07 2001

31 luglio Avvio AS 2001-02

Il decreto legge 3 luglio 2001, n. 255 stabilisce che, limitatamente all’anno scolastico 2001/2002, entro la data del 31 luglio 2001, i dirigenti scolastici comunichino la formazione delle classi al dirigente territorialmente competente per la copertura, nella fase delle utilizzazioni, dei posti e degli spezzoni di orario che non sia stato possibile coprire con personale a disposizione all’interno della stessa istituzione scolastica.

A regime tale comunicazione dovrà avvenire entro il 10 luglio.

11 – 31 luglio Utilizzazioni ed Assegnazioni

Con la circolare 13 luglio 2001, n. 122 il MIUR dispone che per l’A.S. 2001-02 resta in vigore il CCDN per le utilizzazioni del 2000-2001 con le integrazioni stabilite entro il 25 luglio 2001 dai Contratti decentrati provinciali.

La circolare 6 luglio 2001, n. 119 stabilisce la seguente tempistica per le utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie per l’a.s. 2001-2002:

  • 11 luglio: contratto collettivo nazionale decentrato sulle utilizzazioni
  • 25 luglio: termine contrattazione a livello provinciale
  • 31 luglio: termine presentazione istanze di utilizzazione ed assegnazione provvisoria

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

Modulistica Utilizzazioni e Assegnazione Provvisorie 2001

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

31 luglio Parificate: Ricognizione Handicap

La lettera circolare 6 luglio 2001, Prot. n. 98, fissa al 31 luglio il termine ultimo per l’invio, alla Direzione Generale per l’organizzazione dei servizi nel territorio – Ufficio VII -, della Scheda di ricognizione sugli alunni disabili frequentanti per valutare le esigenze finanziarie connesse all’integrazione scolastica.

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

circolare INPS 31 luglio 2001, n. 153
Banca dati ISEE. Primi chiarimenti ed istruzioni

lettera circolare 31 luglio 2001, Prot. n. U4/1041
Corsi di formazione di qualificazione del personale dell’amministrazione centrale e periferica – Artt. 19-20-21 del contratto collettivo nazionale integrativo 1998-2001 del 21 settembre 1999 – Personale dell’area A

ordinanza 30 luglio 2001
Trasferimenti del personale docente e non docente delle Accademie e dei Conservatori di musica

circolare Finanze 30 luglio 2001, n. 72
Ulteriori chiarimenti in materia di agevolazioni fiscali per l’acquisto di veicoli da parte di soggetti non vedenti e sordomuti

02 – 30 luglio Esami e Scrutini

Di seguito i comunicati del MIUR su esami e scrutini nelle scuole secondarie di primo e secondo grado e nelle scuole elementari:

Roma, 30 luglio 2001 – E’ in crescita il numero degli studenti dei primi due anni di scuola superiore che non vengono ammessi alla classe successiva: il biennio iniziale si conferma dunque come il banco di prova più selettivo nella carriera scolastica. Superato questo, le cose filano più lisce. Negli anni successivi il rapporto con lo studio presenta ostacoli minori, e la percentuale di successo scolastico aumenta. E’ questo uno dei dati principali dell’indagine campionaria svolta dal Sistan, il servizio statistico del ministero dell’Istruzione, sui risultati degli scrutini dello scorso giugno.
Il passaggio più impervio è quello del primo anno: gli ammessi dalla prima alla seconda classe superiore sono passati dall’83,3% dell’a.s. 1999-2000 all’81,8% di quest’anno; gli ammessi dal seconda alla terza classe sono scesi dall’88,9% dell’anno scorso all’87,3%. I valori sono pressoché uguali invece per gli scrutini degli altri anni: in leggera diminuzione i promossi dal terzo al quarto anno (89,3% contro 89% di quest’anno) e dal quarto al quinto (90% l’anno scorso, 89,8% quest’anno).
Le ammissioni restano comunque fortemente condizionate dal debito formativo: i dati raccolti dal Sistan sull’incidenza del debito formativo negli scrutini dell’anno scolastico 2000-01 fanno rilevare che in tutta la scuola superiore il 42,6% delle promozioni è subordinato al successivo recupero. E la concentrazione più alta di promozioni con debito si riscontra ancora una volta nelle prime due classi: alla fine del primo anno il 43,4% degli studenti passa con il debito, alla fine del secondo gli ammessi con debito diventano il 43,9%. Percentuali che vengono poi compensate nei due anni successivi, in cui gli indebitati risultano il 40,9% alla fine del terzo anno e il 41,7% alla fine del quarto.
Per quanto riguarda infine l’efficacia dei corsi di recupero attivati nelle scuole secondarie superiori, l’indagine campionaria del Sistan rileva che solo il 37,8% degli studenti con debito frequenta i corsi e che di questi l’81,1%, a seguito della verifica prescritta dalla legge, risulta aver colmato le proprie lacune e saldato il proprio debito, con un’oscillazione che va dall’89,3% nei licei scientifici al 72,6% negli istituti professionali.

Roma, 26 luglio 2001 – Oltre il 99% degli alunni delle scuole elementari e medie supera i rispettivi esami di licenza.
Secondo l’indagine campionaria svolta dal Sistan, il Servizio statistico del ministero dell’Istruzione, i risultati degli esami delle elementari e delle secondarie di primo grado appena conclusi sono pressoché identici a quelli dell’a.s. 1999-2000: il dato nazionale dei promossi alla licenza elementare è del 99,8%, contro il 99,7% dello scorso anno; stabile invece al 99,8% il valore percentuale delle promozioni all’esame di terza media nella tendenza degli ultimi cinque anni.
Per quanto riguarda l’andamento degli scrutini nelle scuole medie la percentuale dei promossi al termine del primo anno è stata del 95,3% – un punto in più rispetto allo scorso anno – e del 96,7% al termine del secondo anno, contro il 96% dello scorso giugno. Negli scrutini del terzo anno, infine, passa il 97,6% degli alunni. La media nazionale dei ragazzi ammessi a frequentare la classe successiva è del 96,5%, in aumento rispetto al 95,8% dell’anno scorso: nel corso dei tre anni si assiste a un progressivo aumento del successo scolastico. Nell’arco dei tre anni i valori medi più alti si riscontrano nelle scuole del nord (97% di promozioni), i più bassi nelle isole (94%).
Nella scuola elementare le percentuali di promozione sono altissime ed oscillano dal 99,6% del primo anno al 99,9% del quarto. I dati territoriali sono uniformi, senza scostamenti di rilievo tra le diverse aree del paese.

L’Istituto nazionale per la valutazione del sistema dell’istruzione (ex CEDE) rende noti i primi dati sugli esami di Stato 2001 e relativi al 20% delle commissioni; proponiamo di seguito una tabella comparativa relativa agli ultimi otto anni:

Candidati Promossi per aa.ss.
Anno scolastico Promossi (%)
Nuovo Esame di Stato 2000/2001 97
1999/2000 96,03
1998/1999 94,7
Vecchia Maturità 1997/1998 94,6
1996/1997 93,8
1995/1996 93,3
1994/1995 94,5
1993/1994 94,9

Punteggio medio per sesso

F M
credito scolastico 14,80/20 12,74/20
prima prova scritta 11,11/15 10,60/15
seconda prova scritta 11,74/15 11,32/15
terza prova scritta 11,42/15 10,73/15
colloquio 28,11/35 26,43/35
  • Altri dati:
    • media credito scolastico: 13/20
    • punteggio medio colloquio: 27/35
  • Punteggio medio per data di nascita:
    • 1983: 79,50/100
    • 1982: 77,62/100
    • 1981: circa 68/100
    • 1980: circa 66/100

Gli esami di Stato nel mese di luglio proseguono, in ragione di quanto previsto dall’art 12 dell’OM 29/01, secondo il seguente calendario:

Data variabile Due giorni prima della data di inizio dello svolgimento del colloquio (esclusi dal computo le domeniche e i giorni festivi intermedi) la commissione rende noti i punteggi delle prove scritte ed il calendario dei colloqui mediante pubblicazione all’albo.
E’ facoltà di ogni candidato richiedere alla commissione di conoscere il punteggio attribuito alle singole prove. La commissione riscontra tale richiesta entro il giorno precedente la data fissata per il colloquio del candidato interessato.
Svolgimento Colloquio (art. 16, OM 29/01).

Per l’espletamento dei colloqui, vengono convocati per primi, in base a sorteggio, i candidati interni; successivamente, sempre in base a sorteggio, i candidati esterni. Il numero dei candidati che sostengono il colloquio, per ogni giorno, non può essere di norma superiore a cinque.

Con l’OM 116/01 il MPI modifica ed integra gli artt. 12, 20 e 21 dell’OM 29/01, consentendo al Presidente di commissione, cui incombe l’onere, sentiti gli altri componenti, di determinare il calendario delle operazioni delle due classi abbinate, e di valutare, in relazione a specifiche situazioni locali, l’opportunità di procedere alla valutazione finale ed alla conseguente pubblicazione dei relativi esiti in modo congiunto o disgiunto delle classi, avendo cura di far risultare a verbale le determinazioni assunte, sorrette da adeguate motivazioni.

2 luglio Prove suppletive:

  • 2 luglio (prima prova scritta)
  • 3 luglio, con eventuale prosecuzione nei giorni successivi relativamente alle prove dei licei artistici e degli istituti d’arte (seconda prova scritta)
  • secondo giorno successivo all’effettuazione della seconda prova scritta e proseguono, nei casi previsti, nei giorni successivi, ad eccezione del sabato (terza prova scritta)

In Educazione&Scuola:

03 – 27 luglio Mobilità 2001 – 2002

La nota 16 luglio 2001, n. 166, comunica che i movimenti del personale ATA non saranno pubblicati il 20 luglio 2001 come precedentemente segnalato.

L’OM 23/01, l’OM 72/01 e la CM 122/01 fissano i termini per la diffusione dei risultati delle domande di mobilità secondo il calendario di seguito riportato:

Tipo di personale Diffusione risultati
Dirigenti Scolastici 25 luglio
Docenti Materne 11 luglio
Docenti I grado 24 luglio
Docenti Il grado 3 luglio
Personale Educativo 27 luglio

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

In Mobilità, Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie

nota 27 luglio 2001, Prot. n. 90/vm
Organici personale docente anno scolastico 2001/2002 – Schema di decreto ministeriale

nota 27 luglio 2001, Prot. n. 367nbsp
C.M. n. 109 Prot. n.256 dell’11.6.2001 avente per oggetto: “Procedimento di contrattazione integrativa nazionale e di sede. Comparti ministero e scuola. Autorizzazione alla stipula dei contratti”: chiarimenti

lettera circolare 26 luglio 2001, Prot. n. 3292/A2
Ricerca “Una nuova cultura della sicurezza stradale – Programma per un test di autovalutazione degli studenti”

nota 26 luglio 2001, Prot. n. 3315
Art.4 CCNI comparto scuola per gli anni 1998/2001. Scuole situate nelle zone a rischio

decreto interministeriale 25 luglio 2001 (in GU n. 64 del 14-8-2001)
Modifiche ed integrazioni al decreto 8 giugno 2001, concernente il concorso pubblico, per titoli ed esame, per l’ammissione alle scuole di specializzazione per le professioni legali per l’anno accademico 2001-2002. Differimento dei termini

03 – 25 luglio Attività sindacale

Proseguono gli incontri di ARAN e MPI con le OOSS della Scuola su:

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

nota 24 luglio 2001, Prot. 1826
Contratto collettivo decentrato nazionale concernente le utilizzazioni dei dirigenti scolastici per l’anno scolastico 2001/2002

nota 23 luglio 2001, Prot. n. 210
D.M. 5.4.2001 di recepimento dell’Accordo ARAN – Organizzazioni Sindacali in data 20.7.2000 sui criteri di inquadramento del personale ATA, dipendente degli Enti locali, transitato nel Comparto scuola

circolare 23 luglio 2001, n. 126
Assistenti amministrativi della scuola – Mantenimento in servizio per eccezionali esigenze

circolare INPS 23 luglio 2001, n. 147
Estensione, a decorrere dal 1 gennaio 2000, della tutela per malattia in caso di degenza ospedaliera ai soggetti iscritti alla gestione separata dei lavoratori autonomi di cui all’art. 2, comma 26, della legge 8.8.1995, n. 335 (art. 51, comma 1, lett. d, della legge 23.12.1999, n. 488). Istruzioni contabili e adempimenti fiscali. Variazioni al piano dei conti

circolare 20 luglio 2001, n. 125
Certificazioni per gli alunni in situazione di handicap

decreto 19 luglio 2001, n. 376 (in GU 19 ottobre 2001, n. 244)
Regolamento ai sensi dell’articolo 17, comma 96, lettera d), della legge 15 maggio 1997, n. 127, relativo al riordino delle università per stranieri

04 – 19 luglio Riforme e Blocco

Il 18 ed il 19 luglio il ministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca presenta alle Camere il programma del suo dicastero; i temi centrali risultano essere:

– per l’università e la ricerca

  • libera adozione della riforma a partire dall’a.a. 2001-02 o 2003-04
  • completamento dell’autonomia universitaria
  • potenziamento del diritto allo studio anche attraverso finanziamenti privati
  • rafforzamento del ruolo e delle funzioni del Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario
  • finanziamenti alla ricerca che riallineino, nel quinquennio, la spesa complessiva italiana agli standard quantitativi e qualitativi dei principali paesi europei (2% del PIL)

– per l’istruzione

  • diritto allo studio e diritto all’eccellenza attraverso la realizzazione di un sistema integrato di componenti statali e non statali
  • federalismo solidale, razionalizzazione e sburocratizzazione dell’ organizzazione scolastica
  • nuovo servizio nazionale autonomo per la  valutazione del sistema scolastico
  • valorizzazione della professionalità docente
  • riforma degli organi collegiali di istituto e proroga alla costituzione (prevista per il 1° settembre) dei nuovi organi collegiali territoriali
  • riforma dei cicli scolastici

Rispetto a questo ultimo tema il ministro annuncia inoltre la costituzione di uno specifico gruppo di lavoro presieduto dal prof. Giuseppe Bertagna (università di Bologna e Torino) e costituito dai professori Giorgio Chiosso (università di Torino), Michele Colasanto (prorettore dell’università Cattolica ed ex Presidente dell’ISFOL), Silvano Tagliagambe (università La Sapienza di Roma), Norberto Bottani (ex ricercatore OCSE e direttore del dipartimento Innovazione Educativa del Cantone di Ginevra) e dal Prof. Ferdinando Montuschi (titolare della cattedra di Pedagogia Speciale e Presidente del corso di laurea in scienze della formazione primaria della III università di Roma) che, sentite tutte le componenti scolastiche, formulerà un rapporto di sintesi sulla riforma.
Tale rapporto sarà quindi sottoposto agli ‘stati generali dell’istruzione‘ (composti da rappresentanti delle famiglie, degli studenti, dei docenti e da tecnici) i quali formuleranno, in tempo utile per l’avvio con il nuovo a.s. 2002-03, un nuovo piano di attuazione della riforma degli ordinamenti e le eventuali modifiche da apportare alla legge 30/00.

Di seguito i comunicati stampa del MIUR:

Nuovo piano di riforma degli ordinamenti scolastici
(Roma, 18 luglio 2001) Saranno gli Stati generali dell’Istruzione, con la partecipazione di studenti, genitori, insegnanti ed esperti a fornire al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dott.ssa Letizia Moratti, i riscontri concreti per un nuovo piano di riforma degli ordinamenti scolastici.
Lo ha annunciato il Ministro in apertura del suo discorso programmatico davanti alla Commissione Cultura della Camera dei deputati.
“Il nostro impegno ha al centro i bisogni, gli interessi, delle loro famiglie, degli insegnanti, le aspirazioni degli studenti, – ha detto il Ministro Moratti – sono loro i veri protagonisti della scuola che ispirano la nostra azione legata a due principi fondamentali: solidarietà ed eccellenza”.
Dopo la sospensione della riforma dei cicli il Ministro Moratti ha infatti nominato un gruppo di lavoro ristretto per esaminare i nodi più urgenti da sciogliere per il futuro della scuola italiana, per elaborare un rapporto di sintesi da portare alla discussione degli Stati generali dell’Istruzione.
Il processo di esame e proposta, affidato a tecnici ed esperti provenienti da settori culturali diversi e da diverse esperienze del settore pubblico e privato, verrà effettuato in modo da permettere un percorso parlamentare in tempo utile per l’avvio dell’anno scolastico 2002-2003 secondo le nuove indicazioni.

Investimenti ai livelli europei in cinque anni
(Roma, 18 luglio 2001) Nel corso dell’audizione davanti alla Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei deputati il Ministro Moratti ha sostenuto che gli investimenti nella scuola, nell’università e nella ricerca verranno portati, in cinque anni, ai livelli europei.
Verrà costituito anche un Tavolo di semplificazione destinato a razionalizzare e sburocratizzare, in maniera netta, tutte le disposizioni di organizzazione interna della struttura scolastica.
Per quanto riguarda il sistema di valutazione della scuola il Ministro ha confermato l’istituzione di un centro di valutazione del sistema scolastico autonomo ed indipendente che valuti il funzionamento delle scuole ed i livelli di apprendimento degli studenti.
Il Ministro Moratti ha annunciato altre misure tra cui: la presentazione di un disegno di legge di ristrutturazione degli organismi collegiali, affidati alle reali esigenze dei singoli istituti, in piena autonomia.
Novità anche per gli insegnanti e per lo sviluppo della loro professionalità: per gli insegnanti si cercherà di definire uno specifico ambito contrattuale separato dal resto del personale scolastico. Inoltre verrà al più presto lanciato il bando per il primo concorso dei dirigenti scolastici. “Gli investimenti sulla docenza – ha detto il Ministro – vanno concentrati sulla definizione di articolazione delle funzioni che si concretizzano nel riconoscimento di un diverso impegno professionale sia rispetto al tempo di lavoro sia in relazione all’arricchimento professionale con conseguente riconoscimento economico”. A questo scopo il Ministro Letizia Moratti ha insediato il Gruppo di lavoro incaricato della predisposizione degli indirizzi per l’attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico. Il Gruppo di lavoro è presieduto dal Prof. Giacomo Elias, esperto di sistemi di qualità e già Presidente dell’ISO (ente che raggruppa 138 paesi e che stabilisce a livello mondiale le norme sulla qualità ISO 9000), ed è costituito da autorevoli esperti della scuola di ogni ordine e grado e dalle famiglie.
A proposito dell’Università il Ministro Moratti ha annunciato che il Governo intende sostenere le università che attuano da subito la riforma, e nello stesso tempo dare la facoltà di differire l’inizio dei corsi di studio all’anno accademico 2003 – 2004 a quelle università che ne sentono l’esigenza.
Il Ministro ha posto in primo piano nelle linee programmatiche i bisogni degli studenti universitari che non hanno mezzi, ma hanno talento e quindi vanno affiancati economicamente per sostenere i loro studi, assicurando nel contempo, come richiesto dagli standard europei, la possibilità per gli studenti di accedere a centri di eccellenza universitaria.
“Nel delicato passaggio tra la scuola e l’università – ha detto il Ministro – gli studenti sono soli. Noi dobbiamo accompagnarli e aiutarli nella scelta dell’Università, perché questa scelta condizione tutto il loro futuro. Gli studenti sono soli anche dentro l’università. Dobbiamo affiancarli e sostenerli in modo continuativo in tutto il loro percorso di formazione superiore, e aiutarli nella decisiva scelta del loro primo inserimento nel mondo del lavoro”. Per quanto riguarda i nuovi corsi di laurea il Ministro Moratti ha sostenuto che per la loro attuazione “ci vogliono requisiti minimi garantiti” in rapporto alle necessità della società civile e del mercato. Sul fronte del reclutamento dei docenti le innovazioni riguardano la libertà di scelta attribuite agli Atenei che si ispirano ai criteri di qualità. Cambiamenti in vista anche per i concorsi di docenza: “il governo vuole arrivare al sistema del vincitore unico dei concorsi, abbandonando il sistema dei due candidati per le cattedre universitarie”.
Biotecnologie, informatica e nuovi materiali: ecco, tra l’altro, dove verrà potenziata la ricerca italiana.
L’intervento del Ministro dell’Istruzione si è concluso con l’annuncio che la spesa pubblica di ricerca verrà gradualmente elevata nel quinquennio fino ad arrivare al livello degli altri grandi Paesi europei, cioè il 2% del Pil.
Verrà avviata inoltre la verifica della destinazione dei fondi di ricerca pubblici, monitorandone gli effetti anche dopo la chiusura dell’attività di ricerca. Inoltre il Ministro ha annunciato che il Governo intende avviare, anche per il successo che ha avuto all’estero, “il progetto di consorzi specialistici aventi la funzione di incubatore di idee innovative in campo specialistico, consorzi che dovrebbero essere compartecipati da università o da altri enti pubblici, grandi aziende italiane e multinazionali insieme a società di venture capital”.

La scuola e, in particolare, la carriera degli insegnanti, potrebbero essere rivoluzionate dal DPEF che il CdM vara il 16 luglio 2001.

Il DPEF contiene indicazioni circa la costituzione di un nuovo stato giuridico per i docenti, legato all’adozione di uno specifico codice deontologico ed alla valutazione del merito individuale e del sistema scolastico operata, come avviene per l’industria, da un’agenzia privata che sostituirebbe l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema dell’istruzione (ex CEDE).

A tal fine il ministro ha nominato una commissione di 14 esperti (presieduta da Giacomo Elias, già presidente dell’ISO – International Organization for Standardization – e composta, fra gli altri, da Antonio Augenti, ex direttore generale del MPI, Giuseppe Bertagna, direttore de “La Nuova secondaria”, Bruno Bordignon, delle Scuole salesiane, Luisa Ribolzi, docente di Sociologia dell’istruzione a Genova) che – a partire dalla prima riunione del 13 luglio 2001 – ha iniziato ad analizzare il problema.

Il DPEF prevede, inoltre, un aumento degli investimenti per il settore Ricerca – che dovrebbe essere riallineato alla media europea rispetto al PIL – ed una nuova spinta verso il federalismo scolastico.

Riportiamo di seguito le parti del DPEF che riguardano i settori pubblica amministrazione, scuola, università e ricerca:

III.2.2 Politica di bilancio
(..) Pubblica Amministrazione
Le linee guida della politica delle retribuzioni nel settore del pubblico impiego saranno volte a determinare aumenti retributivi pari al tasso di inflazione programmata più l’1% di eventuali incrementi di produttività, da considerare nell’ambito della contrattazione decentrata. Introducendo a tal fine strumenti oggettivi di misurazione e di controllo dei risultati. Su queste linee si dovranno articolare le dinamiche retributive dei singoli comparti in relazione alle diverse specificità e professionalità. Tenendo conto di un turnover di circa il 3% nel settore e delle necessità di inserimento di giovani e di nuove professionalità, obiettivo programmatico del Governo è quello di ridurre dell’1% all’anno l’occupazione complessiva nella Pubblica Amministrazione a partire dal 2002 in linea con quanto già definito nella scorsa legislatura. (…)

III.2.3 scuola, ricerca e infrastrutture materiali e immateriali
Formazione di capitale umano
L’impegno del Governo sarà quello di dedicare maggiore attenzione all’incremento del capitale umano tramite la riforma del sistema educativo nazionale. Ciò andrà effettuato all’interno di un giusto rapporto tra spesa pubblica, istruzione e competitività che inverta la logica che ha finora ispirato le politiche educative del nostro Paese, adeguando i nostri sistemi di istruzione e ricerca, nell’ambito di un assetto “federalista” dello Stato. Serve un vero centro che indirizzi e governi senza più compiti di gestione. Occorre creare un Servizio di Valutazione, autonomo e indipendente, che definisca gli standard di qualità e valuti il sistema scolastico nel suo complesso e i livelli finali di preparazione degli studenti, al fine di migliorarli costantemente ed in modo omogeneo nel Paese, in un’ottica di federalismo solidale.
La spesa pubblica per l’istruzione continua ad essere incontrollata e dilatata, non finalizzata a politiche di investimento e sempre più coincidente in modo quasi esclusivo con gli stipendi del personale. Le risorse disponibili verranno indirizzate all’utilizzo di tecnologie multimediali e alla valorizzazione e formazione iniziale e continua di tutto il personale della scuola. Un’attenzione particolare verrà riservata alla riforma degli ordinamenti e alla interazione tra il sistema educativo e il sistema produttivo, sviluppando gli strumenti per il conseguimento dell’obbligo formativo a diciotto anni, nonché a fornire opportunità di formazione nel corso di tutta la vita.
Nel settore universitario particolare cura dovrà essere riservata:
(a) al processo di completamento dell’autonomia attuata attraverso la riforma della complessiva offerta formativa;
(b) al potenziamento e al rilancio dei programmi di ricerca;
(c) al completamento del programma di decongestionamento degli atenei sovraffollati.
Ricerca e innovazione tecnologica
Il Governo intende raggiungere un livello di spesa – rispetto al PIL – pari all’attuale media europea e attribuire le risorse alle singole iniziative di ricerca sulla base di criteri di trasparenza e di validità dei progetti Nella stessa ottica, sarà data particolare attenzione alla valutazione dei risultati ottenuti dall’attività di ricerca. Per questo, un elemento chiave nella strategia di rilancio della ricerca scientifica e tecnologica sarà la creazione di un nuovo regime per la proprietà intellettuale dei ricercatori pubblici. Il nostro Paese ha perso enormi possibilità di sviluppo in conseguenza del fatto che moltissime invenzioni sono rimaste inutilizzate a causa della indeterminatezza sulla questione relativa alla loro proprietà. Chiarita la questione della proprietà sulla base del principio che le invenzioni sono in primo luogo degli inventori, le idee possono trovare i capitali e i capitali possono trovare le idee anche grazie alla combinazione dell’iniziativa privata e del venture capital. (…)
Società e tecnologie dell’informazione e comunicazione.
Obiettivo del Governo nel prossimo quinquennio è di favorire l’avvento della società digitale e l’ingresso nella società dell’informazione”. A tal fine provvederà a:
a) adottare un piano nazionale di sviluppo per dotare l’Italia di infrastrutture di telecomunicazioni a banda larga.;
b) realizzare un sistema di informatizzazione della Pubblica Amministrazione per aumentarne l’efficienza, nell’ambito di una semplificazione ed un riesame delle procedure seguite. Oltre ai servizi tradizionali, saranno progressivamente attivati servizi on line ad alto valore aggiunto quali, ad esempio, ambienti virtuali per l’incontro e lo scambio delle informazioni sulla domanda e l’offerta di lavoro e per la assistenza sanitaria on line, servizi di consulenza previdenziale e fiscale e servizi culturali e di formazione on line. Si prevede, inoltre, la estensione dei modelli di e-procurement per l’acquisto di beni e servizi nonché l’introduzione di soluzioni organizzative quali l’outsourcing;
c) favorire la completa liberalizzazione dei servizi di telecomunicazione, ottimizzando l’uso dello spettro radioelettrico così da estendere al maggior numero di operatori possibile l’utilizzo di nuove tecnologie di trasmissione;
d) stimolare una elevata penetrazione delle nuove tecnologie nella vita sociale e professionale dei cittadini, mirando a diffondere la cultura informatica anche nelle scuole sia per gli insegnanti che per gli studenti;
Il coinvolgimento delle imprese nell’economia di rete e nel processo di “digitalizzazione” del Paese sarà sostenuto attraverso interventi diretti (tra cui: agevolazioni fiscali, estensione della legge n. 489 del 28/8/1994 ai settori dell’informatica, deducibilità fiscali per gli investimenti dedicati alla promozione del commercio elettronico) e la diffusione dell’utilizzo di strumenti informatici nella relazione tra amministrazioni ed imprese. I rapporti contrattuali tra Pubblica amministrazione ed imprese saranno migliorati secondo una logica di trasparenza nella gestione delle relazioni con i fornitori, attraverso l’avviamento di gare on line, garantendo al tempo stesso affidabilità nei tempi e nelle modalità di pagamento, attraverso modalità di pagamento telematico.

Questi, dalla rubrica Statistiche, gli esiti del sondaggio svolto in Rete da Educazione&Scuola nel mese di giugno 2001:

Chi dovrebbe/potrebbe valutare i docenti?
voti perc.
1.)  Dirigente 132 22%
2.)  Famiglie 48 8%
3.)  Studenti 99 16%
4.)  Esperti esterni 123 20%
5.)  Collegio Docenti 71 12%
6.)  Nessuno 134 22%
1 2 3 4 5 6

Totale Voti:  607

Nella seduta del 12 luglio 2001 il CNPI approva all’unanimità la richiesta di ripristino del decreto 21 maggio 2001, n. 91 relativo all’innovazione della Scuola dell’Infanzia, ritirato dalla Corte dei Conti dal nuovo ministro (nota 5 luglio 2001, Prot n.46/SEGR).

Con nota 5 luglio 2001, Prot n.46/SEGR, il ministero dell’istruzione annuncia il ritiro dalla Corte dei Conti (già avvenuto venti giorni prima) del Regolamento recante norme in materia di curricoli della scuola di base, ai sensi dell’articolo 8 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n.275.

Il 4 luglio 2001 “l’Ufficio Stampa del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca comunica che, a seguito dei rilievi formulati dalla Corte dei Conti sui provvedimenti attuativi della legge 10 febbraio 2000 n.30 in materia di riordino dei cicli dell’istruzione, rilievi che intervengono in un momento che rende di fatto impraticabile il concreto avvio della riforma dal prossimo anno scolastico, il Ministro Letizia Moratti ha ritirato dalla Corte dei Conti i suddetti provvedimenti che, pertanto, non producono alcun effetto.
E’ intenzione del Ministro promuovere in tempi brevi una complessiva riflessione sull’intera materia degli ordinamenti scolastici, alla quale chiamerà a partecipare famiglie e docenti della scuola italiana.
Pertanto resta confermata la normativa vigente per quanto attiene agli aspetti organizzativi e didattici per il prossimo anno scolastico.

Il Regolamento, sul quale si era pronunciato positivamente il Consiglio di Stato (parere n. 104/2001 del 23 aprile 2001), segnalando l’irregolarità del parere negativo del CNPI perché espresso “(…) in carenza del quorum strutturale” (36 su 74 componenti) ed al di là degli “(…) indirizzi vincolanti adottati dai due rami del Parlamento” (Risoluzione n. 6-00155 – Camera e Risoluzione n. 6-00057 – Senato), aveva subito i rilievi della Corte dei Conti e della terza sezione del TAR Lazio perché emanato nella forma del decreto ministeriale senza una precedente approvazione da parte del consiglio dei ministri.

Ritirati dalla Corte dei Conti anche i decreti relativi all’innovazione della Scuola dell’Infanzia (Decreto n.91 del 21 maggio 2001), alla riduzione oraria a 32 ore settimanali di lezione per gli istituti superiori che ne hanno 40 (Decreto di modifica e integrazione del Decreto Interministeriale n.234 del 26 giugno 2000, C.M. n.3 del 5 gennaio 2001) e alla formazione universitaria degli insegnanti (Decreto Interministeriale prot.n.11304/DM del 4 giugno 2001).

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

decreto 18 luglio 2001
Costituzione di un Gruppo di lavoro ristretto, formato da esperti, allo scopo di svolgere una complessiva riflessione sull’intero sistema di istruzione  e, nel contempo, fornire concreti riscontri per un nuovo piano di attuazione della riforma degli ordinamenti scolastici, ovvero per le eventuali modifiche da apportare alla legge n. 30 del 10 febbraio 2000

nota 18 Luglio 2001, Prot. n. 631/MR
Adempimento degli obblighi di leva. – Ritardo per motivi di studio. Presentazione domande

nota 17 luglio 2001, Prot. 6155/2001
Linee di indirizzo in merito alla gestione dei ricorsi gerarchici e dei ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica

decreto Ministero Interno 16 luglio 2001 (in GU 7 agosto 2001, n. 182)
Determinazione del calendario delle festività ebraiche

circolare 16 luglio 2001, n. 123
Anno finanziario 2001- Capitolo 4150 – Sussidi di gestione alle scuole materne non statali – D.L.vo 16 aprile 1994, n.297, art. 339 e seguenti

nota 16 luglio 2001, Prot. n. 8739
Risultati Gara Nazionale Istituti Professionali svoltasi nell’ a.s. 2000 – 2001

nota 16 luglio 2001, Prot. n.166
Mobilità del personale ATA pubblicazione dei movimenti. Rinvio

circolare 13 luglio 2001, n. 122
Contratto Collettivo Decentrato Nazionale concernente le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie del personale docente ed educativo per l’anno scolastico 2001/2002

09 – 13 luglio Supplenze e Assunzioni

Entro il 9 luglio, come previsto dal decreto 4 giugno 2001, n. 103 (pubblicato nella GU – 4a Serie Speciale – Concorsi n. 45 dell’8 giugno 2001), gli interessati devono presentare domanda per l’inclusione nelle nuove graduatorie di circolo e di istituto per l’attribuzione delle supplenze temporanee al personale docente ed educativo.

Entro la stessa data saranno disponibili, come stabilito dalla CM 117/01, da parte del Sistema Informativo le stampe delle nuove graduatorie permanenti, che il decreto legge 3 luglio 2001, n. 255 suddivide in tre fasce (le attuali 1ª e 2ª fascia ed una 3ª in cui confluiscono gli insegnanti delle precedenti 3ª e 4ª fascia) e che verranno utilizzate sia per le assunzioni relative agli anni scolastici 2000/2001 e 2001/2002 che per il conferimento delle supplenze annuali e di quelle sino al termine delle attività didattiche per l’ a.s. 2001/2002, con i termini e le modalità specificati, in via transitoria, ai commi 4°, 5° e 6° dell’ art. 1 dello stesso DL.

Il decreto legge 3 luglio 2001, n. 255 interviene così, preventivamente, sul tema sul quale era chiamato ad esprimersi il Consiglio di Stato – che il 13 luglio 2001 rinvia lo stesso ‘sine die’ – sulla base dei ricorsi accolti dai TAR (Sentenza TAR Campania 08.02.01, Sentenza TAR Lazio 03.04.01, Sentenza TAR Lazio 18.04.01) che avevano già determinato da parte del MPI, con circolare 28 maggio 2001, Prot. n. 1025/Uff. VI, la sospensione delle procedure di nomina a tempo indeterminato da effettuare sul contingente di assunzioni riservate alle graduatorie permanenti.

In Educazione&Scuola:

decreto ministero lavoro 12 luglio 2001 (in GU 11 settembre 2001, n. 211)
Ripartizione tra le regioni delle risorse finanziarie del Fondo per il diritto al lavoro dei disabili, istituito dall’art. 13, comma 4, della legge 12 marzo 1999, n. 68

decreto Presidente Consiglio Ministri 11 luglio 2001, n. 338 (in GU 22 agosto 2001, n. 194)
Regolamento di esecuzione delle disposizioni relative al contrassegno della Società italiana degli autori e degli editori (S.I.A.E.) di cui all’articolo 181-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, come introdotto dall’articolo 10 della legge 18 agosto 2000, n. 248, recante nuove norme di tutela del diritto d’autore

11 luglio Lombardia: Via libera ai Buoni Scuola

Il Consiglio dei Ministri nel corso della seduta dell’11 luglio 2001 decide “(…) previa informativa del Ministro La Loggia sulla questione dei buoni scuola nella Regione Lombardia, di rinunciare al ricorso a suo tempo presentato avverso la delibera adottata in materia dalla Giunta regionale lombarda il 22 settembre 2000, ravvisando nel ricorso stesso profili di dubbia ammissibilità.”

in Educazione Civica e Società

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

circolare INPS 10 luglio 2001, n. 138
Provvidenze a favore di genitori di disabili gravi

circolare INPS 10 luglio 2001, n. 137
Titolare di pensione ai superstiti in quanto figlio inabile

circolare Lavoro 10 luglio 2001, n. 66
Assunzioni obbligatorie. Indicazioni operative in materia di accertamenti sanitari e di assegno di incollocabilità

Con circolare del Ministero del Lavoro n. 66 del 10 luglio 2001 è stato chiarito – tra l’altro – che i lavoratori disabili assunti senza il ricorso al collocamento obbligatorio possono rientrare nel computo delle quote di riserva. A tal fine – in accordo con il lavoratore disabile – il datore di lavoro può chiedere la visita di accertamento dell’invalidità e qualora a seguito della stessa sia certificata un’invalidità almeno del 60% il lavoratore disabile verrà computato nella quota di riserva.

circolare Tesoro 9 luglio 2001, n. 167
Applicazione dell’art. 8 del CCNL relativo al secondo biennio economico 2000-2001 del personale del Comparto scuola – Regolarizzazione dei pagamenti su partite non elaborate in via automatizzata nella lavorazione del mese di giugno 2001

nota 9 luglio 2001, Prot. 9963
Compilazione diplomi e certificazioni indirizzo di nuovo ordinamento “Giuridico economico aziendale” degli istituti tecnici commerciali

circolare 6 luglio 2001, n. 119
Contrattazione decentrata per le utilizzazioni. Tempi

circolare 6 luglio 2001, n. 118
D.M. n. 103 del 4 giugno 2001 – Graduatorie di circolo e di istituto per le supplenze temporanee del personale docente ed educativo – Istruzioni

circolare 6 luglio 2001, n. 117
Decreto legge n.255 del 3 luglio 2001 sulle operazioni di inizio dell’anno scolastico – Prime istruzioni applicative

nota 6 luglio 2001, Prot.n. 139
Mancata corresponsione arretrati ai Direttori dei servizi generali ed amministrativi

lettera circolare 6 luglio 2001, Prot. n. 98
Ricognizione alunni in situazione di handicap iscritti e frequentanti nelle scuole paritarie

nota 5 luglio 2001, Prot N.46/SEGR
Avvio anno scolastico 2001-2002 – Ritiro provvedimenti

04 luglio 2001 Handicap: obbligo resta a 18 anni

Con la sentenza numero 226 del 4 luglio 2001 la Corte costituzionale conferma, per i disabili in stato di handicap, la regola per la quale la scuola dell’obbligo termina al compimento del 18° anno di età, dichiarando quindi infondati i dubbi di incostituzionalità sollevati dal Tar della Toscana.
Per la Corte “(…) nel periodo successivo a quello durante il quale la frequenza scolastica è obbligatoria – quattordici anni – o nel quale comunque è consentito il completamento della scuola dell’obbligo – anche sino ai diciotto anni – (da individuarsi nell’anno scolastico susseguente a quello in cui avviene il compimento del diciottesimo anno di età), per gli alunni handicappati l’istruzione viene a configurarsi come un diritto, che potrà essere esercitato mediante la frequenza, al di fuori della scuola dell’obbligo, di corsi per adulti finalizzati al conseguimento del diploma.

La sentenza della Corte Costituzionale non è molto persuasiva – afferma l’avvocato Salvatore Camaioni – laddove viene meno al dovere di illustrare compiutamente il contenuto precettivo degli artt. 34 e 38 Cost. a cui dovevano essere ragguagliate le norme ordinarie impugnate di incostituzionalità, secondo un iter logico-giuridico ineludibile.
La Corte invece ha fornito una lettura ragionata delle norme impugnate ripercorrendone le motivazioni politico-legislative ma senza spiegare in che modo queste norme sarebbero conformi al dettato costituzionale (di cui ha omesso di esporre il contenuto). In altre parole, poiché l’art.34 Cost. prescrive che l’istruzione inferiore sia obbligatoria per almeno otto anni senza apparenti limiti di capacità né di età, la Corte Costituzionale avrebbe dovuto chiarire perché il percorso formativo obbligatorio degli handicappati si debba arrestare al compimento del diciottesimo anno di età anche se non è stato completato il periodo minimo di otto anni quando l’art.34 Cost. sembra non porre limiti al riguardo.
Ciò richiedeva, come ho già detto, una compiuta spiegazione dell’art.34 Cost. – compito imprescindibile per la Corte Costituzionale – che non mi è sembrato di cogliere, neppure tra le righe, della sentenza n.226.

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

decreto legge 3 luglio 2001, n. 255 (in GU 4 luglio 2001, n. 153)
Disposizioni urgenti per assicurare l’ordinato avvio dell’anno scolastico 2001/2002

legge 2 luglio 2001, n. 248 (in GU 3 luglio 2001, n. 152)
Conversione in legge del decreto legge 3 maggio 2001, recante disposizioni urgenti in materia pensionistica e di ammortizzatori sociali

decreto MURST 2 luglio 2001
Modalità e contenuti prove di ammissione alle scuole di specializzazione per l’insegnamento secondario

decreto MURST 2 luglio 2001
Modalità e contenuti prove di ammissione corsi universitari programmati a livello nazionale

01 luglio Assegno Nucleo Famigliare

Con circolare del 5 giugno 2001 n. 121 l’INPS ha fornito le tabelle riguardanti i limiti reddituali per il diritto all’ANF per il periodo 1 luglio 2001 – 30 giugno 2002.
Le fasce reddituali sono state rivalutate, così come previsto dall’articolo 2, comma 2 della legge 153/88 in base alla variazione percentuale dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, intervenuta tra il 1999 ed il 2000, variazione che è risultata pari al 2,6%.
Le stesse fasce reddituali sono state inoltre arrotondate alle 1000 lire superiori.
Il reddito di riferimento ai fini del diritto al trattamento è quello relativo al 2000.

03 – 31 luglio Parlamento

Camera
Aula 16, 31 Documento di programmazione economico-finanziaria relativo alla manovra di finanza pubblica per gli anni 2002-2006
Aula 19, 24, 25 DL 255/01 Lavoratori precari della scuolaIl 25 luglio la Camera approva il DL 255/01, Lavoratori precari della scuola, con 268 voti a favore, 219 contrari e 4 astenuti.Il DL 255/01 passa all’esame del Senato.

(19.07.01) LETIZIA MORATTI, Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. Vorrei innanzitutto ringraziare il relatore per l’esposizione puntuale e completa che ha svolto in merito al provvedimento adottato dal Governo. Vorrei ringraziare, inoltre, anche le Commissioni che hanno lavorato affinché il decreto potesse giungere in aula nei tempi dovuti per la conversione in legge.
Essendo stata fatta una esposizione estremamente puntuale, mi limiterò a richiamare i principi e le finalità del decreto. Rispetto ai principi, indubbiamente l’obiettivo che il Governo si è posto è di consentire l’avvio regolare dell’anno scolastico, dopo aver preso atto dei gravi ritardi e inadempimenti che avevano portato ad una situazione di emergenza che si era stratificata negli anni.
Questo era inaccettabile. Abbiamo ritenuto, quindi, di intervenire con urgenza per consentire agli studenti di iniziare l’anno scolastico con i docenti in classe. A questi ritardi, si erano, successivamente, aggiunte le preoccupazioni derivanti dalle sentenze – peraltro esecutive – dei TAR che impedivano la formazione delle graduatorie nel tempo necessario per consentire, ripeto, un puntuale avvio dell’anno scolastico.
Questi sono i principi ai quali s’ispira tutta la nostra azione del Governo: porre al centro dell’azione di Governo, per quanto riguarda la scuola, le famiglie e gli studenti, valorizzando, sicuramente, anche gli insegnanti, pregiudicati loro stessi da una situazione d’incertezza non accettabile.
Le finalità sono ridefinire i criteri delle graduatorie, in modo da completare le nomine, ed affidare le supplenze annuali in tempo per l’inizio del nuovo anno scolastico; per garantire che ciò avvenga abbiamo, pertanto, attribuito ai capi di istituto, dal 1o settembre, per quest’anno, la competenza ad affidare le supplenze annuali. Non vorrei aggiungere altro se non che abbiamo già avviato, di concerto con il ministro del Tesoro, anche le assunzioni per l’anno 2001-2002. Quindi, abbiamo proseguito su questa strada per velocizzare tutti i processi al fine di garantire un servizio sempre migliore e sempre più efficiente alle famiglie.

Aula 18 Interrogazioni a risposta immediata:

GAMBALE. – Al Presidente del Consiglio dei ministri. – Per sapere – premesso che:
il ritiro da parte del Governo del ricorso alla Corte costituzionale contro il provvedimento della regione Lombardia concernente i buoni scuola e l’annunciata istituzione prevista nel Documento di programmazione economico-finanziaria di un’agenzia privata esterna al Ministero della pubblica istruzione che dovrebbe valutare il sistema formativo e l’operato dei docenti, danno la netta sensazione dell’intenzione del Governo di smantellare la scuola pubblica a favore di un sistema privato di istruzione e formazione -:
quali politiche per la scuola pubblica il Governo intenda sostenere.
(3-00104) (17 luglio 2001)

GIUSEPPE GAMBALE. Signor Vicepresidente del Consiglio, i primi atti del vostro Governo hanno destato in noi molte preoccupazioni. Mi riferisco, innanzitutto, al ritiro da parte del Governo del ricorso alla Corte costituzionale contro il provvedimento della regione Lombardia del presidente Formigoni concernente i buoni-scuola. Inoltre il DPEF – il documento di programmazione economico-finanziaria – prevede l’istituzione di una non ben chiara agenzia privata e autonoma – non si capisce rispetto a chi e a cosa – che dovrebbe valutare i risultati della scuola pubblica italiana, nonché l’operato dei docenti. In più, sempre nel DPEF, è confermato il taglio dell’1 per cento di tutti i dipendenti statali: vorremmo sapere se ciò riguarda anche gli insegnanti e la quota di insegnanti prevista per il prossimo anno.

GIANFRANCO FINI, Vicepresidente del Consiglio dei ministri. Anche in questo caso voglio rassicurare l’onorevole interrogante. L’impressione dello smantellamento della scuola pubblica a favore del sistema di istruzione e formazione privata è totalmente priva di fondamento, così come erano del tutto prive di fondamento alcune affermazioni in sede di replica da parte dell’onorevole Russo Spena. Lo ribadisco, perché il sistema che ci siamo dati credo oggettivamente debba essere cambiato. Il question time passerà alla cronaca dei lavori parlamentari come la richiesta al Governo di modificare un rapporto con l’Assemblea (Applausi dei deputati del gruppo di Alleanza nazionale) che credo non serva nemmeno all’opposizione (lo dico avendo fatto per tanti anni il rappresentante dell’opposizione); certo, così com’è concepito, non serve al Governo.
Cercherò, nei limiti del minuto e trentacinque secondi che mi sono rimasti a disposizione, di fornire comunque una indicazione di merito alla domanda.
Il servizio di valutazione, secondo l’intendimento del ministro Moratti, costituisce un supporto per definire in modo autonomo e indipendente gli standard di qualità del sistema scolastico nel suo complesso, nonché i livelli finali di preparazione degli studenti. Ciò al fine di migliorarli e di migliorare costantemente e in modo omogeneo nel paese il servizio volto, in una democrazia essenziale, a garantire alle giovani generazioni un’educazione ed una preparazione all’altezza della tradizione del sistema scolastico italiano.
Per il rispetto dei limiti posti dal question time, voglio comunque ricordare che proprio quest’oggi il ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha riferito, nell’ambito dell’audizione presso la Commissione cultura, scienza e istruzione, in merito alle linee programmatiche che il Governo intende promuovere.

GIUSEPPE GAMBALE. Signor Presidente, signor Vicepresidente del Consiglio, nel minuto e trenta secondi che le era rimasto poteva almeno spiegarci ciò che non ci ha spiegato neanche il ministro Moratti e cioè il motivo per cui avete ritirato il ricorso alla Corte costituzionale. Mi auguro che nella replica alla prossima interrogazione potrà approfondire tale aspetto, perché per noi si tratta di un punto politico importante e determinante. Il ritiro del ricorso che il Governo Amato aveva presentato alla Corte costituzionale contro un provvedimento che riteniamo molto grave a Costituzione vigente è un atto politico molto forte e molto serio che indica la direzione verso la quale volete andare.
Inoltre, signor Vicepresidente del Consiglio, volevo ricordarle, comunque, che il ministro Moratti oggi ha parlato in Commissione – ed io ero presente – e che, però, i vari ministri del suo Governo – il ministro Buttiglione si è esercitato più di tutti – hanno espresso in tema di scuola alcune esternazioni: si è parlato di cancellare la riforma dei cicli (che, come adesso abbiamo appreso, è stata appena sospesa) ed il ministro Bossi ha previsto di istituire la maturità regionale.
Voglio anche ricordarle, a proposito di istituti di valutazione, che ne esiste già uno chiamato CEDE, che abbiamo da poco riformato. Penso che sia necessario che il Governo nel suo complesso faccia chiarezza in merito a quale politica scolastica vuole portare avanti, al di là della propaganda. La campagna elettorale è finita, siete al Governo, come è giusto, perché avete vinto le elezioni; tuttavia, l’anno scolastico è alle porte e i docenti, gli studenti e le famiglie vogliono certezze e sicurezze. Se la riforma che abbiamo portato avanti nel nostro paese in questi anni non vi convince, avete questa volta il dovere di esprimere una posizione ed una proposta chiare che finora, al di là delle varie esternazioni, non sono state ancora espresse.
Noi saremo qui a vigilare nell’interesse della scuola pubblica e del sistema pubblico integrato che abbiamo voluto creare nel nostro paese. In tale sistema allo Stato è attribuito un compito importante, che la Costituzione gli assegna, e a tutti quei privati, cattolici o laici, che vogliono partecipare è consentito di farlo a pieno titolo.

Aula 12 Informativa urgente del ministro dell’economia e delle finanze sulle dichiarazioni rese alla Tg1 in ordine alla situazione dei conti pubblici in Italia
Aula 11 Interrogazioni a risposta immediata:

RANIELI, DORINA BIANCHI, VOLONTÈ e LUIGI D’AGRÒ. – Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. – Per sapere – premesso che:
con le sentenze dei TAR di Lazio e Campania è stata annullata la divisione in fasce delle graduatorie permanenti del personale precario della scuola, in quanto penalizzava i docenti degli istituti privati, ai quali veniva riconosciuto un punteggio dimezzato rispetto ai loro colleghi delle scuole statali;
il nuovo decreto-legge sul personale della scuola riconosce la parità di punteggio tra gli insegnanti precari della scuola statale e della scuola parificata a partire dal 2002 e per il servizio maturato dall’anno 2000 in poi -:
se non ritenga opportuno ricondurre le graduatorie a due sole fasce (un’unica fascia formata dalle graduatorie dei concorsi per soli titoli ed un’altra formata da tutti gli altri docenti secondo un criterio di valutazione paritario tra servizio prestato negli istituti pubblici e privati) e riconoscere il servizio maturato dai docenti negli istituti non statali, anche negli anni precedenti il 2000, contrariamente a quanto previsto dal decreto-legge. (3-00074) (10 luglio 2001)

LETIZIA MORATTI, Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. Signor Presidente, onorevoli, il decreto-legge emanato dal Governo il 3 luglio è finalizzato ad assicurare l’ordinato avvio dell’anno scolastico. Le disposizioni interpretative contenute nel decreto sono quindi intese a dare esecuzione alle sentenze esecutive del TAR, ad effettuare, a salvaguardare le nomine già effettuate per l’anno scolastico 2000-2001, a completare quelle già autorizzate per lo stesso anno scolastico e a dare la possibilità di conferire le supplenze annuali sempre per l’anno scolastico 2001-2002.
Sono state individuate alcune soluzioni finalizzate a superare l’emergenza attuale e sono state anche previste soluzioni a regime. La conservazione delle prime due fasce delle graduatorie permanenti e l’integrazione della terza e della quarta, danno, in via transitoria, una precedenza a coloro che avevano i requisiti previsti dalla normativa previgente all’entrata in vigore della legge n. 124.
A esaurimento delle prime due fasce, la graduatoria sarà unica, così come richiesto dall’interpellante, in quanto gli aggiornamenti saranno annuali e quindi si inseriranno via via coloro che avranno maturato i requisiti richiesti.
Per quanto concerne il criterio relativo al punteggio è stato mantenuto quello del punteggio dimezzato per l’anno scolastico 2000-2001, mentre verrà valutato il punteggio, in pari grado, dall’anno 20002 -2003. In questo modo, il decreto-legge ha adottato una soluzione che tiene conto delle sentenze sia del TAR Lazio sia del TAR Campania. Le soluzioni adottate per la fase transitoria rispondono quindi a due esigenze: da un lato, esse consentono l’integrazione della III e della IV fascia sulla base del punteggio attribuito. Questa è un’operazione totalmente automatica e che può essere effettuata rapidamente. In realtà, l’operazione di integrazione delle graduatorie è già stata completata. Ciò ci consentirà di effettuare le nomine previsto entro il 31 agosto 2001 e di conferire le supplenze annuali previste entro l’avvio dell’anno scolastico. Cosa assolutamente impossibile se noi avessimo dovuto ricalcolare i punteggi di tutti coloro che erano inseriti nelle graduatorie. Dall’altro lato, alle norme sulla parità scolastica che sono state adottate e che sono dettate dalla legge del 10 marzo 2000 è stata data applicazione a decorrere dal primo settembre 2000; pertanto, si è ritenuto di riconoscere il servizio prestato presso le scuole pareggiate dopo tale data, ovvero dopo il formale riconoscimento della parità che avviene a seguito di una accurata verifica.

MICHELE RANIELI. Signor Presidente, mi dichiaro parzialmente soddisfatto. Tuttavia, tengo ad evidenziare che, in sostanza, seppure il decreto ad oggi consenta di superare una fase di crisi, lascia aperta una possibilità di ulteriore contenzioso, dal momento che alcuni punti del decreto legge potrebbero essere meglio definiti in sede di conversione. In particolare, mi riferisco alla possibilità di riconoscere la cosiddetta vera parità in termini di punteggio per insegnanti degli istituti non statali, negli anni precedenti non soltanto al 2000, bensì fino al 1996. Infatti, dal 1996 al 2000 ci troviamo dinanzi ad un certo vuoto normativo, per cui non comprendo le ragioni per le quali dovremmo fermarci all’anno 2000 e non anche valutare la possibilità di tornare all’anno 1996.
La seconda considerazione concerne il fatto che anche con tre fasce si viola, a mio avviso, la legge n. 124 dal momento che quest’ultima parla di due fasce: prima eravamo a quattro, adesso torniamo a tre. Questa è la ragione per la quale mi affido alla sensibilità del ministro e del Governo, ritenendo che tale decreto legge possa in sede di conversione essere ulteriormente perfettibile, al fine di evitare contenziosi futuri.

Aula 10 Interrogazioni a risposta immediata:

DELMASTRO DELLE VEDOVE. – Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. – Per sapere – premesso che:
il vero e proprio esercito di insegnanti «precari» attende da epoca ormai immemorabile una soluzione giuridicamente seria e definitiva dei problemi gravissimi che affliggono la categoria;
pare superfluo sottolineare le problematiche che non consentono agli insegnanti «precari» la programmazione della loro vita e dei loro impegni;
ogni governo succedutosi nel tempo ha promesso di affrontare e risolvere quello che pare essere forse il più serio ed il più «endemico» fra i problemi della classe docente;
il nuovo esecutivo non può certamente sottrarsi al dovere di indicare le linee di intervento per portare a soluzione il problema degli insegnanti «precari» -:
quali strutturali ed organiche iniziative intenda assumere per rinvenire una doverosa, equa e dignitosa soluzione alla triste condizione lavorativa degli insegnanti «precari».(3-00018) (20 giugno 2001)

VALENTINA APREA, Sottosegretario di Stato per l’istruzione, l’università e la ricerca. Signor Presidente, all’onorevole interrogante vorrei preliminarmente far osservare che il precariato nel sistema scolastico è un fenomeno connesso alle peculiari caratteristiche funzionali della scuola e quindi avrebbe dovuto essere fisiologica esigenza finalizzata all’ordinato svolgimento dell’attività didattica. Tuttavia, concordo pienamente con le sue valutazioni quando invece sottolinea che è diventato sintomo di disfunzioni gestionali fino a condizionare lo svolgimento dell’attività didattica, anziché essere garanzia di un suo ordinato funzionamento.
Già in passato, tuttavia, le esperienze maturate dal personale supplente sono state oggetto di particolare considerazione al fine di favorire la stabilizzazione del rapporto il lavoro di suddetto personale. Da ultimo, la legge n. 124 del 1999, che reca disposizioni urgenti in materia di personale scolastico, nell’apportare modifiche alle modalità di reclutamento del personale della scuola, ha previsto meccanismi che consentono di stabilizzare nel tempo una quota rilevante di personale docente precario. In particolare, detta legge dispone che l’accesso ai ruoli del personale docente ha luogo, per il 50 per cento dei posti, a tal fine assegnabili annualmente mediante concorsi per titoli ed esami, da indire con scansioni triennali, e per il restante 50 per cento attingendo da graduatorie permanenti da utilizzare anche per i contratti a tempo determinato. Le graduatorie in parola, derivate dalla trasformazione delle graduatorie per concorsi per soli titoli, sono sostanzialmente finalizzate alla stabilizzazione del rapporto di lavoro dei docenti precari, attraverso una procedura che permette la valutazione di titoli culturali posseduti dagli aspiranti, ma anche e soprattutto dei servizi di insegnamento maturati nel tempo. Inoltre, la stessa legge ha previsto sessioni riservate per i docenti precari, privi del prescritto titolo di abilitazione o di idoneità, ai fini della loro inclusione nella prima integrazione delle graduatorie medesime.
L’amministrazione si è subito attivata con il massimo impegno per dare immediata applicazione alla legge, indicendo, con ordinanza n. 153 del 1999, le sessioni riservate ad esami, emanando il previsto regolamento (con decreto 27 marzo 2000), recante norme sulle modalità di integrazione e ed aggiornamento delle graduatorie permanenti, e dettando indicazioni operative per la prima integrazione di dette graduatorie. Indubbiamente non sono mancate difficoltà derivate dalle procedure complesse e per la loro natura e per la grandissima quantità delle situazioni da gestire (tant’è vero che nello scorso anno scolastico il Governo precedente ha dovuto ricorrere a ben due decreti-legge per favorire il regolare funzionamento delle lezioni).
Ulteriori difficoltà sono insorte recentemente a seguito delle pronunce adottate in sede giurisdizionale le quali hanno messo in discussione i contenuti degli atti regolamentari della legge n. 129 del 1999, in particolare per quanto riguarda la previsione delle fasce all’interno delle graduatorie; un sistema di collocazione di questi insegnanti effettivamente dubbio. Il Governo appena insediato ha posto la massima attenzione per risolvere tutti i problemi insorti, ed ha ritenuto che la situazione richiedesse un provvedimento urgente di interpretazione della legge n. 124 del 1999 in linea con l’orientamento assunto in sede giurisdizionale, al fine di salvaguardare le nomine già effettuate e per effettuare le ulteriori nomine; comunque coprire sin dall’inizio dell’anno scolastico i circa ottantamila posti ancora vacanti nelle scuole italiane.
Le organizzazioni sindacali, che sono state preventivamente interpellate per un’informativa, hanno convenuto sulla soluzione del decreto-legge condividendone il contenuto. Il provvedimento in parola emanato in data 28 giugno 2001 assolve, dunque, alla finalità di salvaguardare il meccanismo degli scaglioni, confermando la prima e la seconda fascia ed accorpando la terza e la quarta in unica fascia, naturalmente fatte salve le posizioni di coloro che sono stati già assunti con contratti a tempo indeterminato. Lo stesso provvedimento prevede che a decorrere dall’anno scolastico 2002-2003 le integrazioni delle graduatorie successive alla prima siano effettuate con cadenza annuale ed avvengano a pettine, inserendo coloro che maturano i requisiti nelle graduatorie permanenti. In base a queste graduatorie vengono effettuate le immissioni in ruolo e l’assegnazione delle supplenze. Il provvedimento prevede che, a decorrere dal medesimo anno scolastico 2002-2003, il servizio prestato dal primo settembre del 2000 nelle scuole non statali paritarie è valutato nella stessa misura prevista per il servizio prestato nelle scuole statali, in ottemperanza ai principi introdotti dalla legge sulla parità. Si prevede inoltre che, tutte le operazioni di gestione del personale di ruolo siano completate entro il 31 luglio di ciascun anno e, limitatamente all’anno scolastico 2001-2002, al 31 agosto. Entro la medesima data i dirigenti territorialmente competenti procederanno anche alle nomine dei supplenti annuali fino al termine delle attività didattiche. Decorso il termine del 31 luglio di ciascun anno e del 31 agosto per questo anno scolastico 2001-2002, saranno i dirigenti scolastici a provvedere a dette nomine attingendo prioritariamente alle graduatorie permanenti ed in subordine alle graduatorie di istituto.
Si ritiene che le sopra richiamate disposizioni consentano di normalizzare le operazioni di inizio anno scolastico, non soltanto per il prossimo anno, ma anche per il futuro e nel contempo salvaguardino i diritti del personale che aspira all’assunzione in ruolo ed alle supplenze.

SANDRO DELMASTRO DELLE VEDOVE. Onorevole sottosegretario, la ringrazio non solo e non tanto per la tempestività della risposta rispetto alla data di presentazione dell’interrogazione, ma soprattutto per l’inattesa tempestività della soluzione data dal Governo al problema.
Il nutrito esercito degli insegnanti precari attendeva – da una parte con rabbia sacrosanta e dall’altra con rassegnazione comprensibile – che qualcuno finalmente si assumesse la responsabilità di trovare una soluzione seria e definitiva al futuro di migliaia di persone che vivono, non solo una condizione lavorativa, ma anche un’esistenza precaria.
Onorevole sottosegretario, negli ultimi anni ci hanno stordito con le grandi riforme della scuola che, non solo grandi non erano, ma non erano da considerarsi neppure riforme. Non a caso provvederemo, anzi provvederete – spero – a «rottamarle» definitivamente prima che producano danni epocali.
In questi anni i grandi riformatori che quotidianamente facevano i gargarismi con i concetti di socialità e di solidarietà non si sono preoccupati, se non in maniera confusa ed insoddisfacente, di porre fine allo scandalo del precariato nella scuola.
Nessuna azienda privata si sognerebbe mai di gestire il personale in questo modo e se qualche padrone dissennato si sognasse di sfruttare i dipendenti con il metodo ignobile usato nei confronti dei precari, il giudice del lavoro farebbe immediata e sommaria giustizia. Lo Stato, che ha dimostrato, soprattutto durante il periodo di gestione del Governo di centrosinistra, di essere il peggior datore di lavoro da lustri, ritiene di poter impunemente sfruttare con protervia i precari che, come i carabinieri, sono «usi obbedir tacendo e tacendo morir». Dopo cinque anni di Governo di sinistra, conservatore e reazionario, è giusto che il centrodestra restituisca dignità e giustizia ad una categoria avvilita e bistrattata ma proprio per questo meritevole. Grazie dunque, onorevole sottosegretario, grazie al ministro dell’istruzione; da parte di Alleanza nazionale vi è però l’invito ad aprire porte e finestre del mondo della scuola ed a sollecitare il ministro dell’istruzione a fare pulizie di estate, eliminando definitivamente l’immondizia lasciata dalla gestione Berlinguer e De Mauro.

Aula 4 Interrogazioni a risposta immediata:

CAPITELLI, GRIGNAFFINI, MONTECCHI e SASSO. – Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. – Per sapere – premesso che: il Governo, con il decreto-legge che reca disposizioni urgenti per assicurare l’ordinato avvio dell’anno scolastico 2001-2002, ha modificato i criteri per la compilazione delle graduatorie permanenti da cui dovranno essere selezionate sia il 50 per cento delle nomine dei docenti a tempo indeterminato, sia tutte le nomine annuali:
– se non ritenga che questa nuova disciplina introduca pesanti discriminazioni a danno di chi ha prestato servizio nelle scuole pubbliche. (3-00058) (3 luglio 2001)

PIERA CAPITELLI. Signor Presidente, signor ministro e sottosegretari, onorevoli colleghi, il Consiglio dei ministri del 28 luglio ha varato un decreto-legge che avrà conseguenze importanti sia sull’inizio di questo anno scolastico sia su quelli che verranno.
C’è una parte del decreto – quello che affida le nomine dei supplenti annuali a decorrere dal primo settembre 2001 ai dirigenti scolastici – sulla quale si possono esprimere più che contrarietà, molti dubbi sulla reale fattibilità, sulla tenuta organizzativa delle scuole, sulla reale possibilità di rispettare i diritti degli aspiranti supplenti: tuttavia, non si può esprimere totale dissenso.
Non si può non manifestare, invece, aperto disaccordo su quella parte del decreto che concerne la modifica del regolamento applicativo della legge n. 124 che, stravolgendo il sistema di graduatoria del personale precario, tende a favorire le nomine di quanti hanno prestato servizio nelle scuole private.
La disposizione del decreto che equipara il punteggio per il servizio prestato nelle scuole non statali – con nomina da regolare graduatoria concorsuale – a quello prestato nelle scuole private – con chiamata diretta -, solleva dubbi di incostituzionalità.

LETIZIA MORATTI, Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. Signor Presidente, onorevoli deputati, la situazione della scuola che questo Governo ha ereditato è di vera e propria emergenza, per effetto dei forti ritardi che si sono accumulati in questi anni in tutte le operazioni di gestione del personale.
Per questa ragione all’inizio dell’anno scolastico molti insegnamenti rimangono vacanti e rimangono non sostituiti supplenti per parecchi mesi. Senza questo decreto-legge nessun aspirante – inserito nelle graduatorie annullate dal TAR, con sentenze esecutive dal 14 marzo – avrebbe potuto essere nominato, né in ruolo né con incarico di supplenza: sarebbero stati 80 mila posti vacanti, il che significa un milione di studenti senza insegnanti. Peraltro, sulla soluzione del decreto le organizzazioni sindacali che sono state preventivamente interpellate per una informativa hanno convenuto, condividendone il contenuto.
Il decreto-legge approvato dal Governo contiene delle disposizioni interpretative finalizzate a dare esecuzione a tutte le sentenze del TAR in termini da salvaguardare le nomine già effettuate e da consentire le nomine ulteriori e le supplenze annuali, conservando una priorità, a parità di punteggio, per tutti coloro che erano collocati nella terza fascia.
Per quanto riguarda in particolare il problema del punteggio, che determina la posizione nelle graduatorie, il TAR Campania ha affermato che il servizio prestato presso le scuole paritarie deve essere valutato come servizio prestato nelle scuole statali.
Il criterio fissato dal decreto ministeriale del precedente Governo prevedeva, invece, un punteggio dimezzato per il servizio prestato presso le scuole non statali. Il criterio del punteggio dimezzato è stato, peraltro, mantenuto nel decreto-legge per l’anno scolastico 2001-2002; in questo modo, non si è reso necessario ridefinire le posizioni in graduatoria che sono, quindi, utilizzabili da subito per le nomine e per le supplenze per l’anno scolastico 2001-2002.
A partire dall’anno scolastico 2002-2003, il decreto prevede che il servizio prestato nelle scuole paritarie venga valutato con uguale punteggio rispetto al servizio prestato nelle scuole statali, in ottemperanza ai principi introdotti dalla legge sulla parità.
Siamo consapevoli delle aspettative di coloro che, da tempo, prestano servizio precario nelle scuole statali anche se riteniamo che aver creato aspettative in un numero troppo elevato di soggetti rispetto alle reali possibilità di assorbimento del sistema sia indice di una inadeguata disciplina del reclutamento che danneggia gli insegnanti stessi, le famiglie e gli studenti.

GIOVANNA GRIGNAFFINI. Grazie signor Presidente, do atto al ministro – e questa, d’altra parte, è già stata la nostra posizione – che questo è un decreto importante di cui condividiamo lo spirito e anche alcune parti propositive, soprattutto laddove si cerca di risolvere l’annoso problema della continuità didattica, dell’avvio dell’anno scolastico, delle forme di reclutamento di personale a tempo indeterminato, andando anche verso un rilievo fatto dalla Corte dei conti, la quale sollecita ad utilizzare questa forma di reclutamento rispetto a quella a tempo, diciamo così, temporaneo. Non vi è, quindi, pregiudiziale dal punto di vista dello spirito e della necessità e urgenza di questo decreto.
Vi sono, però, due punti qualificanti su cui, invece, il dissenso è radicale. Il primo riguarda il fatto che l’individuazione di una linea spinta di autonomia, attraverso l’attribuzione ai presidi della possibilità di nomina del personale docente, da una parte è positiva, ma dall’altra può dar luogo, per il fatto che diventano definitive le graduatorie di istituto, a un grande caos nelle forme di assunzione. Quindi, il primo punto che noi poniamo al Governo – e lo porremo anche attraverso la presentazione di emendamenti – è quello di definire quali devono essere le regole attraverso le quali si ottempera al potere di discrezionalità dei presidi. È un aspetto che, a nostro avviso, il decreto non chiarisce, avremo modo di definirlo meglio. Il secondo punto, di merito, che è quello che costituisce l’oggetto della nostra interrogazione, ha a che vedere con il fatto che, ferme restando le sentenze dei TAR, ferma restando la questione dei principi istituiti dalla legge di parità (che, ricordiamocelo, nello spirito aveva quello di rendere pubbliche, vale a dire trasparenti, certe e condivise, le regole di reclutamento) con l’anticipazione di questa norma ci troviamo nel caso esattamente contrario; si finiscono, cioè, per privatizzare (vale a dire, per rendere allo stesso titolo di quelle private) le regole di reclutamento nella scuola pubblica. Questo è un punto di principio, questo è un punto sul quale, a livello emendativo, quando il decreto arriverà all’esame della Commissione, come gruppo ci impegneremo

Interpellanze urgenti:

I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, per sapere – premesso che:
i lavoratori socialmente utili (Lsu) Ata, dopo aver supplito di fatto per sei anni alle carenze di organico degli istituti svolgendo mansioni di collaboratore scolastico e di addetto di segreteria e laboratorio, oggi sono colpiti dal processo di terziarizzazione delle funzioni Ata, avviato nella precedente legislatura;
entro il 1o luglio 2001, in virtù di una convenzione che il ministero dell’istruzione, università e ricerca ha stipulato con quattro consorzi d’impresa che raccolgono cooperative di pulizie, saranno costretti a firmare contratti di lavoro con cooperative che svolgono esclusive mansioni di pulizie e di collaborazione coordinata e continuativa, con forme di mobilità selvaggia;
questa soluzione costringerebbe i lavoratori in una condizione di estrema precarietà e senza alcuna garanzia per il futuro dato che la copertura finanziaria della convenzione è prevista solo fino al 2002;
l’ex Ministro De Mauro aveva deciso, in seguito alle proteste dei sindacati, di non firmare il provvedimento con il quale si stralciavano definitivamente dall’organico di diritto (260 mila posti) la posizione dei circa 18 mila dipendenti precari;
da notizie stampa (Italia Oggi del 26 giugno 2001) si apprende che il nuovo Ministro sembrerebbe intenzionato a riprendere in mano il provvedimento (l’organico di diritto è fissato, solitamente, a giugno), rinviando la verifica dei 18 mila posti in bilico all’organico di fatto -:
quali misure intenda porre in essere al fine di attivare le procedure che consentano, dal 1o luglio prossimo, una proroga della convenzione e per approvare un piano di assunzioni negli organici scolastici per i lavoratori Lsu Ata.
(2-00014) «Giordano, Titti De Simone, Alfonso Gianni». (3 luglio 2001)

TITTI DE SIMONE. Signor Presidente, signora sottosegretario, abbiamo presentato questa interpellanza a causa di una situazione che vogliamo porre alla sua attenzione. A partire dal 1 luglio 2001, in virtù di una convenzione che il ministero dell’istruzione, università e ricerca ha stipulato con quattro consorzi di impresa che raccolgono cooperative di pulizia, oltre 17 mila lavoratori socialmente utili del comparto Ata, dopo aver supplito di fatto per sei anni alle carenze di organico degli istituti scolastici pubblici, svolgendo mansioni di collaboratore scolastico ed addetto di segreteria e laboratorio, in queste ore sono costretti a firmare contratti di lavoro con cooperative che svolgono esclusivamente mansioni di pulizia e di collaborazione coordinata e continuativa, con forme che noi riteniamo essere di mobilità selvaggia.
Questa situazione è piuttosto preoccupante poiché costringe questi lavoratori, che per anni hanno supplito ai vuoti di organico delle scuole pubbliche, ad una condizione di estrema precarietà e senza alcuna garanzia per il loro futuro lavorativo, dato che la copertura finanziaria di questa convenzione è prevista solo fino al 2002.
Tra l’altro vogliamo sottolineare che questa situazione comporta per i direttori degli istituti la necessità di assumere altro personale che dovrà andare a sostituire i posti precedentemente ricoperti dai lavoratori socialmente utili, in particolare per quanto riguarda i ruoli di assistenza svolti nelle scuole elementari e materne. Non capiamo quale sia il senso di questa soluzione, anche perché dai dati e dai conti che abbiamo fatto ci sembra che sostanzialmente questa operazione comporti per lo Stato un doppio costo che comprende anche la gestione dei ruoli di assistenza e di segreteria delle scuole pubbliche.
Per queste ragioni chiediamo quali misure il Governo intenda attivare per quella che noi riteniamo essere una necessaria proroga di questa convenzione, al fine di approvare un piano di assunzione negli organici scolastici dei lavoratori (Lsu) Ata, anche a fronte del fatto che nei mesi passati, prima delle elezioni, numerosi esponenti di questo Governo – in particolare vorrei citare l’onorevole Fini, oggi vice premier – hanno preso degli impegni ufficiali nei confronti di questi lavoratori, ai quali sono state inviate prima delle elezioni delle lettere a domicilio, permettendo loro l’assunzione negli organici scolastici.

VALENTINA APREA, Sottosegretario di Stato per l’istruzione, l’università e la ricerca. Signor Presidente, l’onorevole De Simone dovrebbe sapere che questa storia non è una storia limpida nel senso che si è arrivati ai contratti continuativi e determinanti – che poi richiamano in tutto e per tutto i contratti pubblici – attraverso una strada molto contorta che risale all’articolo 8 della legge n. 124 del 1999 la quale ha previsto il trasferimento nei ruoli statali del personale amministrativo tecnico ed ausiliario dipendente dagli enti locali in servizio nelle scuole statali.
In realtà, non tutti i comuni disponevano di personale dipendente ma utilizzavano, per svolgere le funzioni del personale ausiliario nelle scuole, anche cooperative, imprese e quindi servizi appaltati. Per non lasciare privi di lavoro questi soggetti, che non erano stati mai dipendenti degli enti locali, quasi con una forzatura, presente già allora, il decreto ministeriale n. 184 del 23 luglio del 1999 ha disposto che l’amministrazione subentrava agli enti locali anche nelle convenzioni relative all’utilizzazione dei lavoratori impegnati nei progetti socialmente utili in atto in alcune istituzioni scolastiche per lo svolgimento di funzioni Ata, demandate per legge all’ente locale stesso, con effetto dal primo maggio 2000.
Il decreto legislativo n. 81 del 28 febbraio 2000, nel dettare nuove disposizioni per la disciplina dei lavori socialmente utili, ha tra l’altro stabilito che con appositi decreti interministeriali vengano individuate misure finalizzate alla stabilizzazione occupazionale esterna dei lavoratori impegnati in progetti di lavori socialmente utili. Vi è comunque un impegno di stabilizzare questo tipo di contratto di lavoro. Pertanto, in applicazione del decreto legislativo n. 81 del 2000, l’amministrazione medesima è stata ritenuta ente utilizzatore di circa 18 mila lavoratori socialmente utili utilizzati in alcune istituzioni scolastiche. Per tali soggetti, in applicazione delle vigenti normative, sono stati adottati dai competenti dirigenti scolastici provinciali provvedimenti di proroga nell’utilizzo fino al 30 giugno 2001.
Infine, la legge n. 388 del 2000, praticamente la legge finanziaria del 2001, all’articolo 78, comma 31, ha previsto l’emanazione di un decreto interministeriale da parte del ministro della pubblica istruzione, di concerto con il ministro del lavoro e della previdenza sociale, il ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica per la definizione di procedure di terziarizzazione, sempre ai fini della stabilizzazione dei lavoratori impegnati in progetti socialmente utili presso gli istituti statali. Con il termine di terziarizzazione si intende l’adozione di provvedimenti intesi a stabilizzare comunque il rapporto di lavoro dei soggetti utilizzati nei progetti di lavoro socialmente utili, attraverso convenzioni con enti esterni alla pubblica amministrazione che si impegnano ad assumere stabilmente lavoratori e a corrispondere le relative retribuzioni che corrispondono, in tutto e per tutto, a quelle dei dipendenti statali. Quindi, con contratto pubblico all’interno di questi enti che sono terzi rispetto all’amministrazione.
Come risulta dal tenore delle disposizioni citate, la terziarizzazione assolve la finalità di stabilizzare l’occupazione dei soggetti impegnati in progetti di lavori socialmente utili le cui prospettive occupazionali erano in precedenza limitate temporalmente alla conclusione del progetto. A tal fine, l’articolo 78, al comma 31 citato, ha previsto lo stanziamento di apposite risorse determinate in lire 287 miliardi per il 2001, e di lire 575 miliardi per il 2002. Pertanto, l’amministrazione, sulla base delle disposizioni sopra indicate delle disposizioni applicative introdotte dai decreti ministeriali nn. 65 e 66 del 20 aprile 2001, è tenuta a procedere alla terziarizzazione, in primo luogo nell’interesse dei lavoratori socialmente utili che, proprio per questo, sono individuati dai decreti predetti quali beneficiari delle norme in questione.
In particolare, in esecuzione del decreto ministeriale n.65, l’amministrazione ha sottoscritto nei primi giorni del mese di giugno la convenzione quadro con quattro consorzi di imprese incaricate di svolgere l’attività di pulizia, con l’assorbimento a tempo indeterminato, a decorrere dal primo luglio, di tutti i 17 mila lavoratori socialmente utili in servizio, in qualità di personale ATA come collaboratore scolastico in alcune istituzioni scolastiche.
In esecuzione del decreto ministeriale n. 66, l’amministrazione ha invitato i dirigenti delle istituzioni scolastiche presso cui erano addetti i lavoratori socialmente utili, in qualità di personale ATA per servizi assimilabili in parte a quelli dell’assistente amministrativo tecnico, a stipulare contratti di collaborazione coordinata e continuativa, per soggetti definiti, con i circa i mille interessati. Le procedure previste dai decreti ministeriali n. 65 e n. 66 nonché dalla convenzione quadro sono tuttora in corso con la stipula dei contratti fra le imprese e i dirigenti scolastici interessati e tra le imprese e i lavoratori socialmente utili in possesso dei requisiti, con l’applicazione nella sede di servizio occupata al 30 giugno 2001. Solo in tempi successivi e prima dell’inizio dell’anno scolastico 2001-2002 si procederà con il coordinamento dei direttori generali regionali all’ottimizzazione del servizio per l’utilizzo più efficace dei soggetti addetti alle pulizie.
Per quanto riguarda la lamentata insufficienza di risorse disponibili si fa presente che l’amministrazione ha utilizzato le risorse previste dalla legge finanziaria n.388 del 2000, fino al 12 dicembre 2002, mentre i consorzi di impresa si sono obbligati, con la sottoscrizione della convenzione quadro, ad assorbire i lavoratori interessati a tempo indeterminato, a decorrere dal primo luglio 2001 e a corrispondere le retribuzioni, secondo il contratto collettivo di categoria ed infine a far svolgere l’attività per almeno 30 ore settimanali.
Conclusivamente è da precisare che le procedure attivate e le soluzioni adottate costituiscono il puntuale adempimento di disposizioni legislative, che non hanno previsto l’immissione in posti di organico di ruolo statale del personale oggetto dell’interpellanza, bensì, si tratta di una condizione analoga, la stabilizzazione del rapporto tramite la procedura di terziarizzazione.
Vorrei, infine, far notare agli onorevoli interroganti che lo sforzo per lo Stato è stato straordinario e che non ha precedente, non solo in Italia, ma in tutti i paesi del mondo intero. Neanche, se mi consente, in Unione sovietica si è mai pensato di realizzare un’operazione di questo genere. Nonostante l’articolo 31, l.e), del decreto legislativo n. 29 stabilisse una diversa distribuzione del personale ATA senza nessun onere per lo Stato. Abbiamo infatti già un esubero di personale ATA, come è noto, nel nostro paese – anche questo è un altro primato che nessun altro paese al mondo detiene: tanto personale ausiliario nelle scuole, pari quasi al numero degli insegnanti! -; nonostante la legge finanziaria del 1998 – mi piace ricordarlo, del 1998, quindi con un Governo di centrosinistra – stabilisse che le scuole possono liberamente sostituire il servizio di pulizia con convenzioni.
La legge di allora diceva che le scuole, anche consorziate tra loro, possono deliberare l’affidamento in appalto dei servizi di pulizia dei locali scolastici e delle loro pertinenze, previa riduzione della dotazione organica di istituto. Si tratta della legge finanziaria del 1998, mai applicata, e, in compenso, adesso l’amministrazione centrale e periferica fa convenzioni – addirittura abbiamo sentito – per decine di migliaia di lavoratori socialmente utili.
Dunque, da quella che poteva essere una privatizzazione prevista nella legge finanziaria del 1998, si è passati alla statalizzazione delle ditte che erano state utilizzate temporalmente dagli enti locali, per non parlare poi della penalizzazione che si è avuta: spiace infatti che una forza politica come la vostra non abbia considerato adeguatamente che insistere per l’immissione in ruolo negli organici dello Stato di questi lavoratori vada a penalizzare fortemente altri lavoratori che sono utilmente nelle graduatorie nello Stato.
Parlo del personale Ata utilmente collocato nelle graduatorie provinciali, circa seicentomila lavoratori che sono stati praticamente abbandonati al loro destino perché questa convenzione, di fatto, li esclude dalla possibilità di lavorare nelle istituzioni scolastiche. Quindi, come sempre, esiste il rovescio della medaglia e dispiace che una forza politica così attenta all’equità sociale non abbia considerato che ciò che questi lavoratori hanno ottenuto va già ben oltre quello che lo Stato avrebbe dovuto riconoscere e che, probabilmente ora questo si farà, ma è una condizione estremamente vantaggiosa per questo tipo di lavoratori. Credo che non abbiano nulla da temere perché hanno un contratto pubblico a tempo indeterminato, sia pure in modo indiretto. Non credo, quindi, che sussistano le ragioni dell’interrogante.

TITTI DE SIMONE. Mi ritengo parzialmente soddisfatta per questa risposta. Naturalmente conosciamo bene l’iter che è stato seguito nel corso di questi anni rispetto alla situazione degli Lsu, in particolare per quanto riguarda gli Lsu Ata, e non possiamo che ribadire la nostra contrarietà, il nostro dissenso rispetto ai processi di terziarizzazione delle funzioni di questo personale, per motivi che abbiamo ribadito molte volte anche in questa sede istituzionale, anche durante la discussione della legge finanziaria. Riteniamo infatti che sussistano, attraverso questi meccanismi di terziarizzazione, processi di flessibilità, per quanto riguarda l’esistenza dei contratti di lavoro di questo personale. Al contrario, per quanto riguarda le aziende – in questo caso i consorzi – riteniamo che non si possa parlare di statalizzazione vera e propria quanto di trasferimento di soldi dello Stato ad imprese che, sostanzialmente, dovrebbero svolgere queste funzioni. È dunque un concetto un po’ diverso.
Ci chiediamo chi alla fine ci guadagnerà davvero in questa operazione. Se saranno questi lavoratori o se saranno, in realtà, come spesso succede, le imprese che si troveranno a gestire sostanzialmente questi consorzi. Per questo motivo riteniamo che sia opportuno avviare delle operazioni di verifica rispetto alle imprese che aderiscono e rientrano in questi consorzi perché possano in qualche modo essere chiari gli elementi di rispetto dei criteri della convenzione ministeriale ed anche i ruoli per cui questi 17 mila lavoratori sono stati assunti da queste imprese. Ci riserviamo naturalmente di presentare i nostri emendamenti durante l’esame della legge finanziaria, per quanto riguarda in particolare i rapporti con questi consorzi, anche perché ci risulta al momento – e non mi pare che la risposta del sottosegretario su questo sia stata di chiarimento – che comunque, ad oggi, la copertura finanziaria di questa operazione in ogni caso sia prevista soltanto fino al 2002.

7a Com. 26 Interrogazioni a risposta immediata
7a Com. 25, 31 in sede referente, DdL 1184 AC, Disciplina attività musicali
7a Com. 31 atti del governo, Schema di regolamento di semplificazione del procedimento per la concessione di agevolazioni a favore di imprese editrici, agenzie di stampa e imprese di radiodiffusione
7a Com. 18, 19 Audizione del Ministro dell’istruzione, università e ricerca scientifica, Letizia Moratti, sulle linee programmatiche del suo dicastero
7a Com. 19, 24 in sede consultiva, Documento di programmazione economico-finanziaria relativo alla manovra di finanza pubblica per gli anni 2002-2005
7a Com. 11, 17, 18 in sede consultiva, DL 255/01 Lavoratori precari della scuolaIl 18 luglio la 7a Commissione esprime parere favorevole sul testo emendato dall’11a Commissione

(11.07.01) Il sottosegretario Valentina APREA, nel richiamarsi alla relazione svolta in Commissione lavoro, ribadisce i caratteri di necessità e di urgenza del decreto-legge e ricorda le motivazioni che hanno spinto il Governo ad affrontare una tematica così complessa e spinosa, a seguito delle sentenze del TAR. Nell’informare la Commissione che le graduatorie provinciali riformulate sono già pronte dal 9 luglio, precisa che sono stati mantenuti gli stessi punteggi acquisiti senza scavalcamenti tra la terza e la quarta fascia. Precisa che l’anzianità conseguita nella terza fascia rimane a parità di punteggio, senza ledere i diritti di alcun candidato. A suo avviso, vi è una buona probabilità che si facciano tutte le immissioni in ruolo degli insegnanti entro il 31 agosto. Sottolinea che si tratta di una operazione storica e che in tal modo si supererà il rischio di annullamento delle graduatorie da parte del TAR.
Nel respingere categoricamente l’accusa di una gestione clientelare delle supplenze, esprime il proprio stupore per il fatto che tali rilievi siano stati mossi da deputati che sono dirigenti d’istituto. Sottolinea che non è stata introdotta la chiamata diretta e che si è solo anticipato il termine del primo gennaio di ogni anno per l’effettuazione delle nomine delle supplenze annuali. Nel caso in cui si siano effettivamente verificate nomine clientelari, il capo d’istituto dovrà risponderne di fronte al procuratore della Repubblica; sottolinea peraltro che la questione non riguarda il Governo e il decreto-legge in esame.
Per quanto riguarda il problema della difficoltà di nomina, informa la Commissione che il Governo ha istituito un tavolo permanente di consultazione con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e delle amministrazioni regionali per poter disporre, anche mediante programmi informatici, di un quadro aggiornato e tempestivo della situazione della graduatoria provinciale. Questi nuovi programmi informatici accelereranno le modalità di compilazione delle graduatorie per tutte le fasce e garantiranno dal primo settembre ai dirigenti di ogni scuola di conoscere precisamente il personale a disposizione nelle graduatorie provinciali, dall’inizio dell’anno scolastico.

7a Com. 5, 10 Predisposizione del programma dei lavori della Commissione per il periodo luglio-settembre 2001 e del calendario dei lavori per il periodo 9-26 luglio 2001
11a Com. 10, 11, 12, 17, 19 in sede referente, DL 255/01 Lavoratori precari della scuolaIl 17 luglio la Commissione invia il nuovo testo, con modifiche, del DL 255/01 Lavoratori precari della scuola alle commissioni competenti

Il termine per la presentazione degli emendamenti è fissato per le ore 18 di giovedì 12 luglio 2001

(10.07.01) Il sottosegretario Valentina APREA, fa presente che la Commissione si trova a dover nuovamente discutere, ad inizio della legislatura, un provvedimento d’urgenza in materia di personale precario della scuola in quanto la sistemazione di tale personale operata dalla precedente maggioranza di centrosinistra ha «tradito» il senso della legge n. 124 del 1999, che a suo avviso occorre recuperare.
Dopo aver ricordato che tale legge ha individuato due categorie, ossia i cosiddetti precari storici e tutti gli altri insegnanti utilmente collocati nelle graduatorie per supplenze ed incarichi, sottolinea che l’introduzione di questa unica distinzione mirava a superare la frammentazione di queste categorie di insegnanti. L’interpretazione della legge in questione fornita dal regolamento approvato con il decreto ministeriale n. 123 del 2000 ha invece reintrodotto la frammentazione. Osserva che il sistema dell’articolazione del personale in scaglioni, previsto da tale regolamento, penalizza, in particolare, gli insegnanti inseriti nella quarta fascia e quelli delle scuole di specializzazione, per i quali si era addirittura ipotizzata la previsione di una quinta fascia.
Dopo aver richiamato il contenzioso a cui il citato regolamento ha dato luogo, sottolinea che soltanto 5 mila dei 15 mila posti disponibili sono stati finora coperti e che, nel caso di definitiva soccombenza in sede giudiziaria, tali assunzioni verrebbero annullate.
Il Governo, responsabilmente, ha adottato il decreto-legge in esame per risolvere in via definitiva il problema degli insegnanti precari delle scuole tutelando i diritti di tale categoria di lavoratori, come richiesto dalle stesse organizzazioni sindacali. Sottolinea che la scelta fatta dal Governo tiene conto dei ricorsi presentati ai tribunali amministrativi regionali senza peraltro mettere in discussione i diritti acquisiti dagli insegnanti già immessi in ruolo.
Entrando nel merito, si sofferma soprattutto sull’articolo 2, che determina i criteri per l’integrazione delle graduatorie permanenti, tutelando in particolare la posizione degli insegnanti precari specializzati, che dall’anno scolastico 2002-2003 potranno essere inseriti nelle graduatorie. Pone inoltre l’accento sul comma 2 dell’articolo 2, il quale stabilisce che i servizi di insegnamento prestati dal 1o settembre 2000 nelle scuole paritarie sono valutati nella stessa misura prevista per il servizio prestato nelle scuole statali. Tale disposizione costituisce un importante segnale nella direzione di un’effettiva equiparazione tra scuole statali e scuole non statali, in linea con la cosiddetta legge sulla parità.
Con riferimento all’articolo 3, dopo aver sottolineato l’incapacità, manifestata nel passato dall’amministrazione scolastica, di gestire le operazioni di assegnazione degli insegnanti e di copertura dei posti vacanti in tempi e modi adeguati, rileva che la disposizione in esame fa sì che l’amministrazione scolastica torni a svolgere una funzione servente rispetto ai bisogni e ai diritti degli studenti e delle loro famiglie. Ciò è reso possibile attraverso uno snellimento delle procedure e la fissazione di tempi certi.
Osserva, in particolare, che dal 1o settembre saranno i dirigenti scolastici a provvedere alla copertura dei posti vacanti e all’assegnazione delle supplenze. Anche tramite un accordo sindacale, si è stabilito che per la copertura dei posti vacanti si utilizzino le graduatorie provinciali. Ogni dirigente dovrà coprire un numero minimo di posti vacanti. Informa, inoltre, che si sta studiando un’applicazione informatica che consenta di individuare in tempo reale gli insegnanti a cui ricorrere. Infine, il decreto-legge prevede che, nel caso in cui il diritto all’ immissione in ruolo maturi nel corso dell’anno scolastico, tali immissioni siano riconosciute, ai fini giuridici, dal momento in cui gli insegnanti ricevono la nomina e, ai fini economici, dal 1o settembre dell’anno successivo.
In conclusione, raccomanda una sollecita approvazione del provvedimento in esame.

Senato
Aula 31 DL 255/01 Lavoratori precari della scuola
Aula 16 Presentazione del Documento di programmazione economico-finanziaria relativo alla manovra di finanza pubblica per gli anni 2002-2006
Aula 12 Informativa urgente del ministro dell’economia e delle finanze sulle dichiarazioni rese alla Tg1 in ordine alla situazione dei conti pubblici in Italia
7a Com. 26, 27, 31 DL 255/01 Lavoratori precari della scuolaIl 31 luglio la Commissione conferisce mandato al relatore a riferire favorevolmente in Aula sul provvedimento in titolo, nel testo trasmesso dalla Camera dei deputati, autorizzandolo fin d’ora a richiedere lo svolgimento della relazione orale.
7a Com. 19, 25 Audizione del Ministro dell’istruzione, università e ricerca scientifica, Letizia Moratti, sulle linee programmatiche del suo dicastero

(19.07.01) Il ministro Moratti si sofferma preliminarmente sugli aspetti relativi all’ordinamento scolastico. Al riguardo, dichiara che il nuovo Governo, ritenendo l’istruzione momento cruciale dei processi di crescita e di modernizzazione delle società civili ed evolute, pone al centro del proprio programma un progetto per l’istruzione connesso al più ampio disegno di sviluppo e modernizzazione della società italiana. A tal fine, si impegna a tenere fondamentalmente conto degli interessi, dei bisogni e delle aspettative delle tre categorie interessate (studenti, famiglie e docenti), nella consapevolezza di dover valorizzare il capitale umano, il patrimonio scientifico e culturale nonché le competenze tecniche del Paese e ridare qualità al sistema d’istruzione nazionale riallineandolo agli standard europei.
Le linee direttrici dell’azione di Governo saranno pertanto, prosegue il Ministro, la solidarietà e l’eccellenza, onde scongiurare il decadimento del sistema educativo e formativo nonché accorciare le distanze fra gli sforzi compiuti e i risultati raggiunti.
Il Ministro fornisce poi alcuni dati OCSE, secondo cui – nonostante un rapporto fra insegnanti ed alunni più favorevole rispetto alla media europea – il 65 per cento della popolazione adulta non supera il secondo livello alfabetico. Inoltre, l’Italia si colloca al ventunesimo posto nella graduatoria internazionale per preparazione scientifica e al ventitreesimo posto per quella matematica. Ancora, nonostante che il costo medio per studente sia più alto del 15 per cento rispetto agli standard europei, solo il 40 per cento della popolazione adulta raggiunge un diploma di scuola secondaria e il tasso di dispersione universitaria è molto più elevato che negli altri Paesi europei. A ciò si aggiunge che molte facoltà universitarie registrano tassi di disoccupazione crescente mentre, dall’altro lato, aumenta la carenza di profili professionali legati alle tecnologie più moderne. Si tratta di un’evidente mancanza di raccordo fra scuola secondaria, università e mondo del lavoro, aggravata dalle disparità esistenti sul territorio nazionale fra percorsi formativi post laurea.
La Commissione europea ha poi accertato che in Italia solo una bassissima percentuale di lavoratori svolge attività di ricerca, a fronte di una media europea assai più elevata e di percentuali ancor più significative negli Stati Uniti e in Giappone.
Infine, l’Italia registra un ulteriore primato negativo, risultando ultima nella graduatoria europea dei dottorati tecnologici.
Le implicazioni di questa drammatica situazione sono evidenti. A fronte dell’innalzamento del livello di istruzione europeo (cui consegue l’inserimento nel mondo del lavoro di nuovi soggetti, quali le donne e i giovani) e del rafforzamento dei valori meritocratici che tendono a polarizzare lo scenario socio-economico fra centri di eccellenza e aree di emarginazione, l’Italia rischia infatti di essere marginalizzata e di non reggere alla sfida della società della conoscenza.
Occorre pertanto innalzare significativamente i livelli medi di scolarizzazione e di eccellenza, rafforzare le strutture didattiche e universitarie, attrarre investimenti, favorire la ricerca e consentire la nascita di nuove imprese. In tal senso il Ministro comunica che già nel Documento di programmazione economico-finanziaria (DPEF) sono state inserite politiche di investimento atte a favorire l’aumento della scolarizzazione, la qualificazione degli insegnanti, il sostegno alla ricerca, l’utilizzo delle tecnologie multimediali, al fine di innescare un circolo virtuoso che consenta ai giovani di “sapere, saper fare, saper essere”.
Nella consapevolezza di rappresentare aspettative diverse e nell’ottica di costruire una scuola in cui tutti possano riconoscersi, il Ministro dichiara poi di aver aperto la più ampia consultazione raccogliendo preoccupazioni ma anche aspettative e indicazioni per superare le criticità del sistema. In tale prospettiva, ella ha ritenuto di sospendere l’attuazione della legge di riordino dei cicli scolastici, proprio al fine di assicurare il massimo coinvolgimento delle parti interessate. Quanto alle ragioni di tale stato di crisi, ella ritiene di ravvisarne essenzialmente due: l’insufficiente qualità del servizio offerto e la mancanza di libertà nella scelta delle famiglie. Con riferimento a tale ultimo profilo, il Governo conviene che lo Stato non debba essere l’unico promotore nè il custode esclusivo delle competenze tecniche e scientifiche. Al contrario, auspica un sistema di istruzione ispirato ad un modello democratico, aperto, innovativo e trasparente, che sappia coniugare equità e competizione, giustizia sociale e meritocrazia, partecipazione e responsabilità. Ad avviso del Ministro, il diritto allo studio comprende infatti anche il diritto all’eccellenza.
Occorre dunque integrare poteri, funzioni e soggetti per assicurare pari condizioni alle famiglie in un sistema integrato fra istituzioni statali e istituzioni non statali e ridefinire il ruolo dello Stato centrale in una prospettiva più articolata di federalismo solidale nell’ambito della quale al livello centrale siano riservate funzioni di indirizzo e controllo ma non di gestione. Ella sottolinea altresì l’esigenza di un efficace centro di valutazione sulle funzioni della scuola e sui livelli di apprendimento, che possa lavorare in piena autonomia e indipendenza per individuare idonei standard di qualità, e comunica di aver attivato un gruppo di lavoro con il compito di approfondire i sistemi valutativi anche attraverso la comparazione con le altre esperienze europee.
Il Ministro si sofferma poi su un altro elemento di criticità del sistema: l’eccessivo peso burocratico dello Stato, testimoniato da un numero incontrollato di circolari e decreti e da una proliferazione di uffici dirigenziali che determina una inopinata frammentazione delle competenze. Le stesse direzioni regionali stentano a decollare, per i pesanti vincoli burocratici ed organizzativi loro imposti, con il rischio che si costituiscano strutture provinciali intermedie di fatto equivalenti ai soppressi provveditorati. Ella preannuncia pertanto l’istituzione di un Tavolo di semplificazione, volto a sburocratizzare l’organizzazione interna della struttura scolastica e a superarne l’autoreferenzialità. Lo stesso decreto-legge che il Governo ha adottato per l’avvio dell’anno scolastico si pone l’obiettivo di rilanciare il ruolo dell’Amministrazione scolastica in un’ottica di servizio agli studenti e alle famiglie.
Altro tema di rilievo è senz’altro rappresentato, prosegue il Ministro, dall’autonomia scolastica: al riguardo, ella manifesta l’intenzione di procedere ad una revisione degli organi di governo degli istituti che, a suo giudizio, dovrebbero caratterizzarsi per snellezza, al fine di consentire alle singole scuole di dotarsi degli organi di partecipazione e rappresentanza più appropriati. Analogamente, dovrà essere rivista la disciplina degli organi collegiali territoriali, onde assicurare forme di rappresentanza più incisive.
Il Ministro si sofferma quindi più analiticamente sul riordino dei cicli scolastici, confermando l’impegno a riavviare il processo riformatore con il coinvolgimento dei protagonisti dell’ordinamento scolastico (docenti, genitori e studenti), ed espone i nodi ritenuti di maggiore criticità: la frequenza della scuola dell’infanzia, comunque da considerare come non obbligatoria ma eventualmente utilizzabile quale credito ai fini dell’assolvimento dell’obbligo scolastico; la valorizzazione delle specificità delle diverse età evolutive; la definizione di curricoli di qualità per la scuola secondaria; l’individuazione di percorsi di formazione professionale dai 14 ai 21 anni realmente alternativi ai percorsi scolastici; la formazione degli insegnanti; l’approntamento di adeguate risorse finanziarie. Anche in questo caso, ella comunica di aver istituito un gruppo di lavoro con il compito di predisporre un rapporto di sintesi da sottoporre agli “stati generali dell’istruzione” (composti da rappresentanti delle famiglie, degli studenti e dei docenti, nonché da tecnici) ai quali sarà chiesto di fornire concreti riscontri per un nuovo piano di attuazione della riforma e per le eventuali modifiche legislative. Intendimento del Governo è comunque quello di completare tale percorso in tempo utile per avviare la riforma dall’anno scolastico 2002-2003.
Nella consapevolezza che il processo riformatore non può prescindere da una riflessione attenta sul ruolo degli insegnanti, il Ministro richiama quindi l’attenzione della Commissione sulla necessità di porre finalmente mano allo status della docenza, al fine di superare un modello, consolidatosi nel tempo, che troppo spesso ha imbrigliato gli insegnanti nell’espletamento di compito essenzialmente impiegatizi. Ella stigmatizza altresì la eccessiva tolleranza finora registratasi verso comportamenti, per fortuna molto limitati, che tuttavia risultano incompatibili con la funzione educativa, come ha giustamente segnalato di recente la Corte dei conti.
Occorre pertanto riarticolare la funzione docente, riconoscendo il diverso impegno professionale, i tempi di lavoro e l’arricchimento dei profili professionali, con una disciplina coerente con la piena attuazione dell’autonomia scolastica. Inoltre, è intenzione del Governo realizzare codici deontologici volti a tutelare la dignità professionale dei docenti.
Quanto infine ai dirigenti scolastici, ella richiama il primo contratto collettivo nazionale ed assicura che al più presto sarà bandito il primo concorso per il loro reclutamento. Uguale attenzione preannuncia per la valorizzazione del personale ATA.
Il Ministro passa poi ad illustrare le linee direttrici del Governo riferite alla politica universitaria. Al riguardo indica i seguenti obiettivi prioritari, coerentemente ai quali verrà effettuata la ripartizione delle risorse disponibili: aumentare il numero dei laureati, ridurre i tempi effettivi per il conseguimento dei titoli universitari, garantire gli sbocchi professionali anche attraverso una più elevata qualità degli insegnamenti e l’interazione con il mondo produttivo. In tale direzione ella auspica che si orienti anche l’autonomia didattica delle università, che il Governo si impegna a rendere effettiva. Alle università il Governo chiede peraltro di associare sempre più strettamente il concetto di autonomia con quello di responsabilità.
Ella si sofferma quindi sul delicato passaggio fra scuola e università, attualmente caratterizzato da una sostanziale carenza di informazioni sulle possibili opzioni, ed auspica l’introduzione anche nelle università di forme di accreditamento del prodotto formativo e di certificazione della qualità dei servizi. Ritiene poi che gli strumenti per il diritto allo studio, oltre a sostenere economicamente gli studenti privi di mezzi, debbano essere indirizzati anche a valorizzare i talenti migliori. Inoltre, ritiene indispensabile internazionalizzare il nostro sistema universitario, introducendo elementi di mobilità non solo per gli studenti ma anche per i docenti e i ricercatori.
Quanto alla riforma avviata dal regolamento approvato con decreto n. 509 del 1999, ella comunica di aver avviato una consultazione analoga a quella relativa al riordino dei cicli scolastici. In tale ambito, ha registrato principalmente la preoccupazione che la riforma determini una dequalificazione della formazione universitaria ovvero una sua eccessiva specializzazione. Auspica pertanto un attento monitoraggio che eviti il rischio di una standardizzazione dell’offerta didattica ed una sua omologazione verso il basso. Ritiene tuttavia che la riforma sia una prima positiva risposta, dopo anni di immobilismo, ai gravi problemi di inefficienza delle università e che essa possa innesacare un positivo processo di autoriforma continua. Il successo dipende tuttavia dalla validità dei progetti formativi predisposti dai singoli atenei ed in tal senso il Ministro lamenta che alcuni corsi siano stati definiti dalle università senza la necessaria consultazione con il mondo produttivo. Assicura comunque il pieno sostegno del Governo alle università che intendano attuare da subito la riforma; allo stesso tempo, il Governo è orientato a consentire alle università che ne avvertano l’esigenza di differire l’avvio della riforma. Ciò, per tre ordini di motivi: dare maggiore tempo alle università che non sono ancora pronte per progettare i nuovi corsi; consentire alle facoltà che hanno sollevato maggiori perplessità sull’articolazione “3+2” (in particolare quelle umanistiche) un ulteriore approfondimento; monitorare il processo di riforma e definire standard minimi per l’attivazione di corsi e facoltà.
Nodo significativamente problematico del sistema universitario è peraltro quello delle risorse, in particolare per quanto riguarda i tre profili del diritto allo studio, dell’edilizia universitaria e della ricerca. Del resto, i fondi a disposizione del sistema universitario italiano (pari a circa 14.000 miliardi) sono di gran lunga inferiori a quelli di altri Paesi europei. Occorre pertanto incrementare adeguatamente il fondo di finanziamento ordinario, nonché potenziare con adeguati investimenti la ricerca universitaria, aumentando fra l’altro il numero dei dottorati di ricerca, di cui è necessario verificare attentamente le ricadute professionali e la qualità. Dopo aver espresso un giudizio positivo sull’operato del Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario, di cui auspica tuttavia un potenziamento, ella sollecita poi il superamento del sistema dei controlli preventivi attualmente affidati al Ministero e al Consiglio universitario nazionale (CUN), che determina eccessive rigidità burocratiche, incoerenti con la ridefinizione dei percorsi formativi operata dalla legge n. 127 del 1997.
Il Ministro sollecita altresì una riflessione sui meccanismi di reclutamento dei docenti: al riguardo, ritiene indispensabile consentire agli atenei di scegliere docenti di qualità, recuperando tuttavia il sistema del vincitore unico.
Quanto infine al settore della ricerca, ella conferma il ruolo decisivo che il Governo gli assegna ai fini della modernizzazione del Paese. Nella consapevolezza che, in una società industriale avanzata, tale settore contribuisce in modo determinante allo sviluppo della capacità competitiva del comparto produttivo, eleva le capacità formative dei docenti universitari e rappresenta strumento di diffusione della cultura scientifica e tecnologica, il Governo ritiene del resto indispensabile un efficace processo di riforma. Ciò tanto più in considerazione del fatto che nell’ultimo decennio la spesa per la ricerca in Italia, già molto bassa, si è ulteriormente ridotta, i finanziamenti pubblici sono inopinatamente distribuiti “a pioggia” ed è in atto un drammatico ridimensionamento dei centri di ricerca privati: non solo molte grandi società stanno infatti riducendo il proprio impegno nella ricerca, ma diverse medie industrie, prima attive nel campo della ricerca, sono state acquistate da multinazionali e stanno trasferendo i loro laboratori all’estero; inoltre, la maggior parte delle piccole e medie imprese non ha praticamente rapporto con la ricerca. Né va sottovalutato il fatto che il settore della ricerca non sembra recare attrattive per i giovani e i ricercatori non hanno dimostrato di saper valorizzare adeguatamente a fini economici e sociali i risultati ottenuti in laboratorio.
Il Ministro assicura pertanto l’impegno del Governo per una molteplicità di azioni che, variamente posizionate nel tempo ma comunque coordinate fra loro, promuovano la presenza italiana nei settori di alta tecnologia già individuati nel DPEF: aeronautica, spazio, difesa, informatica, energia, telematica, biotecnologia e nuovi materiali.
In particolare, la spesa pubblica per la ricerca verrà elevata, nei prossimi cinque anni, al livello degli altri paesi europei (1 per cento del PIL). Inoltre, verrà potenziata la committenza pubblica della ricerca e verranno semplificati gli adempimenti burocratici al fine di attrarre gli investimenti privati ed accrescere la ricaduta economica e sociale della ricerca. Verranno altresì facilitate tutte le iniziative volte a rivitalizzare la ricerca privata, anche attraverso consorzi specialistici e distretti high tech. Infine, il Governo stimolerà il più possibile sinergie e collaborazioni fra pubblico e privato, affinchè la spesa complessiva italiana per la ricerca e lo sviluppo si allinei, nel quinquennio, agli standard europei (2 per cento del PIL).

7a Com. 4 Predisposizione del programma dei lavori della Commissione
7a Com. 3 Costituzione della Sottocommissione pareri: Presidente il senatore Bevilacqua
7a Com. 3 Schema di regolamento concernente: “Riforma delle scuole ed istituti a carattere atipico di cui alla parte I del titolo II, capo III, del testo unico approvato con decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297”

“La 7a Commissione permanente del Senato,
premesso che l’articolo 21, comma 10, della legge 15 marzo 1997, n. 59, prevede la riforma delle scuole ed istituti a carattere atipico, di cui alla parte I, titolo II, capo III, del testo unico approvato con decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 “come enti finalizzati al supporto dell’autonomia delle istituzioni scolastiche autonome”, nel quadro dell’attuazione dei principi per l’integrazione scolastica dei minorati o pluriminorati dell’udito e della vista e in collaborazione con l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema dell’istruzione, con gli Istituti regionali di ricerca educativa, con le università e con le altre agenzie educative;
esaminato lo schema di regolamento in oggetto, che intende dare attuazione alla predetta riforma;
tenuto conto dei pareri espressi dal Consiglio nazionale della Pubblica Istruzione e dal Consiglio di Stato, nonché del parere favorevole e delle osservazioni espresse dalla VII Commissione permanente della Camera dei deputati nella seduta di mercoledì 9 maggio 2001,
esprime parere favorevole con le seguenti osservazioni:
a) all’articolo 1, comma 4, aggiungere le seguenti parole: “e, per quanto concerne la gestione finanziaria, al controllo della Corte dei conti”;
b) all’articolo 2, comma 1, lettera e), dopo le parole “le Università” inserire le seguenti: “, gli istituti parificati per l’istruzione dei sordi”;
c) all’articolo 2, comma 2, aggiungere il seguente punto: ” – collaborazione all’attività di orientamento svolta dalle istituzioni scolastiche verso i soggetti minorati della vista e dell’udito”;
d) all’articolo 3, comma 1, dopo le parole “le scuole” inserire le seguenti “e gli istituti parificati per l’istruzione dei sordi”;
e) all’articolo 4, valuti il Governo l’opportunità – come suggerisce il Consiglio di Stato – di inserire tra gli organi degli enti la figura del Direttore, poiché tale figura adotta atti che impegnano l’Amministrazione verso l’esterno;
f) all’articolo 5, tra i requisiti alla carica di Presidente è necessario fare riferimento non solo alle esperienze, ma anche alla competenza e al curriculum professionale;
g) all’articolo 6, comma 1, lì dove si prevede la rappresentanza delle associazioni o istituzioni, sostituire alle parole “con eventuale priorità” fino alle parole “attribuiti dalla legge” con le seguenti “e dalle associazioni o istituzioni che operano nel campo della disabilità e della integrazione scolastica”;
h) all’articolo 7, occorre prevedere, per l’incarico di Direttore, requisiti di professionalità più specifici e pertinenti con le finalità degli enti;
i) all’articolo 8, appare opportuno fissare anche il numero massimo dei componenti del comitato tecnico-scientifico;
j) all’articolo 10, comma 2, al termine aggiungere le seguenti parole: “rispettando i principi fondamentali sui procedimenti di accesso ai pubblici impieghi”;
l) all’articolo 10, comma 5, si rileva la necessità di meglio determinare – e successivamente verificare – l’adeguatezza del contingente al fabbisogno funzionale, anche in vista della successiva costituzione di un’apposita pianta organica;
m) all’articolo 10, il Governo valuti l’osservazione formulata dal Consiglio di Stato in ordine alla legittimità di porre a carico del Ministero della pubblica istruzione la retribuzione del personale assegnato agli enti interessati dallo schema di regolamento”.

11 – 23 luglio Governo

11 Il Consiglio dei Ministri, riunito alle ore 12,30 a Palazzo Chigi, ha deciso

“(…) previa informativa del Ministro La Loggia sulla questione dei buoni scuola nella Regione Lombardia, di rinunciare al ricorso a suo tempo presentato avverso la delibera adottata in materia dalla Giunta regionale lombarda il 22 settembre 2000, ravvisando nel ricorso stesso profili di dubbia ammissibilità.
(…) Il Ministro Tremonti ha poi illustrato le linee fondamentali del Documento di programmazione economico-finanziaria, relative alla manovra di finanza pubblica per il periodo 2002-2005. Il Consiglio ha condiviso i contenuti del predetto Documento, che sarà oggi stesso presentato alle Parti sociali.”

11, 12, 16 Il Presidente del Consiglio incontra le Parti sociali per illustrare le linee guida del Documento di Programmazione economica e finanziaria (DPEF).
16

Il Consiglio dei Ministri, riunito alle ore 15 a Palazzo Chigi,

“(…) ha approvato, su proposta del Presidente Berlusconi e del Ministro dell’Economia e delle Finanze Tremonti, il Documento di Programmazione economico-finanziaria che fissa la strategia di politica economica per gli per gli anni 2002-2006.
L’eredità tendenziale trasmessa dalla passata legislatura indica un andamento modesto della crescita economica e una evoluzione della finanza pubblica che neppure nel 2006 consentirebbe di raggiungere il pareggio di bilancio. Con il DPEF il Governo si propone di far compiere al Paese un balzo in avanti strutturale e permanente nei ritmi di sviluppo, che porti l’Italia a realizzare tassi di crescita superiori al 3% per l’intera legislatura. L’azione di politica economica per il rilancio dell’economia, in parte anticipata nei provvedimenti dei “100 giorni”, che sono parte del presente Documento, include:
– investimenti pubblici per 100mila miliardi di lire, il 50% dei quali finanziati con capitali privati;
– una riforma fiscale mirante a ridurre dell’1% l’anno per cinque anni la pressione fiscale complessiva, nonché una riduzione dell’1% l’anno dell’aliquota dei contributi sociali al fine di comprimere il “cuneo fiscale”;
– un contenimento della crescita della spesa corrente nell’ordine dell’1% di PIL all’anno;
– l’adeguamento ad 1 milione al mese delle pensioni minime, a partire dal 2002 iniziando dai soggetti più anziani e più deboli, nonché aumenti retributivi per il settore pubblico pari al tasso d’inflazione programmata più l’1% di eventuali incrementi di produttività;
– privatizzazioni per circa 120 mila miliardi distribuiti secondo un profilo decrescente nel corso della legislatura;
– interventi in materia di scuola, ricerca e infrastrutture, misure a tutela dell’ambiente e della salute, misure in materia di sicurezza, giustizia, difesa e rapporti internazionali;
– riforme del mercato del lavoro e della previdenza, accelerazione delle liberalizzazioni, interventi per la crescita delle imprese e il rilancio del Mezzogiorno. In particolare, per le pensioni, la riforma si articolerà sui principi della liberalizzazione dell’età pensionabile, della certezza dei diritti, dell’equità dei trattamenti e della giustizia di base.
La spinta propulsiva che deriverà dall’insieme di tali provvedimenti si valuta in una maggiore crescita di un punto percentuale medio annuo rispetto al quadro tendenziale. Già nel 2001 si potrà registrare un effetto positivo – se pur lieve – sullo sviluppo, che salirà dal 2,3 al 2,4%. Nel quinquennio gli investimenti privati cresceranno a tassi medi annui doppi rispetto a quelli stimati in assenza di politiche.
Il tasso di disoccupazione scenderà nel 2006 al 7% contro l’8,7% tendenziale e il tasso di occupazione sfiorerà il 60%. Per l’inflazione si prospetta una discesa progressiva a tassi prossimi all’1%; per il 2002 il tasso d’inflazione programmato è fissato nel DPEF all’1,7%.
Per essere pienamente efficace è indispensabile che questa azione di politica economica avvenga nel pieno rispetto delle compatibilità macroeconomiche e degli impegni nei confronti dei partners europei.
Quanto alla finanza pubblica l’evoluzione dei primi sei mesi ha evidenziato uno scostamento pronunciato dell’indebitamento netto della Pubblica Amministrazione rispetto all’obiettivo programmatico, fissato allo 0,8% nel 2001, con un peggioramento complessivo di oltre l’1% del PIL. La volontà di conseguire pienamente gli obiettivi fissati nel Patto di Stabilità e Crescita induce il Governo ad operare con fermezza per ricondurre l’andamento dei conti pubblici 2001 entro il livello programmato. Il Governo mutua tali obiettivi dagli impegni che il Paese ha preso in Europa. E’ per il rispetto delle procedure che regolano il dialogo sulla politica economica con i nostri partners europei che vengono assunti tali obiettivi. Il Governo è pienamente consapevole della difficoltà connessa al conseguimento dell’obiettivo, sia per lo stato dei conti pubblici ereditato dal precedente esecutivo, sia per l’indebolimento della congiuntura e la brevità del tempo a disposizione.
In autunno, prima dell’avvio della sessione di bilancio per il 2002, il Governo fornirà un’apposita nota di aggiornamento del DPEF.
Nell’immediato, sarà fatto il massimo sforzo per riportare i conti pubblici in linea con gli obiettivi programmatici. Il contenimento della spesa sanitaria sarà assicurato responsabilizzando maggiormente le regioni nelle politiche di risparmio, ulteriori risparmi di spesa deriveranno da misure di carattere amministrativo, dall’ottimizzazione dell’utilizzo delle disponibilità di tesoreria e dall’attuazione di un’articolata politica del debito. Dal lato delle entrate, i maggiori investimenti in beni strumentali avranno un impatto positivo sul gettito tributario. Maggiori proventi potranno provenire dall’accelerazione di dismissioni immobiliari.
In virtù di tali azioni il Governo si propone di ricondurre l’indebitamento netto nel 2001, per quanto possibile, verso lo 0,8% del PIL e di conseguire un avanzo primario pari al 5,4%. Negli anni successivi il contenimento della spesa verrà rafforzato, consentendo di finanziare una progressiva riduzione della pressione fiscale e di raggiungere insieme ai minori oneri per interessi il pareggio di bilancio nell’anno 2003.
Il Documento di Programmazione Economica e Finanziaria sarà disponibile per la consultazione presso i siti www.palazzochigi.it e www.tesoro.it.”

23 Il Consiglio dei Ministri, riunito alle ore 11,00 a Palazzo Chigi, ha deliberato su proposta del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’avvio della procedura per la conferma del prof. Enzo IAROCCI a Presidente dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (INFN).

Educazione&Scuola©

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: