08 2006

Lettera Ministro 31 agosto 2006, Prot. n. 692

Nota di indirizzo per l’avvio dell’anno scolastico 31 agosto 2006
Autonomia e innovazione – 2006-2007 un “anno-ponte”

Nota 31 agosto 2006, Prot. n. 7265/FR
Provvedimenti e temi di rilevante interesse connessi all’avvio dell’anno scolastico 2006/2007

Nota 31 agosto 2006, Prot. n. 955/Dip.
Anno scolastico 2006/2007 – frequenza della scuola dell’infanzia dei nati entro febbraio 2004

01 –  31 agosto Attività Sindacale

Proseguono gli incontri di ARAN e MIUR con le OOSS su:

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

30

Decreto Ministeriale 30 agosto 2006
Articolazione dell’Osservatorio per l’integrazione delle persone disabili in un comitato tecnico-scientifico ed in una consulta delle associazioni dei disabili e delle loro famiglie

Nota 30 agosto 2006, Prot. n. 1200
Graduatorie permanenti di strumento musicale

Nota 30 agosto 2006, Prot. 223/Uff.VII
Personale ATA appartenente ai profili professionali delle aree A e B della tabella C allegata al C.C.N.L. 2002-2005. Procedura per l’attribuzione delle posizioni economiche previste dall’articolo 7, CCNL 2004-2005. Pubblicazione graduatorie definitive – Avvio delle attività di formazione

Lettera Circolare 30 agosto 2006, Prot. n.7705
Finanziamento dei piani dell’offerta formativa e di formazione e aggiornamento nelle istituzioni scolastiche, in applicazione della L. n. 440/1997 e della direttiva attuativa n.33 del 3 aprile 2006. Esercizio finanziario 2006

29 28 27 26 25

Direttiva 25 agosto 2006, Prot. n. 649
Integrazione e modifica degli obiettivi generali delle politiche educative nazionali individuati ai punti 1, 2 e 13 della Direttiva 13 marzo 2006, n. 27 , rivolta all’INVALSI per lo svolgimento della propria attività istituzionale

Di seguito il comunicato del MPI e la dichiarazione del ministro:

Scuola, firmata la nuova Direttiva Invalsi. Così cambia il sistema di valutazione del sistema italiano
(Roma, 25 agosto 2006) La valutazione del sistema della scuola, alla fine dell’anno scolastico 2006-2007, avverrà con metodi di indagine più mirati, mentre, all’inizio dell’anno scolastico, anche la verifica degli apprendimenti richiederà da ora in poi procedure più scientifiche e controllabili.
Ciò servirà a rendere l’analisi del funzionamento del sistema scolastico italiano più credibile, trasparente e in linea con metodi e parametri in uso a livello europeo.
Questo l’obiettivo che si pone la nuova Direttiva di indicazioni per l’Invalsi – Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione – firmata oggi dal ministro Giuseppe Fioroni.
La Direttiva integra e modifica il testo precedente emanato a marzo e interviene principalmente su tre aspetti:
1) Valutare il sistema scolastico, e quindi non il singolo istituto o lo studente, alla fine dell’anno scolastico 2006-2007, basandosi su indicatori generali quali la spesa per l’istruzione e per le risorse umane, finanziarie e strutturali utilizzate; i tassi di abbandono scolastico; la partecipazione degli istituti alle rilevazioni di valutazione nazionali e internazionali; le modifiche apportate ai piani formativi in seguito all’analisi dei risultati precedenti; le iniziative di recupero realizzate.
2) Valutare gli apprendimenti, all’inizio dell’anno scolastico 2006-2007, con test somministrati da rilevatori esterni in un’unica data e su un campione di Istituti individuato con metodo statistico. La valutazione, che nulla ha a che fare con quella di esclusiva competenza dei docenti, riguarderà le competenze in italiano, matematica e scienze e andrà effettuato in classi nevralgiche quali la II e IV della scuola primaria, la II della secondaria di primo grado e la I e la III della scuola secondaria di secondo grado. I test dovranno garantire massima trasparenza e affidabilità dei dati rilevati.
Si chiude dunque l’attuale fase di un invio per e-mail dei test (che non garantiva la trasparenza dei risultati) con l’utilizzazione di personale tecnico che seguirà direttamente la compilazione delle prove in modo da garantire una valutazione scientifica e quindi utile prima di tutto alle stesse scuole.
I risultati saranno quindi messi a disposizione degli Istituti come supporto all’attività di valutazione periodica e annuale dei risultati degli alunni che resta di esclusiva competenza dei docenti.
3) L’Invalsi predisporrà l’offerta di modelli per la terza prova dell’esame di Stato per gli istituti tecnici e professionali e individuerà, entro 4 mesi dalla Direttiva, procedure, criteri, e modi di utilizzazione delle prove scritte degli esami di Stato sia per le medie che per le superiori, per valutare i livelli generali di apprendimento raggiunti una volta usciti dai singoli percorsi scolastici, anche con riferimento a quanto accade in Europa.

Dichiarazione del Ministro: “No tagli sì a valutazione per certificare redditività investimento”
(Roma, 25 agosto 2006) “Una valutazione scientifica, oggettiva e trasparente del nostro sistema di istruzione consentirà alla scuola pubblica italiana di essere più affidabile e credibile e di poter certificare la redditività e la bontà dell’investimento fatto per l’istruzione dei nostri ragazzi, investimento che va potenziato e che non può più subire tagli”: così il ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni commenta il varo della nuova Direttiva sull’Invalsi.
“Con questa Direttiva – aggiunge Fioroni – si avvia un percorso che dovrà portare alla valutazione degli Istituti scolastici sulla base degli apprendimenti e delle competenze acquisite dai nostri studenti. Ciò dovrà avvenire definendo obiettivi formativi e standard di competenze condivisi che saranno punto di riferimento sia per l’offerta formativa degli istituti sia per la valutazione dei risultati.
Lavoriamo, insomma, – conclude Fioroni – per garantire un sistema di valutazione autonomo che sia per la scuola e con la scuola e che offra uno strumento di servizio alle istituzioni scolastiche e nuovi elementi di certezza agli studenti e alle famiglie, così come avviene negli altri Paesi europei”.

23 24

Nota 23 agosto 2006, Prot. 2964
Organico di fatto – Attivazione/disattivazione funzionalità alle istituzioni scolastiche

22 21 20 19 18

Ordinanza Ministeriale 18 agosto 2006
Trasferimenti del Personale Docente delle Accademie e dei Conservatori di Musica

1. Termine ultimo di consegna della domanda di mobilità al Direttore della Istituzione di appartenenza

16 settembre 2006

2. Termine per la comunicazione agli interessati del punteggio attribuito

30 settembre 2006

3. Termine per rinuncia, reclami, rettifiche

7 ottobre 2006

4. Pubblicazione punteggi definitivi

11 ottobre 2006

5. Pubblicazione dei trasferimenti

16 ottobre 2006

6. Comunicazione delle cattedre e posti disponibili per le Utilizzazioni temporanee

18 ottobre 2006

7. Termine ultimo per la presentazione della domanda di utilizzazione temporanea

24 ottobre 2006

8. Pubblicazione utilizzazioni effettuate

4 novembre 2006

Ordinanza Ministeriale 18 agosto 2006
Trasferimenti del Personale Tecnico e Amministrativo delle Accademie di belle arti, delle Accademie Nazionali di Danza e di Arte Drammatica, dei Conservatori di musica e degli Istituti Superiori per le Industrie Artistiche

1. Termine ultimo di consegna della domanda di mobilità al Direttore della Istituzione di appartenenza

19 settembre 2006

2. Termine per la comunicazione agli interessati del punteggio attribuito

26 settembre 2006

3. Rinuncia, reclami, rettifiche

2 ottobre 2006

4. Pubblicazione punteggi definitivi

6 ottobre 2006

5. Pubblicazione dei trasferimenti

12 ottobre  2006

6. Comunicazione dei posti disponibili per le utilizzazioni temporanee

17 ottobre 2006

7. Termine utile per la presentazione della domanda di utilizzazione temporanea

23 ottobre 2006

8. Pubblicazione utilizzazioni effettuate

31 ottobre 2006

Nota Ministero dell’Economia e delle Finanze 18 agosto 2006, Prot. n. 16571 – Ufficio V
Retribuzione delle ore eccedenti l’orario d’obbligo per il personale docente del comparto Scuola

17 16 15 14 13 12 11 10 09

Nota 9 agosto 2006, Prot. n. 925/Dip/Segr
Fondo Scuola Espero. Elezione dei componenti dell’ Assemblea dei rappresentanti dei lavoratori. Adempimenti dell’ Amministrazione e delle scuole

Nota 9 agosto 2006, Prot. n. 937 /Dip. Segr.
Giornate di formazione a Montecitorio

08

Nota 8 agosto 2006, Prot. n. 2279
Censimento alunni per l’organico di fatto 2006/07

07

Nota 7 agosto 2006, Prot. n 1136
Personale ATA – Procedura per l’attribuzione delle posizioni economiche previste dall’art. 7 del CCNL per il secondo biennio economico 2004 – 2005. Riapertura delle funzioni informatiche

06 05 04

Nota 4 agosto 2006, Prot.n.895/DIP/Segr.
Bando di concorso: ‘I giovani ricordano la Shoah’

Nota 4 agosto 2006, Prot. n. 2220
Insegnanti di Religione – Immissione in ruolo secondo contingente. Trattamento economico

Nota 4 agosto 2006, Prot. n. 955
C.M. 18 Gennaio 2006, n. 5: procedura di selezione per il conferimento di 1 posto da assegnare a dirigenti scolastici e docenti, per lo svolgimento dei compiti connessi con l’attuazione dell’autonomia scolastica, di cui all’articolo 26, comma 8, della legge 23 dicembre 1998, n. 448. Anno scolastico 2006/2007

Decreto Direttore Generale 4 agosto 2006
C.M. 18 Gennaio 2006, n. 5: procedura di selezione per il conferimento di 1 posto da assegnare a dirigenti scolastici e docenti, per lo svolgimento dei compiti connessi con l’attuazione dell’autonomia scolastica, di cui all’articolo 26, comma 8, della legge 23 dicembre 1998, n. 448. Anno scolastico 2006/2007

Nota 4 agosto 2006, Prot. n 2259
Acquisizione ore residue di sostegno a.s. 2006/07

03

Nota 3 agosto 2006, Prot. n.1197
DM. 177/00 articolo 4 – Direttiva n° 90/03 articolo 6. Diffusione delle iniziative di formazione promosse da Soggetti accreditati/qualificati per la formazione del personale della scuola

Nota 3 agosto 2006, Prot. n. 4750/A2º
XIII Giornata Nazionale dell’Orientamento “ORIENTAGIOVANI”, VARESE, Teatro Apollonio, 17 novembre 2006, ore 9.00-13.00

Nota 3 agosto 2006, Prot. n. 2908
Conferimento delle supplenze al personale docente da parte dei dirigenti scolastici – disponibilità in formato magnetico

02

Nota 2 agosto 2006, Prot. n. 702
Attribuzione numeri di Codice Fiscale al Ministero della Pubblica Istruzione e al Ministero dell’Università e della Ricerca

Nota 2 agosto 2006, Prot. n. 2907
Graduatorie d’istituto di prima fascia del personale docente: acquisizione titolo di sostegno conseguito entro il 5 luglio secondo le indicazioni della nota 1004 del 21 luglio 2006

01

Circolare Ministeriale 1 agosto 2006, n. 59
Mobilità studentesca internazionale in ingresso

Nota 1 agosto 2006, Prot.n.1190
Direttiva n. 90 del 1.12.2003, artt. 5 e 6. Riconoscimento corsi di formazione e aggiornamento per il personale della scuola proposti da Soggetti che offrono formazione. Anno scolastico 2006/2007

01 agosto Avvio AS 2006-07

Come previsto dall’art. 4 commi 1 e 2 della legge 20 agosto 2001, n. 333, a decorrere dal 1° agosto, l’individuazione e la nomina dei destinatari delle supplenze annuali e di quelle sino al termine delle attività didattiche, attraverso lo scorrimento delle graduatorie permanenti, passa nella competenza dei dirigenti scolastici.

Parlamento

Le attività parlamentari sono sospese, per la pausa estiva, dalla seconda settimana di agosto.

Governo

31 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 9,45 a Palazzo Chigi.

In apertura dei lavori il Ministro dell’economia e delle finanze, Tommaso Padoa Schioppa, ha illustrato al Consiglio dei Ministri le linee portanti della manovra di finanza pubblica che il Governo varerà alla fine di settembre, nel quadro della situazione economica e congiunturale e secondo le indicazioni dell’Unione europea. Sul tema si è svolto un ampio dibattito. (…)
Infine il Consiglio ha deliberato: (…)
su proposta del Ministro della pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni:
– avvio della procedura per la nomina del sig. Ciro DI FRANCIA a Presidente dell’Ente nazionale di assistenza magistrale (ENAM). (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 14,10.

28 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 17,05 a Palazzo Chigi.
La seduta ha avuto termine alle ore 17.30.
18 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 9,20 a Palazzo Chigi.
La seduta ha avuto termine alle ore 10.30.
4 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 10,20 a Palazzo Chigi.

(…) Su proposta del Ministro per gli affari regionali e le autonomie locali, Linda Lanzillotta, il Consiglio ha approvato due provvedimenti: (…)
2) uno schema di disegno di legge che delega il Governo a istituire la Conferenza Stato-Autonomie per assicurare la leale collaborazione tra Governo, Regioni, Province autonome ed Enti locali. Lo schema, approvato in via preliminare, sarà sottoposto alla Conferenza unificata.
Su proposta del Ministro della pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, il Consiglio ha approvato un disegno di legge che rivede la normativa sugli esami di Stato, al fine di riaffermare il loro ruolo storico e selettivo al termine degli studi secondari. Questi i punti qualificanti del provvedimento:
– ripristino del giudizio collegiale di ammissione;
– commissioni miste, con tre professori interni e tre esterni e un presidente esterno;
– incremento del valore dei crediti formativi (da 20 a 25 punti)) e riduzione del punteggio relativo al colloquio (da 35 a 30);
– revisione delle prove scritte;
– monitoraggio degli esami presso istituti non statali.
Viene inoltre prevista una delega al Governo in tema di orientamento alla scelta dei corsi universitari, di potenziamento del raccordo tra scuola ed università per migliorare la formazione degli studenti rispetto al corso di laurea prescelto e di incentivi, anche economici, per valorizzare e premiare coloro che conseguono ottimi risultati scolastici. La delega sarà esercitata congiuntamente dai Ministri dell’università e della pubblica istruzione. (…)
Il Consiglio ha altresì adottato le seguenti deliberazioni. (…)
Su proposta del Ministro della pubblica istruzione:
– conferimento dell’incarico di Capo Dipartimento per la programmazione e per la gestione del bilancio, delle risorse umane e dell’informazione al prof. Emanuele BARBIERI, estraneo all’Amministrazione. (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 13,30

Di seguito il comunicato stampa del MPI:

Esame di Stato, come cambierà
E’ stato approvato oggi dal Consiglio dei Ministri uno schema di disegno di legge che modifica la disciplina relativa agli esami di Stato. Queste le principali novità:
* ammissione all’esame per gli studenti che avranno superato lo scrutinio finale e saldato i debiti formativi contratti negli anni scolastici precedenti.
* modifica dei requisiti di ammissione per gli studenti che intendono anticipare l’esame per merito. L’ammissione sarà vincolata, oltre al conseguimento di 8/10 in ciascuna disciplina nello scrutinio del penultimo anno, anche al conseguimento della media di 7/10 nei due anni precedenti.
* esame preliminare per i candidati esterni (privatisti) che non sono in possesso della promozione all’ultima classe, che dovranno inoltre possedere la residenza nella località dell’istituto scelto come sede d’esame.
* la seconda prova scritta per gli istituti tecnici, professionali e artistici assumerà una connotazione più tecnica e laboratoriale.
* le prove nazionali verranno scelte senza la predisposizione da parte dell’Invalsi (Istituto Nazionale di Valutazione del Sistema di Istruzione), anche per la scuola media inferiore.
* modifica dei punteggi di valutazione finale: il credito scolastico passerà da 20 a 25 punti; il colloquio scenderà da 35 a 30 punti.
* ripristino delle commissioni d’esame miste, composte per metà da commissari interni e per metà esterni, oltre al Presidente esterno al quale potranno essere affidate non più di due classi.
* il numero dei candidati esterni non potrà superare il 50% dei candidati interni, fermo restando il limite numerico di 35. Presso ciascuna istituzione scolastica potrà essere costituita una apposita commissione per i soli candidati esterni.
* task force ispettive assicureranno il monitoraggio del regolare funzionamento degli istituti statali e paritari e, in particolare, verificheranno il corretto svolgimento degli esami di Stato.
* i candidati non appartenenti ai Paesi dell’Unione Europea, che non abbiano frequentato l’ultimo anno di corso di istruzione secondaria superiore, potranno sostenere l’esame di Stato in qualità di candidati esterni.
Il provvedimento prevede, inoltre, una delega al Governo che consentirà di:
* realizzare, nell’ultimo anno di studi, dei percorsi di orientamento che permetteranno agli studenti di scegliere con maggiore consapevolezza il corso di laurea più idoneo alle loro caratteristiche e aspirazioni, con la partecipazione in aula anche di docenti universitari e dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica.
* potenziare il raccordo scuola-università favorendo la partecipazione degli istituti di istruzione superiore alle prove di accesso alle università.
* valorizzare la qualità dei risultati scolastici raggiunti, assegnando una quota del punteggio degli esami di ammissione ai corsi universitari a numero programmato a quegli studenti che, nell’ultimo triennio e nell’esame di Stato, abbiano conseguito risultati scolastici di particolare rilievo, anche in riferimento alle discipline più significative del corso di laurea prescelto.
* premiare l’eccellenza degli studenti con incentivi, anche di natura economica, finalizzati alla prosecuzione degli studi universitari o nell’ambito dell’istruzione e formazione tecnica superiore.

Educazione&Scuola©

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: