Archivi tag: Eventi

I Love GAI – Giovani Autori Italiani

Seconda Edizione del concorso
I Love GAI – Giovani Autori Italiani

In concomitanza con la 74. Mostra del Cinema di Venezia
31 agosto e 1 settembre 2017, Lido di Venezia

 

Conto alla rovescia per I Love GAI – Giovani Autori Italiani, il concorso nato da un’iniziativa SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori in collaborazione con Lightbox.

Diciannove nomi emergenti nel panorama del nuovo cinema italiano, tutti under 40 – il più giovane autore in concorso ha 23 anni – scelti dal comitato di selezione di I Love Gai tra quasi 200 film candidati.

Ecco i registi e i corti in concorso:
Andrea Beluto, Salifornia
Maurizio Forcella, Timballo
Adriano Giotti, Esseri di Stelle
Aldo Iuliano, Penalty
Massimo Loi e Gianluca Mangiasciutti, A Girl Like You
Giuseppe Francesco Maione, Adele
Manuel Marini, Olvidate de eso
Gaetano Maria Mastrocinque, Il fuoco degli uomini
Giulio Mastromauro e Alessandro Porzio, Valzer
Alfredo Mazzara, La Barba
Pietro Pinto, Rosita
Mario Piredda, A casa mia
Alessandro Porzio, Mattia sa volare
Cristina Puccinelli, Stella Amore
Marco Santi, L’Attrazione Gravitazionale del Professor D.
Marta Savina, Viola, Franca
Lorenzo Sepalone, Ieri e domani
Nicola Sorcinelli, Moby Dick

A tracciare il fil rouge dell’edizione 2017 è la tematica dell’inclusione sociale: la maggior parte dei cortometraggi finalisti raccontano infatti storie al margine, sia della società che dell’attenzione, e veicolano argomenti forti, quali l’identità di genere, la violenza sulle donne, le minoranze invisibili, o l’amore tra disabili e diversi.

Sarà una giuria di tre nomi illustri nel mondo del cinema e del video nostrano e internazionale a decretare i premiati durante la 74. Mostra del Cinema di Venezia: il produttore Francesco Bonsembiante, fondatore assieme a Marco Paolini della casa di produzione Jolefilm; la direttrice artistica Géraldine Gomez, mente creativa da 12 anni del festival Hors Pistes del Centre Pompidou; e il regista Giuseppe Piccioni, premiato sia Italia che all’estero per i suoi film emblema del cinema italiano.

In programma il primo settembre il grande evento conclusivo di I Love GAI al Lido presso Isola Edipo, manifestazione organizzata dal team di Edipo Re: la storica imbarcazione che Pier Paolo Pasolini condivideva col pittore Giuseppe Zigaina, oggi capitanata da Impresa a Rete e dalla regista e documentarista Sibylle Righetti, co-autrice del film dedicato a Vasco “Questa storia qua”, verrà infatti ormeggiata sulla Riva di Corinto, dove si celebrerà la serata finale del concorso che già si preannuncia come uno degli appuntamenti da non perdere nei giorni della Mostra.
La Edipo Re, storicamente icona di cultura e integrazione delle diversità, diventa così ulteriore simbolo di quell’inclusione sociale che caratterizza i cortometraggi in gara.


PROGRAMMA

Giovedì 31 agosto
Proiezioni in Sala Pasinetti- Palazzo del Cinema, Lido di Venezia – dalle 16.00 alle 19.00
(Ingresso libero previo accredito on line su www.ilovegai.com)

Venerdì 1 settembre
Proiezioni in Sala Pasinetti- Palazzo del Cinema, Lido di Venezia – dalle 16.30 alle 19.00
(Ingresso libero previo accredito on line su www.ilovegai.com)

Cerimonia di premiazione, cocktail e dinner con la partecipazione dei registi, della giuria e del comitato di selezione – Isola Edipo / Edipo Re, Riva di Corinto, Lido di Venezia- dalle 19.30 alle 22.30 (Ingresso solo su invito)

Special Party conclusivo – Isola Edipo / Edipo Re, Riva di Corinto, Lido di Venezia – dalle 23.00 in poi (Ingresso libero)

INFORMAZIONI

info@ilovegai.com | 041 2411265 | www.ilovegai.com

Nota 20 luglio 2017, AOODGSIP 3643

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione
Ufficio II
“Welfare dello Studente, partecipazione scolastica, dispersione e orientamento”

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali
LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano
Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Trento
Trento
All’ Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca
Bolzano
All’ Intendente Scolastico per la Scuola Località Ladine
Bolzano
Al Sovrintendente degli studi per la Regione Valle D’Aosta
Aosta
e.pc. Ai Docenti referenti per le Consulte Provinciali degli Studenti
LORO SEDI
Alle scuole di ogni ordine e grado
LORO SEDI

Nota 20 luglio 2017, AOODGSIP 3643

Oggetto: XVI edizione Concorso “I giovani ricordano la Shoah” – Anno scolastico 2017/2018

Decreto Dipartimentale 28 giugno 2017, AOODPIT 705

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione

 

IL DIRIGENTE

VISTO il D. Lgs. 16 aprile 1994, n. 297 e successive modificazioni recante il Testo Unico delle disposizioni in materia di istruzione nelle scuole di ogni ordine e grado

VISTA la Legge 10 marzo 2000, n. 62, recante norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio e all’istruzione e successive modificazioni

VISTO il D. L.gs. 15 aprile 2005, n. 76 e successive modifiche, recante Definizione delle norme generali sul diritto-dovere all’istruzione e alla formazione

VISTA l’articolo 1, comma 1, della Legge 18 dicembre 1997, n. 440 che individua le possibili destinazioni per l’autorizzazione della spesa di cui alla medesima legge

VISTO l’articolo 1, comma 601, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modifiche e integrazioni

VISTO che nei “Fondi per il funzionamento delle istituzioni scolastiche”, di cui al citato articolo 1, comma 601, della Legge 27 dicembre 2006, n. 296, sono  confluite l’autorizzazione di spesa di cui alla Legge 18 dicembre 1997, n. 440; l’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 634, della Legge 27 dicembre 2006, n. 296, nonché quota parte delle risorse finanziarie destinate alla realizzazione del Piano Programmatico, di cui all’articolo 1, comma 3, della Legge 28 marzo 2003, n. 53

VISTO il Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 recante “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni”

VISTO il D.P.R. 10 ottobre 1996, n. 567 e successive modificazioni che disciplina le iniziative complementari e le attività integrative delle istituzioni scolastiche

VISTA la Risoluzione adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 25 settembre 2015 “Trasformare il nostro mondo. L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile” in occasione del Summit sullo Sviluppo Sostenibile del 25-27 settembre 2015

CONSIDERATI il IV e V obbiettivo della sopracitata Risoluzione concernenti l’educazione e l’uguaglianza di genere che mirano rispettivamente a: fornire un’educazione di qualità equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti; raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze

VISTO l’art. 21 della Legge 15 marzo 1997, n. 59 che riconosce personalità giuridica a tutte le istituzioni scolastiche e ne stabilisce l’autonomia, quale garanzia di libertà di insegnamento e pluralismo culturale

VISTO il D.P.R. 8 marzo 1999, n. 275 che regolamenta l’autonomia didattica, organizzativa e di ricerca, sperimentazione e sviluppo delle istituzioni scolastiche

VISTO il D.P.R. 20 gennaio 2009, n, 17, art. 5, comma 8 con il quale sono definite le competenze istituzionali del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in materia di partecipazione responsabile degli studenti e delle famiglie, per l’integrazione e la comunicazione

VISTO il D.P.C.M. 11 febbraio 2014, n. 98 recante il Regolamento di organizzazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

VISTA la legge n. 107 del 13 luglio 2015 recante “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti” e in particolare il comma 7 lettera d) e il comma 93 lettera e) che fanno riferimento, rispettivamente, allo sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica e alla promozione della partecipazione e della collaborazione tra le diverse componenti della comunità scolastica

VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 567 del 10 ottobre 1996 e successive modificazioni che disciplina le iniziative complementari e le attività integrative delle istituzioni scolastiche

VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 249 del 24 giugno 1998 e successive modificazioni concernente lo Statuto delle studentesse e degli studenti

CONSIDERATO che, a decorrere dal 7/10/2016, risulta vacante il posto di Direttore Generale della Direzione per lo studente, l’integrazione e la partecipazione, e che con nota prot AOODPIT n. 1171 dell’ 8 giugno 2017 del Capo dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione sono affidati ai dirigenti i compiti connessi alla gestione delle attività di competenza dei rispettivi uffici

VISTO il D. M. n. 663 del 1 settembre 2016, riguardante “i criteri e parametri per l’assegnazione diretta alle istituzioni scolastiche nonché alla determinazione delle misure nazionali relative alla missione Istruzione Scolastica”

CONSIDERATO l’art. 7 del DPR 567/96 che istituisce la Giornata nazionale della scuola come manifestazione a carattere nazionale in cui “le istituzioni scolastiche sono aperte al pubblico e svolgono manifestazioni e iniziative atte a sottolineare il valore dell’attività educativa e formativa”

VISTO il D. M. n. 663 del 1 settembre 2016, riguardante “i criteri e parametri per l’assegnazione diretta alle istituzione scolastiche nonché alla determinazione delle misure nazionali relative alla missione Istruzione Scolastica” in particolare l’art.6 destinato alle attività progettuali delle istituzioni scolastiche collegate alla giornata Nazionale della Scuola

CONSIDERATO che il precedente dm 663 del 1 settembre 2016, all’art. 6 affida alla Direzione generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione il compito di organizzare la Giornata Nazionale della Scuola, dedicata alle migliori pratiche didattiche sviluppate da docenti, studenti e dalle istituzioni scolastiche

 

EMANA IL SEGUENTE AVVISO

Giornata Nazionale della Scuola – DM 663 Art. 6

 

Articolo 1

(Finalità dell’Avviso)

Nell’ambito delle attività promosse dallo Scrivente Ministero viene emanato il presente avviso volto a sostenere i progetti inerenti l’organizzazione della Giornata Nazionale della Scuola, dedicata alle migliori pratiche didattiche sviluppate da docenti, studenti e dalle istituzioni scolastiche in conformità con il IV e V obiettivo dell’Agenda 2030. I sopracitati obiettivi, riguardanti rispettivamente l’educazione e l’uguaglianza di genere, si concentrano su: l’equità e la qualità nell’istruzione, la lotta alla disparità di genere in ambito scolastico e sociale, l’accesso equo a tutti i livelli di istruzione delle categorie protette (incluse le persone con disabilità e i bambini in situazioni di vulnerabilità), la lotta a ogni forma di discriminazione e violenza nei confronti di donne e bambine, eliminazione di ogni pratica abusiva (come il matrimonio combinato e il fenomeno delle spose bambine) l’incremento delle conoscenze tecnologiche abilitanti per l’emancipazione della donna.

La Giornata nazionale della scuola viene istituita dall’art. 7 del DPR 567/96 come “manifestazione a carattere nazionale in cui le istituzioni scolastiche sono aperte al pubblico e svolgono manifestazioni e iniziative atte a sottolineare il valore dell’attività educativa e formativa”.

I progetti dovranno essere tesi a favorire azioni che promuovano l’approfondimento delle tematiche sopra esposte nelle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, anche in accordo con la Direzione generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione. La giornata Nazionale della Scuola sarà occasione per le istituzioni scolastiche meritevoli del finanziamento per aprire le proprie istituzioni scolastiche al territorio e presentare le migliori pratiche realizzate e i percorsi progettuali intrapresi e da intraprendere nel corso dell’anno scolastico, nonché garantire la copertura delle spese dei partecipanti che saranno successivamente individuati per partecipare alla giornata.

 

Articolo 2

(Destinatari del finanziamento)

Il presente avviso è rivolto alle istituzioni scolastiche ed educative statali di ogni ordine e grado, singole o organizzate in reti di scuole. Ciascuna istituzione scolastica, singola o capofila di rete, può proporre la candidatura con un solo progetto. E’ possibile invece partecipare nella rete di scuole di ulteriori proposte progettuali presentate da altre istituzioni Scolastiche Capofila della rete.

 

Articolo 3

(Risorse finanziarie programmate)

Per la realizzazione di iniziative di cui al precedente articolo 1, ai sensi dell’art. 6 del D.M. n. 663 del 1 settembre 2016, è previsto un finanziamento complessivo di euro 500.000,00 (cinquecentomila euro//00). Al fine di assicurare la selezione di almeno tre istituti del territorio nazionale, di cui uno al nord, uno al centro ed uno al sud, ciascun progetto non potrà superare la richiesta di euro 166.666,00 (centosessantaseimilaseicentosessantasei euro//00).

 

Articolo 4

(Termine di partecipazione)

Le domande di partecipazione dovranno essere inviate al Ministero esclusivamente attraverso il portale www.monitor440scuola.it entro e non oltre le ore 12.00 del 14 luglio 2017. Decorso tale termine il sistema non consentirà l’invio della candidatura.

 

Articolo 5

(Modalità di partecipazione)

Le candidature dovranno essere presentate esclusivamente attraverso il portale www.monitor440scuola.it seguendo la relativa procedura guidata. Nella homepage del portale è disponibile un manuale esplicativo della procedura.

Sono di seguito elencati i passaggi da seguire:

1) Registrazione al portale: la scuola partecipante deve prima di tutto accreditarsi al portale inserendo nella apposita casella il proprio codice meccanografico e avviando la richiesta di password che viene successivamente trasmessa all’indirizzo email della scuola.

2) Compilazione della scheda anagrafica: prima della scelta del bando al quale partecipare e dell’inserimento del progetto, il sistema richiede la compilazione dei dati anagrafici della scuola partecipante alla selezione;

3) Inserimento del progetto: il progetto educativo va inserito compilando i diversi campi di testo relativi ai contenuti, alle finalità, alle modalità di realizzazione, ai dati economici, ecc.

4) Sottoscrizione del progetto: una volta completata la procedura di compilazione, il progetto va scaricato sul PC, sottoscritto in forma digitale dal dirigente scolastico e caricato nuovamente sul portale. Il sistema riconosce automaticamente la regolarità della sottoscrizione e, in caso positivo, consente di accedere alla sezione di invio del progetto al Ministero.

5) Invio del progetto: una volta effettuato l’invio il sistema trasmette alla email della scuola la ricevuta di regolare candidatura. Non sono necessari ulteriori adempimenti e non sono previste modalità diverse o ulteriori di candidatura.

 

Articolo 6

(Modalità di finanziamento e di rendicontazione)

Il finanziamento e la rendicontazione dei progetti avverranno in quattro fasi.

  1. La prima fase prevede l’impegno per l’intero importo assegnato al fine di consentire alle scuole di accertare nel programma annuale l’importo assegnato.
  2. La seconda fase prevede l’erogazione alle scuole vincitrici, a titolo di acconto, del 50 per cento dell’importo assegnato.
  3. La terza fase prevede l’invio della rendicontazione relativa ai titoli di spesa liquidati riferiti all’intero importo del progetto, opportunamente vistata dal/i Revisore/i dei Conti e contenente la seguente dicitura: “Si attesta la regolarità amministrativo-contabile relativamente ai titoli di spesa e alle procedure adottate con riferimento a quanto oggetto di rendiconto del presente documento. Le attività liquidate sono ricomprese tra quelle previste dal progetto commissionato”.
  4. La quarta fase prevede la verifica della suddetta rendicontazione dal parte del Ministero e il successivo invio del saldo dovuto.

Tutte le operazione di rendicontazione dovranno essere effettuate attraverso l’apposita sezione del portale www.monitor440scuola.it. I modelli preimpostati di rendicontazione assicurano il collegamento tra le voci di costo previste in fase di progettazione e quelle effettivamente effettuate.

 

Articolo 7

(Valutazione delle candidature)

Il finanziamento verrà concesso, fino ad esaurimento delle risorse, nell’ordine di priorità determinato da una graduatoria di merito dei progetti pervenuti che sarà predisposta da un’apposita commissione designata dalla Direzione generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione e composta da personale in servizio presso la Direzione generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione e dalla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, ovvero da esperti, dotati di specifica e comprovata professionalità nelle materie oggetto delle iniziative progettuali.

La commissione effettuerà la valutazione attribuendo un punteggio massimo di 100 punti.

Il punteggio verrà assegnato sulla base di specifici criteri del presente articolo.

Criteri

Per tutte le tematiche di cui all’ art. 1 del presente avviso si procederà alla selezione mediante attribuzione di un punteggio nel rispetto dei seguenti criteri:

  1. Innovatività e originalità dei metodi proposti nel piano di attività, nonché individuazione di momenti di raccordo con la Direzione generale per lo Studente (max. 20 punti)
  2. Coinvolgimento di enti e associazioni del territorio (max. 20 punti)
  3. Coinvolgimento degli studenti nella fase di programmazione, da quella di presentazione del progetto a quella della realizzazione delle attività nelle classi (max. 20 punti)
  4. Capacità di dimostrare ampie ricadute per il territorio e per l’intero sistema scolastico e partecipazione alla Giornata Nazionale (max. 20 punti)
  5. Qualità e fruibilità del progetto, delle attività e delle metodologie proposte, che le istituzioni o le reti si impegnano a realizzare nell’ambito del progetto, nonché dei materiali eventualmente prodotto, che rimangono di proprietà dell’amministrazione (max. 20 punti)

 

Articolo 8

(Costi ammissibili)

Sono ritenuti ammissibili i costi riconducibili alla progettazione specifica e relativi a spese per:

  1. coordinamento e progettazione
  2. segreteria e gestione amministrativa;
  3. rimborso spese per eventuali spostamenti;
  4. attrezzature, materiali, forniture e beni di consumo specifici per il progetto;
  5. attività previste dal progetto per il personale interno ed esterno.

 

Articolo 9

(Pubblicazione)

Il presente decreto è sottoposto ai controlli di legge ed è pubblicato sul sito del MIUR.

 

Il Dirigente
Giuseppe Pierro

Nota 23 giugno 2017, AOODGOSV 7357

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione
Ufficio IV

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
per il successivo inoltro
A tutte le Istituzioni di istruzione secondaria di secondo grado e agli Istituti Tecnici Superiori del territorio

Nota 23 giugno 2017, AOODGOSV 7357

OGGETTO: Manifestazione “Maker Faire – The European Edition Rome 2017” – Call for School Invito per la presentazione di progetti innovativi

Nota 23 giugno 2017, AOODGSIP 3201

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione
Ufficio II
“Welfare dello Studente, partecipazione scolastica, dispersione e orientamento”

Agli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di
T R E N T O
Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana
B O L Z A N O
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca
B O L Z A N O
All’Intendente Scolastico per la scuola delle località ladine
B O L Z A N O
Al Sovrintendente Scolastico per la Regione Valle d’Aosta
A O S T A
e p.c. Ai Dirigenti scolastici delle scuole di ogni ordine e grado
LORO SEDI

Nota 23 luglio 2017, AOODGSIP 3201

OGGETTO: Cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico 2017-2018 – Invio progetti delle scuole e selezione delle delegazioni regionali partecipanti da parte degli UU.SS.RR.

Don Milani. Insegnare a tutti

“Insegnare a tutti”
Lunedì 5 giugno al Miur evento dedicato a Don Milani

Fedeli: “Sua lezione straordinario strumento
per educatrici ed educatori”

Un evento dedicato a Don Milani, alla sua figura e alla sua azione in campo educativo. Lunedì 5 giugno, al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, direttori di testate giornalistiche nazionali, esperti e testimoni ricorderanno, a cinquant’anni dalla sua scomparsa, il priore di Barbiana.

“Insegnare a tutti” era l’obiettivo di Don Milani ed è anche il titolo della manifestazione che si svolgerà lunedì nella Sala della Comunicazione del Miur, a partire dalle ore 10.00. L’evento potrà essere seguito in diretta sul sito di Rai Scuola e su quello del Ministero.

“Avere una scuola aperta ed inclusiva era l’obiettivo di Don Milani ed è l’impegno del mio Ministero. Aperta ed inclusiva significa anche capace di parlare a chi è più emarginato, a chi è a rischio dispersione. Dobbiamo dare a tutte le ragazze e a tutti i ragazzi, anche e soprattutto ai più deboli, gli strumenti per essere preparati ad affrontare il futuro”, sottolinea la Ministra Valeria Fedeli che ha fortemente voluto questa giornata di approfondimento aprendo per la prima volta le porte del Miur ad un evento dedicato a Don Milani. “La sua figura e la sua lezione sono ancora oggi uno straordinario strumento per educatrici ed educatori”.

L’evento del 5 è pensato con la scuola e per la scuola. Nelle scorse settimane il Ministero ha inviato una circolare a tutti gli istituti per invitare docenti, studentesse e studenti a rileggere l’opera di Don Milani e a seguire la diretta dal Ministero.

Nel corso della mattinata ci saranno letture commentate dei testi del priore di Barbiana a cura di Luciano Fontana, direttore del ‘Corriere della Sera’, di Maurizio Molinari direttore de ‘La Stampa’, di Marco Tarquinio, direttore di “Avvenire”. Ci saranno poi gli interventi di Adele Corradi, la professoressa che aiutava Don Milani a Barbiana, di Renata Colorni, direttrice dei ‘Meridiani’, e di Paolo Landi, ex allievo di Don Milani. Concluderà la Ministra Fedeli.

Per la diretta:

http://www.raiscuola.rai.it/diretta/don-milani-evento-al-ministero-dell’istruzione-dell’università-e-della-ricerca/83/default.aspx



Don Milani, Fedeli: “Il 5 giugno al Miur evento dedicato.
Da Papa Francesco invito a memoria attiva della sua lezione”

Il 5 giugno “organizzeremo al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca un evento dedicato a Don Milani, a cinquant’anni dalla sua scomparsa e a cinque mesi dalla scomparsa di Tullio De Mauro, che tra l’altro a Don Milani ha dedicato attenzione e interesse. Ci saranno letture e collegamenti con le scuole: le sue parole e i suoi testi sono ancora oggi uno straordinario strumento per ogni educatrice e ogni educatore. La sua lezione, come ci ha ricordato Papa Francesco, è ancora attuale. Raccogliendo anche l’invito di Papa Bergoglio ricorderemo Don Milani e lo renderemo protagonista di una memoria attiva”. Così la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli, intervenuta a Milano a Tempo di Libri.

“Avere una scuola aperta ed inclusiva era l’obiettivo di Don Milani ed è l’impegno del mio Ministero: aperta ed inclusiva significa anche capace di parlare a chi è più emarginato, a chi è a rischio dispersione – ha detto la Ministra -. Dobbiamo dare a tutte le ragazze e a tutti i ragazzi, anche e soprattutto ai più deboli, gli strumenti per essere preparati ad affrontare il futuro”.

“La scuola, come ci ha ricordato il Papa nel messaggio inviato per l’evento dedicato oggi a Don Milani, nell’ambito della Fiera dell’editoria, deve essere capace di dare una risposta alle esigenze delle ragazze e dei ragazzi più giovani. Raccogliamo questa indicazione che è anche un obiettivo condiviso dal Ministero che mi onoro di dirigere. Andare a scuola, ha sottolineato il Papa, significa aprire mente e cuore alla realtà e alla ricchezza dei suoi aspetti. Sulla capacità della scuola di accogliere, di includere, di formare e dare strumenti per affrontare il futuro sono concentrati il nostro impegno e la nostra azione. Nell’ottica del raggiungimento di questo obiettivo – ha concluso la Ministra –  il 5 giugno ripercorreremo e rilanceremo la parola e il pensiero di Don Milani raccogliendo l’invito di Papa Bergoglio a ricordarlo come educatore appassionato con una visione della scuola come risposta ‘all’esigenza del cuore e dell’intelligenza dei nostri ragazzi e dei giovani”.

(In)canti

“(In)canti”, il 1 giugno il concerto delle scuole nel Cortile del Miur
Presenti la Ministra Fedeli e Luigi Berlinguer

Torna l’appuntamento annuale con il concerto di fine anno delle scuole nel cortile della Minerva, il cuore del Palazzo dell’Istruzione, a Roma. Giovedì 1 giugno, a partire dalle 9.30, si esibiranno le vincitrici e i vincitori del Concorso musicale “Indicibili (In)canti” nell’ambito della Settimana della musica a scuola.

Ci saranno soliste e solisti, come il piccolo Davide, talento della tromba già a 9 anni. Si esibiranno le orchestre, come quella dei “Pollicini”, formata dalle alunne e dagli alunni di 37 scuole venete. Ma anche i cori, come quello delle voci bianche della Scuola per l’Europa di Parma.

All’evento parteciperanno la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli e il Presidente del Comitato Nazionale per l’apprendimento pratico della musica per tutti gli studenti, Luigi Berlinguer.

Sul palco affiancheranno le ragazze e i ragazzi i Maestri Peppe Servillo, Paolo Damiani, Danilo Rea, Rosario Giuliani. La kermesse musicale sarà presentata da Raffaella Griggi, inviata di Rai Uno.

Il concerto nasce come evento di chiusura della Settimana della musica a scuola. L’iniziativa – che quest’anno si è tenuta dall’8 al 12 maggio – è voluta dal Miur per promuovere la pratica e le attività musicali tra i banchi. Ma quest’anno assume un significato nuovo alla luce della recente approvazione del decreto attuativo della Buona Scuola che istituisce per la prima volta il Piano delle arti.

Il concerto potrà essere seguito il diretta, dalle 9.30 e fino alle 13, sul sito: www.radiocemat.org


Programma