Archivi tag: Educazione finanziaria

Nota 9 gennaio 2014, AOODGOS Prot. n. 150

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
DIREZIONE GENERALE ORDINAMENTI SCOLASTICI
REGISTRO UFFICIALE

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti scolastici di ogni ordine e grado, statali e paritari
LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana della Provincia di BOLZANO
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione della Provincia di TRENTO
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca
BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola delle località ladine
BOLZANO
Al Sovrintendente agli Studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta
AOSTA
e p. c. AI Capo Dipartimento dell’Istruzione
SEDE
Al Capo di Gabinetto
SEDE
All ‘Ufficio Stampa
SEDE
Alla Banca d’Italia
Servizio Fabbricazione Carte Valori
premioperlascuola@bancaditalia.it
Alla Banca d’Italia
Nucleo per l’educazione finanziaria
NUCLEO EDUCAZIONE FINANZIARIA@bancaditalia.it
AI Ministero per gli Affari Esteri
DGSP- UffV – Sez. I Ordinamenti e politiche scolastiche
dgsp5@esteri.it

Oggetto: Premio “Inventiamo una banconota” per le scuole primarie e gli istituti di istruzione secondaria di primo e di secondo grado – Link per l’invio degli elaborati con modalità informatica

Si fa seguito alla nota n. 5232 del 4 ottobre 2013, relativa al premio della Banca d’Italia per le scuole “Inventiamo una banconota”, per comunicare che è disponibile l’applicazione informatica necessaria per la presentazione dei lavori realizzati con tecnica digitale.
I Dirigenti Scolastici hanno già ricevuto una mail dalla stessa Banca d’Italia contenente le istruzioni necessarie e il link per l’accesso all’applicazione, tramite il quale la classe che rappresenta l’Istituto di competenza dovrà inviare il bozzetto, la scheda di partecipazione e la relazione accompagnatoria illustrativa del lavoro svolto, entro le ore 18,00 del 31 gennaio 2014.
Si ricorda che la possibilità di optare per l’elaborazione del bozzetto con tecniche digitali è riservata alle categorie degli Istituti scolastici secondari di primo e di secondo grado (nel caso di Istituto comprendente entrambe. le categorie, sono state inviate due mail distinte), mentre per la categoria delle scuole primarie è prevista unicamente l’elaborazione del bozzetto con tecniche tradizionali.
Laddove il bozzetto sia elaborato con tecniche tradizionali, l’inoltro dovrà avvenire tramite servizio postale con le modalità specificate nel regolamento dell ‘iniziativa:
(https://premioscuola. bancaditalia. it/regolamento/iniziativa.html).
Per richieste di chiarimenti ed eventuali esigenze di assistenza è possibile scrivere a:
premioperlascuola@bancaditalia.it.
Si ringrazia per la consueta e fattiva collaborazione.

Il Direttore Generale
Carmela Palumbo

Nota 22 ottobre 2013, AOODPIT Prot. n. 2281

DIPARTIMENTO DELL’I STRUZIONE

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
e, p.c. Al Capo di Gabinetto
SEDE
Al Titolare della Divisione Concorrenza del Servizio
Concorrenza Normativa e Affari generali della Banca d’Italia
Via Nazionale, 91
00100 ROMA

OGGETTO: Memorandum d’Intesa MIUR Banca d’Italia Progetto sperimentale di formazione economica e finanziaria per le scuole – anno scolastico 2013/2014

Il progetto “Educazione Finanziaria nelle scuole”, definito dal Memorandum d’Intesa con la Banca d’ Italia, risponde a prassi e raccomandazioni internazionali e si propone di inserire stabilmente le conoscenze di base di economia e finanza nei programmi scolastici di tutti i livelli di istruzione utilizzando un approccio interdisciplinare. L’obiettivo è consentire agli studenti di sviluppare le competenze e le abilità necessarie per applicare nella vita reale, da “cittadini” informati oltre che da giovani consumatori, le conoscenze acquisite.
L’ offerta formativa comprende: un modulo base su “La moneta e gli strumenti di pagamento alternativi al contante”, destinato agli studenti che partecipano per la prima volta al progetto e moduli successivi su “La stabilità dei prezzi” e “Il sistema finanziario”. Inoltre, quest’anno, alle scuole secondarie di secondo grado verrà offerta la possibilità di seguire un nuovo modulo su tematiche assicurative.
In risposta a esigenze segnalate dal corpo docente negli anni di sperimentazione del progetto, nell’ anno scolastico 2012-2013 è stata avviata la collana de “I quaderni didattici della Banca d ‘ Italia” per gli studenti. Sono stai pubblicati tre opuscoli, uno per ciascun livello di istruzione su “La moneta e gli altri ;;trumenti di pagamento” disponibili anche sul sito internet della Banca d’Italia. Sarà a breve rilasciato anche un quaderno didattico su ‘ L’assicurazione R.C. auto”, elaborato in collaborazione con l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS).
Come è noto, il programma dei lavori prevede il coinvolgimento delle Filiali della Banca d Italia e dei Referenti regionali designati dalle SS. LL e comprende: la formazione degli insegnanti, a cura di esperti della Banca e del Ministero dell’ Istruzione, e un ciclo di lezioni in classe da parte dei professori coinvolti.
II progetto, fin dal suo avvio, ha suscitato interesse ed entusiasmo sia tra gli insegnanti sia tra gli studenti registrando negli anni livelli di adesione sempre crescenti. Il monitoraggio dell ‘ iniziativa ha evidenòato l’utilità dell’intervento non solo in termini di efficacia della formazione, ma anche di mantenimento nel tempo delle conoscenze.
Si conferma, dunque, l’obiettivo di conseguire un maggior radicamento nel territorio continuando il progetto anche per l’anno scolastico 2013 -2 01 4. Più in dettaglio:
l . nelle classi coinvolte nel progetto per la prima volta, verrà proposto il modulo base “La moneta e gli strumenti di pagamento alternativi al contante”;
2. nelle classi al secondo alnno del percorso il programma di formazione riguarderà, a scelta, i moduli su “La stabilità dei prezzi”, “II sistema finanziario” e, per le scuole secondarie di secondo grado, “L’assicurazione R.C. auto”;
3. con riferimento all’ingresso di nuove classi nel progetto si avrà cura di prediligere il coinvolgimento delle classi intermedie di ciascun ciclo scolastico in modo da evitare di impegnare le classi che devono sostenere esami di fine ciclo scolastico;
4. la sessione formativa per gli insegnanti, a cura di esperti della Banca d’Italia, di intesa con i referenti degli Uffici scolastici regionali si svolgerà, a livello locale, non oltre il primo quadrimestre; a seguire, con i tempi e le modalità più opportune individuate dai docenti coinvolti, si potrà tenere il ciclo di lezioni in classe;
5. Gli insegnanti avranno a disposizione, per finalità didattiche, una batteria di test a risposta multipla con le relative soluzioni.
Ciò premesso le SS.LL. vorranno farsi parte attiva nell’individuare – con la collaborazione dei referenti di progetto – le scuole che intendano partecipare con nuove classi alla sperimentazione e/o proseguire l’ iniziativa nelle classi che hanno partecipato alla sperimentazione lo scorso anno. Come per le precedenti edizioni i referenti regionali della Banca d’ Italia sono a disposizione per fissare la data dell’incontro formativo per tutti i docenti delle Scuole coinvolte.
Con preghiera di dare la massima diffusione, si ringrazia per la sua consueta e fattiva collaborazione.

Il Capo Dipartimento
Luciano Chiappetta

Nota 26 settembre 2013, AOODGSC Prot. n. 6151

Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
p.c. Ai Dirigenti scolastici delle Scuole secondarie di 2° grado

Nota 26 settembre 2013, AOODGSC Prot. n. 6151

OGGETTO: Programma di educazione all’imprenditorialità: “Impresa in azione”.