Archivi tag: Musica

Indicibili (In)canti

Torna anche quest’anno il concerto di fine anno delle scuole nel cortile della Minerva, il cortile del Palazzo dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, a Roma.

Giovedì 7 giugno, dalle 10.30 saliranno sul palco alcune delle formazioni musicali delle scuole vincitrici del Concorso musicale “Indicibili (In)canti”. Al loro fianco, ospiti d’onore, l’attore e imitatore Max Tortora in coppia con la cantante Roberta Laurenzi, il duetto del pianista e compositore Enrico Zanisi con la cantante Federica Lipuma e il chitarrista Francesco Buzzurro. L’evento sarà presentato dall’attrice Marta Pizzigallo. La direzione artistica è, anche per questa edizione, del Maestro Paolo Damiani.

Il concerto rientra fra le iniziative promosse nell’ambito della Settimana della musica a scuola organizzata dal Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica per tutti gli studenti – presieduto dal professor Luigi Berlinguer – e dalla Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione del MIUR. Vuole essere una occasione per riaffermare il valore che la musica riveste nella formazione di tutti i giovani. Nell’occasione saranno anche presentati i progetti e le azioni che il Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica sta attuando in favore della “musica per tutti”.

Quest’anno l’evento sarà dedicato alla memoria del venezuelano José Antonio Abreu, fondatore di  El Sistema, la fondazione che propone un percorso innovativo di didattica musicale per la promozione sociale dell’infanzia e della gioventù.

I premi per le scuole vincitrici del concorso sono offerti da Dismamusica, SIAE e Fondazione “Adkins Chiti: donne in musica”.

Le formazioni musicali che si esibiranno sono:

  • Orchestra e coro del liceo musicale Archita di Taranto;

  • gruppo fiati della scuola media di Basiliano – I.C. di Basiliano e Sedegliano (UD);

  • coro stabile “San Giovanni Bosco” dell’istituto comprensivo S.G. Bosco – Benedetto XIII – Poggiorsini di Gravina di Puglia (Ba);

  • Luca Serrao e Yuri Santangelo del liceo musicale Dante di Firenze.

Settimana nazionale della musica a scuola

Come previsto dalla Nota 3 aprile 2018, AOODPIT 733, dal 7 al 12 maggio 2018 si svolge la settimana nazionale della musica a scuola.

Negli stessi giorni è promossa a Taranto e Provincia l’organizzazione della XXIX Rassegna Nazionale delle scuole a indirizzo musicale.


Scuola, dal 7 al 12 maggio la Settimana nazionale della musica

Anche quest’anno ritorna l’appuntamento con la settimana di concerti, improvvisazioni musicali e incontri nelle scuole. L’iniziativa è promossa dal Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della Musica del Miur con l’obiettivo di favorire la pratica musicale tra le alunne e gli alunni

Si terrà dal 7 al 12 maggio prossimi la Settimana nazionale della musica a scuola. Anche quest’anno ritorna l’ormai tradizionale appuntamento promosso dal Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, presieduto dal Prof. Luigi Berlinguer. Gli istituti scolastici di tutta Italia potranno aprire le loro porte per una settimana di concerti, esibizioni, improvvisazioni musicali, incontri con esperti con l’obiettivo di sostenere la pratica musicale per la sua valenza formativa ed educativa.

Nel corso di questa settimana le scuole avranno l’occasione di testimoniare l’importanza delle attività musicali che hanno realizzato durante l’intero anno scolastico e che, dunque, non si risolvono nell’occasione straordinaria dell’esibizione programmata per la “Settimana della musica”, ma trovano in questo appuntamento il punto di approdo di ordinari percorsi di apprendimento. L’edizione 2018 della Musica a scuola è dedicata alla memoria di Josè Antonio Abreu che dedicò la sua vita alla lotta per l’inclusione e la promozione sociale e per la diffusione dell’apprendimento della musica per tutti, attraverso la creazione del “Sistema Nacional de Orquestas y Coros Juveniles e Infantiles”, in Venezuela.

I suoi ideali vivranno sempre nelle mani e nelle voci dei bambini e dei giovani delle orchestre infantili e giovanili di tutto il mondo. Nell’ambito della Settimana della musica a scuola anche per questa edizione si terrà un incontro tra i docenti delle scuole ad indirizzo musicale. Un momento di confronto – che si terrà quest’anno a Taranto e provincia – per fare il punto sull’insegnamento di questa disciplina tra i banchi.

Nota 3 aprile 2018, AOODPIT 733

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di Istruzione e Formazione

Ai Direttori Generali degli Uffici  Scolastici Regionali
LORO SEDI
e, p.c.:
Al Capo Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie strumentali
Ai Direttori Generali delle Direzioni Generali del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Al Comitato Nazionale per l’Apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti
LORO SEDI

Nota 3 aprile 2018, AOODPIT 733

Oggetto: Settimana nazionale della musica a scuola: dal 7 al 12 Maggio 2018

Nota 10 marzo 2017, AOODPIT 395

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di Istruzione e Formazione

 

Ai Direttori Generali  degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI

e, p.c.: Al Capo Dipartimento per la  Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie strumentali

Ai Direttori Generali  delle Direzioni Generali del
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione

Al Prof. Berlinguer
Presidente del Comitato  Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti

LORO SEDI

Oggetto: Settimana nazionale della musica a scuola: 8-12 Maggio 2017

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, seguendo una linea di azione ormai più che ventennale, ha promosso anche quest’anno scolastico, iniziative di sostegno alla pratica musicale della quale riconosce la particolare valenza educativa e formativa.

La pratica musicale contribuisce alla crescita equilibrata della persona e attraverso una più armoniosa utilizzazione delle varie capacità della mente umana, favorisce l’apprendimento di tutte le discipline.

Vi è un quadro normativo e culturale coerente a livello nazionale ed europeo, nel quale si inseriscono le iniziative oggetto di questa nota. Un quadro che quest’anno, nell’ambito dei processi di innovazione ordinamentale, ha visto a seguito dell’emanazione della Legge 107/15 l’ulteriore impegno del Ministero a promuovere quelle iniziative mirate in particolare a restituire il senso di continuità dell’insegnamento della pratica musicale in tutti gli ordini e gradi di scuola.

Sulla base delle indicazioni e delle proposte pervenute dal Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della Musica a scuola, presieduto dal Prof. Luigi Berlinguer, il Ministero continua inoltre nello sviluppo di programmi di ricerca volti a costruire esperienze di pratica musicale che abbiano il carattere della trasferibilità sul piano didattico e su quello organizzativo, programmi sostenuti, come sopra accennato, da significativi e sempre più estesi interventi formativi per docenti di musica di ogni ordine e grado.
Nel quadro qui delineato si inserisce l’organizzazione anche per il 2017 della “Settimana nazionale della musica a scuola” che viene fissata dall’8 al 12 maggio.

In questa settimana le scuole hanno l’occasione di testimoniare l’importanza delle attività musicali che esse realizzano nel corso dell’intero anno scolastico e che, dunque, non si risolvono nella occasione straordinaria della esibizione programmata per la “Settimana della musica”, ma trovano in essa il punto di approdo di ordinari percorsi di apprendimento. Percorsi caratterizzati sia da sviluppo continuo, sia da stabile sedimentazione nel curricolo e, di conseguenza, nella crescita personale di tutti gli allievi.
I Direttori Generali degli Uffici scolastici regionali, avvalendosi anche del supporto dei dirigenti degli Uffici di ambito territoriale e dei referenti per le attività nel settore, avranno pertanto cura di promuovere la sensibilizzazione dei Dirigenti scolastici affinché la settimana dall’8 al 12 maggio 2017 venga dedicata a iniziative nelle quali le scuole possano condividere con i più ampi settori della società le esperienze musicali svolte nel corrente anno scolastico.

L’organizzazione degli eventi è affidata alle libere determinazioni delle istituzioni scolastiche che potranno svolgerli sia all’interno degli edifici scolastici, sia nel territorio; sarà in ogni caso opportuno ce, in ragione delle finalità indicate, gli eventi organizzati per questa settimana vedano il coinvolgimento dei genitori e di tutte le forze sociali e culturali esterne alla scuola, tanto pubbliche che private. Solo così potrà determinarsi infatti una sinergia operativa capace di avvalorare e amplificare il senso delle singole manifestazioni.
Gli organi periferici dell’Amministrazione scolastica svolgeranno, in tale direzione, il ruolo di facilitatori delle iniziative sollecitando anche la partecipazione attiva degli enti musicali, dei Conservatori di musica, e di tutti i soggetti pubblici o privati, associati o singoli, operanti sul territorio per la promozione della musica.

I referenti regionali per le attività di settore e quelli provinciali, ove presenti, potranno segnalare al Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della musica le esperienze più significative che, muovendosi sulla base dei processi innovativi in atto, possano costituire una testimonianza del lavoro svolto e un utile riferimento per il rinnovamento del sistema scolastico.
Inoltre anche nel corrente anno scolastico, questo Ministero, per fornire un concreto segnale dell’importanza strategica che annette alla pratica musicale come fattore educativo dei giovani, promuove a Policoro (MT ) dall’8 al 12 maggio l’organizzazione della XXVIII Rassegna Nazionale delle scuole a indirizzo musicale, comprendendo anche le scuole primarie, gli Istituti comprensivi e i licei musicali. La Manifestazione è organizzata dall’Istituto Comprensivo statale N.1 “L. Milani” di Policoro ( MT) che ha predisposto pertanto l’allegato Regolamento.
Si confida nello sperimentato spirito collaborativo delle SS.LL. per l’efficace perseguimento delle finalità dell’iniziativa e si ringrazia fin da ora per la preziosa collaborazione.

Il Capo Dipartimento per il sistema educativo di Istruzione e Formazione
Rosa De Pasquale


Regolamento

Nota 2 marzo 2017, AOODGOSV 2300

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione
Uff. I

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI

Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma
della Valle d’Aosta

Al Sovrintendente Scolastico
per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Sovrintendente Scolastico
per la Provincia Autonoma di Trento

All’Intendente Scolastico per le scuole
delle località ladine di Bolzano

All’Intendente Scolastico
per la scuola in lingua tedesca
di Bolzano

Oggetto: 12° Concorso Nazionale di Musica d’Insieme e per Solisti 2017.

L’Istituto Comprensivo Statale “L. Montini” di Campobasso ha indetto la 12° Edizione del Concorso Nazionale di Musica d’Insieme e Solisti 2017 (pianoforte, chitarra, archi, fiati) per le scuole primarie e secondarie italiane, con il patrocinio, tra gli altri, dell’USR Molise, della Regione Molise, della Provincia e del Comune di Campobasso. Il Concorso si pone come scopo quello di diffondere la cultura musicale e motivare i giovani alla pratica strumentale e vocale, sia solistica, sia d’insieme.

Le scuole che intendono partecipare dovranno far pervenire la loro adesione entro e non oltre il 31 marzo 2017, secondo le modalità del bando in allegato.

IL DIRETTORE GENERALE
Carmela Palumbo


12°Concorso Nazionale di Musica

Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica a scuola

Musica a Scuola, insediato il Comitato di esperti per la sua diffusione

Si è insediato questa mattina al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca il Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica di recente rinnovato con Decreto del Ministro Stefania Giannini. Il Comitato proseguirà nelle sue attività di promozione e diffusione della cultura e della pratica musicale nella scuola.
Con il Decreto firmato dal Ministro Giannini, il Comitato – presieduto da Luigi Berlinguer – si arricchisce del contributo di personalità provenienti dal mondo artistico e musicale a livello nazionale. Rimarrà in carica tre anni scolastici, fino al 2019.
“Il sapere artistico deve essere garantito agli alunni e agli studenti come cultura universale – ha sostenuto il presidente Berlinguer salutando i componenti del Comitato nella riunione di insediamento -. Ora è tutta un’altra musica, abbiamo ben altra realtà nelle nostre scuole, ben altre competenze ed esperienze che dieci anni fa, quando ci siamo insediati per la prima volta, non avremmo potuto immaginare. Adesso siamo ad una fase nuova e dobbiamo incrementare il nostro lavoro. Dalla nostra abbiamo anche una legge, quella de La Buona Scuola, che riconosce la musica, e la pratica musicale, come componente essenziale per la formazione dei nostri alunni”.
Il Comitato vuole favorire la creazione di un sistema integrato per l’implementazione della pratica musicale e la dimensione estetica e storica della musica, in tutti gli ordini di scuola. Ha compiti di supporto, consulenza, progettazione, coordinamento, monitoraggio e proposta per la realizzazione di percorsi formativi incentrati sullo sviluppo delle competenze musicali degli alunni, anche in riferimento alla pratica vocale e strumentale.
Tra gli obiettivi del Comitato, quello di dare supporto all’attuazione della normativa, in particolare per quanto previsto da La Buona Scuola. Ma anche quello di innalzare la qualità degli interventi formativi musicali nelle aule. E ancora: di ampliare il numero delle scuole che svolgano, organizzino e progettino, nei Piani triennali dell’Offerta formativa, percorsi in favore dell’apprendimento pratico della musica per tutti gli studenti; di proporre percorsi di formazione del personale docente e dei dirigenti scolastici; di coinvolgere gli Enti locali e i privati per promuovere politiche educative a favore del patrimonio musicale. E, sempre tra gli obiettivi, il coinvolgimento degli artisti e delle personalità che lavorano in ambito musicale per sostenere percorsi di ricerca e azioni da attuare.

1 giugno Settimana nazionale della Musica a Scuola

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica
per tutti gli studenti
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione

settimana_nazionale_musica2016

SETTIMANA NAZIONALE DELLA MUSICA A SCUOLA
Palazzo dell’Istruzione – Cortile della Minerva

CONCERTO
1 giugno 2016 – ore 9.30

La scuola deve sostenere il diritto di tutti a sviluppare le potenzialità musicali di ciascuno e la relativa possibilità di crescere in una dimensione di interazione creativa e di curiosità verso ciò che è presente in se stessi e nell’altro.
L’educazione musicale non solo sviluppa pensieri ed emozioni, potenzia le abilità linguistiche, migliora il rendimento generale nell’apprendimento, ma nel contempo educa i giovani al rispetto dell’altro e alla collaborazione tra diversi, con il riconoscimento dei principi della differenza e dell’eguaglianza.
La crescita individuale e collettiva dei futuri cittadini si alimenta anche e soprattutto nell’esperienza del fare musica insieme, tutte e tutti. Praticare la musica richiede sempre impegno e continuità, sforzo e fatica, ma il risultato di questo lavoro dà gioia, emozione, soddisfazione per la propria crescita e concretizza il sapere musicale in pratiche culturalmente condivise. Il Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti è convinto da tempo che nel curricolo scolastico debbano essere presenti attività di pratica musicale coerenti con i traguardi formativi della scuola ed in grado di promuovere le diverse componenti intrinseche al fare musica: quella logica, quella percettivo-motoria e quella affettivo-sociale. Da tempo l’educazione e la pratica musicale trovano adeguata attenzione da parte del MIUR per l’azione del Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti, anche attraverso la programmazione della “Settimana Nazionale della Musica a scuola”, durante la quale nel mese di maggio le scuole presentano ogni anno nelle varie sedi le migliori esperienze musicali realizzate da alunni e insegnanti nei vari cicli e indirizzi scolastici, in ambito curricolare ed extracurricolare, anche grazie al supporto del territorio.
I cori e le orchestre di professionisti e studenti costituiscono un bene primario come è anche testimoniato fra l’altro dal Concerto nel Cortile della Minerva del Palazzo dell’Istruzione, un significativo appuntamento della scuola e dell’Amministrazione scolastica per riaffermare il valore che la musica riveste nella formazione di qualità delle giovani generazioni. Sappiamo che finora la presenza formativa della musica nel sistema scolastico ha trovato ostacoli nel suo riconoscimento, specie riguardo alla presenza diffusa nel curricolo; ma grazie all’avviato rinnovamento dell’organizzazione qualitativa e quantitativa degli studi musicali, anche nella scuola, si è iniziato a creare le premesse affinché fare musica tutti a scuola sia finalmente possibile. Oggi siamo di fronte ad una novità importante: la Legge 107/15. E’ stata infatti approvata, ormai definitivamente, una norma che sancisce l’ingresso dell’apprendimento pratico della musica –come finora patrocinato dal Comitato per la Musica a scuola– a cominciare dalla scuola per l’infanzia e dalla scuola primaria. La musica entra così nel curricolo scolastico di tutti. Naturalmente questa nuova disposizione deve essere ora attuata capillarmente in tutte le scuole italiane. La giornata di oggi vuole essere un rinnovato inno alla vivacità e alla creatività di studenti e docenti impegnati nella valorizzazione dei talenti e nella promozione della musica per tutti, e un augurio che dal prossimo anno scolastico la musica sia presente nel curricolo in ogni ordine di scuola.

Luigi Berlinguer
Presidente del Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti


Programma

Nota 5 aprile 2016, AOODPIT 1604

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
LOROSEDI
e, p.c.: Al Capo Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali
Ai Direttori Generali delle Direzioni Generali del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
LORO SEDI

Nota 5 aprile 2016, AOODPIT 1604

Oggetto: Settimana nazionale della musica a scuola: 16-21 Maggio 2016

Musica per i giovani del mondo

“La musica per i giovani del mondo”,
mercoledì 20 la consegna dei Premi Abbado Award Musica e Civiltà

locandina_premio_abbado_vincitori

Si terrà mercoledì, 20 gennaio 2016, al Quirinale, alle ore 11, la consegna dei Premi Abbado Award Musica e Civiltà: La musica per i giovani del mondo in occasione della ricorrenza del secondo anniversario della scomparsa del Maestro. A premiare gli alunni e le scuole vincitrici sarà il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il premio “Abbado Award Musica e Civiltà” è stato istituito dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con il Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della musica per tutti gli studenti, su proposta della Federazione Cemat, e ha ottenuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali.

La cerimonia proseguirà, alle ore 15.00, nella Sala della Comunicazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. A salutare le scuole vincitrici del Premio il Capo di Gabinetto del Miur, Alessandro Fusacchia, il Capo Dipartimento dell’Istruzione, Rosa De Pasquale, e il Capo Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali, Sabrina Bono, il Consigliere del Ministro, Luciano Chiappetta, il Direttore Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione, Giovanna Boda e il Presidente del Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica Luigi Berlinguer. A seguire l’esibizione dei vincitori ex aequo del Premio Abbado Award: Liceo Classico Musicale e coreutico “D. A. Azuni”, di Sassari e l’Istituto Comprensivo “Biella II”, di Biella Chiavazza (Bi).
All’iniziativa sarà presente la Fondazione Abbado.

Gli alunni e gli istituti scolastici riceveranno in premio le opere “in volo” della scultrice aquilana Licia Galizia.

L’iniziativa è trasmessa in live streaming da RadioCemat.


 

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica
con il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione
Il Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti
La Federazione Cemat

Manifestazione Conclusiva
Premio Abbado Award
MIUR
Sala della comunicazione Viale Trastevere 76/a- ROMA

Programma 20 Gennaio 2016

Ore 14.30
accreditamento invitati

Ore 15.00
Saluti
Alessandro Fusacchia Capo di Gabinetto MIUR
Rosa De Pasquale Capo Dipartimento Istruzione – MIUR
Sabrina Bono Capo Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali
Giovanna Boda Direttore Generale per lo studente, l’integrazione, la partecipazione
Luciano Chiappetta Consigliere del Ministro

Ore 15.15
Performances dei vincitori ex aequo Premio Abbado Award
Liceo Classico Musicale e coreutico “D. A. Azuni” di Sassari
Istituto Comprensivo “ Biella II” di Biella Chiavazza (BI)
coordinate da Annalisa Spadolini

Ore 15.45
Interventi
Luigi Berlinguer Presidente del Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti – MIUR
Angelo Foletto Presidente Associazione nazionale critici musicali
Gisella Belgeri Coordinatore Premio Abbado – Presidente Federazione Cemat

Ore 17.00
Interventi e video delle Istituzioni scolastiche premiate

live streaming RadioCemat

Suoni&Professioni: la creatività, passione e opportunità

Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e per l’autonomia scolastica

Premiazione Concorso Nazionale

“Suoni&Professioni: la creatività, passione e opportunità”

MARTEDI 19 GENNAIO 2016 dalle ore 09:30 alle ore 12:00

“Sala della Comunicazione” del MIUR, Viale Trastevere 76/a Roma

La Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Sociali Politiche e Cognitive dell’Università di Siena (UNISI) ha organizzato la prima edizione pilota del Concorso Nazionale “Suoni&Professioni: la creatività, passione e opportunità”, rivolto alle classi delle scuole secondarie di II grado, statali e paritarie.
Lo scopo del concorso è quello di promuovere alcune delle competenze per l’apprendimento permanente: senso di iniziativa, imprenditorialità, consapevolezza ed espressione culturale. Contando su dimensioni cognitive, espressive e attitudinali, il Concorso cerca di favorire la musica, la letteratura, la creatività, la capacità di pianificare e gestire progetti per raggiungere degli obiettivi concreti.
La premiazione degli studenti vincitori avverrà MARTEDI 19 GENNAIO 2016 alle ore 09:30 presso la “Sala della Comunicazione” del MIUR – 2° piano, Viale Trastevere 76/a Roma, alla presenza delle più alte cariche del MIUR e dell’Università di Siena.
La premiazione offrirà lo spunto per riflettere sul ruolo della musica nella formazione degli studenti e illustrare le tante opportunità professionali connesse al mondo della musica.
All’evento parteciperanno numerosi relatori tra cui:

  • Pietro Foresti (musicologo e produttore discografico)
  • Vincenzo Incenzo (compositore e scrittore)
  • Massimo Scialò (fondatore di Emergenza, professore universitario)
  • Riccardo Cavalieri (chitarrista di Gino Paoli, compositore orchestrale)
  • Lanfranco Carnacina (manager)
  • Davide Braglia (imprenditore musicale)

Gli studenti vincitori potranno esibirsi alla presenza di due testimonial d’eccezioni quali Giuseppe Povia (cantautore italiano, vincitore del Festival di Sanremo 2006) e Valeria Rossi (cantautrice nota grazie al successo del suo brano “Tre Parole”, vincitrice di un Festival Bar, triplo disco d’oro, scrittrice).

Nota 21 settembre 2015, AOODGSIP 5703

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali
LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano
Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Trento
Trento
All’ Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca
Bolzano
All’ Intendente Scolastico per la Scuola Località Ladine
Bolzano
Al Sovrintendente degli studi per la Regione Valle D’Aosta
Aosta
E p.c.
Ai referenti per la musica presso gli UU.SS.RR.
Ai Coordinamenti regionali delle Consulte Studentesche Provinciali
LORO SEDI
Ai Forum regionali delle associazioni dei genitori
LORO SEDI
AI Forum Nazionale delle Associazioni Studentesche
SEDE

Nota 21 settembre 2015, AOODGSIP 5703 20151021_245

Oggetto: “Lapiazzalncantata”. Attività formativo-corale con esecuzione. Evento finale a Napoli – 9 Aprile 2016 – www.lapiazzaincantata.it

Indicibili (In)canti

Orchestre e cori fanno scuola
Mercoledì al Miur il premio per le migliori esperienze
Giannini: “Con la Buona Scuola rafforzeremo lo studio della musica”

man1l

Un incantesimo in scena. La magia della musica vive una mattinata nel Cortile della Minerva del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Torna anche quest’anno l’ormai tradizionale appuntamento con Indicibili (In)canti, il concorso nazionale che mira a valorizzare le buone pratiche musicali nella scuola italiana, a potenziare l’attività strumentale e corale nella scuola e a educare gli studenti all’”incanto” per la musica. Mercoledì 3 giugno 2015, dalle 9, la cerimonia di consegna dei riconoscimenti ai gruppi orchestrali e corali che hanno dimostrato la qualità degli interventi musicali nelle scuole, alla presenza del Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. La cerimonia sarà accompagnata anche questa volta dal Concerto dei vincitori del concorso. Un appuntamento prezioso della scuola, un modo pratico – appunto – di fare musica.

L’iniziativa, alla sua quarta edizione, vede come testimonial d’eccezione Paolo Fresu, Ennio Morricone, Danilo Rea, Paolo Damiani (che cura anche la direzione artistica del Concerto) e la partecipazione della cantante Serena de Ferrari, dei Percussionisti del Liceo Statale Manzoni di Latina e dei giovanissimi solisti dell’Orchestra Papillon.

Indicibili (In)canti è promosso dal Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti, presieduto da Luigi Berlinguer, con la collaborazione della Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione. Tra gli obiettivi del Comitato, oltre alla diffusione della cultura musicale attraverso un apprendimento pratico della musica stessa, anche il potenziamento dell’attività strumentale e corale.

Il concorso è una delle iniziative messe in campo dal Miur per promuovere l’educazione e la pratica musicale nelle scuole.

“Noi vogliamo che l’educazione musicale ritorni al centro delle competenze dei nostri studenti – spiega il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini -. Imparare a fare musica, non solo a studiarla, familiarizzare con le note, familiarizzare con uno strumento, è una delle priorità del disegno di legge della Buona Scuola che prevede proprio per questo un rafforzamento dell’insegnamento di questa disciplina”.

“L’educazione musicale – sostiene il presidente Luigi Berlinguer – non solo sviluppa pensieri ed emozioni, potenzia le abilità linguistiche, migliora il rendimento nell’apprendimento, ma educa anche i giovani al rispetto dell’altro e alla collaborazione tra diversi, attraverso il riconoscimento dei principi dell’eguaglianza e delle differenza. La crescita individuale e collettiva dei futuri cittadini – aggiunge – si alimenta anche e soprattutto nell’esperienza del fare musica insieme, tutte e tutti”.

Il concerto sarà trasmesso in live streaming su Radio Cemat (www.radiocemat.org)


Programma

Avviso 29 maggio 2015

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per la Formazione Superiore e per la Ricerca
Direzione Generale per lo Studente, lo Sviluppo e l’Internazionalizzazione della Formazione Superiore

È stato pubblicato l’elenco dei vincitori del concorso “Premio Claudio Abbado”, dedicato alla memoria del grande maestro scomparso nel gennaio 2014.

Per le varie sezioni, sono stati assegnati in tutto 218 premi, per uno stanziamento complessivo di 1 milione di euro.

Il Premio, istituito con decreto del Capo Dipartimento n. 258 del 30 gennaio 2015, ha l’obiettivo di sostenere la formazione artistica promuovendone l’eccellenza. La partecipazione era riservata agli studenti iscritti negli anni accademici 2013-2014 e 2014-2015, presso le istituzioni di cui all’articolo 2 comma 1 della legge 21 dicembre 1999, n. 508.

Il premio coinvolge tutti gli ambiti disciplinari dell’arte ed i vincitori sono stati individuati da Commissioni nominate dal Ministero che hanno operato mediante audizioni e verifica della qualità delle opere artistiche prodotte.


Vincitori