GaE, il Pd sposta la “finestra” dell’aggiornamento di un anno: dal 2017 al 2018

da La Tecnica della Scuola

GaE, il Pd sposta la “finestra” dell’aggiornamento di un anno: dal 2017 al 2018

Le graduatorie ad esaurimento degli insegnanti della scuola non si riapriranno, come previsto, nel 2017/18 ma nell’anno scolastico successivo.

Il Governo lo ha stabilito tramite un emendamento al decreto Milleproroghe 2016, approvato il 2 febbraio dalle commissioni Bilancio e Affari costituzionali della Camera.

“Il termine per l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento, già aggiornato per il triennio 2014/2017, – si legge nell’emendamento presentanto dal Pd – è prorogato all’anno scolastico 2018/2019 per il triennio successivo. Conseguentemente, le prime fasce delle graduatorie d’istituto (che derivano dal punteggio delle GaE n.d.r.) per il conferimento delle supplenze sono aggiornate a decorrere dall’anno scolastico 2019/2020. Restano fermi i termini per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto di seconda e terza fascia”.

La “finestra” per queste ultime, seconda e terza fascia d’istituto, si aprirà quindi nell’anno scolastico 2017/18.

La proroga di un anno delle GaE, invece, per il Partito democratico è funzionale all’immissione in ruolo graduale, nel prossimo triennio, senza che vi siano novità di spostamenti di province o aggiornamenti di punteggio, che potrebbero in qualche modo intralciare la realizzazione delle assunzioni su posti vacanti. Da attuare, come previsto dalla legge, in parallelo ai prossimi vincitori del concorso a cattedra, per esami e titoli.

Un altro emendamento, approvato dalle Commissioni riunite, concede alle Università tempo fino al 30 aprile per stabilire gli indirizzi di programmazione del personale per il triennio 2016-2018. La proroga, spiegano tecnici del settore, “permette di adeguarsi alle novità introdotte dalla legge di stabilità, che garantisce l’assunzione di ricercatori solo alle università virtuose”.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.