formazione e il tirocinio, con prova scritta finale di carattere teorico-pratico prima di concludersi con il colloquio finale. E in questa fase conclusiva è prevista una nuova commissione composta da soggetti diversi da quelli della commissione della prima fase. Nuovi membri anche per le sottocommissioni previste una ogni 250 candidati (stimate in circa dieci).

Due commissioni madri e oltre 40 sottocommissioni con logiche valutative forse diverse. Potrebbe ripresentarsi anche il problema dei compensi per i commissari e del mancato esonero dal servizio che aveva rallentato notevolmente l’avvio dei lavori del concorso docenti 2016.

Il traguardo del 1° settembre 2018 rimarrebbe un sogno.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.