Il “degrado dei nostri licei” secondo Galimberti

Il “degrado dei nostri licei” secondo Galimberti

di Maurizio Tiriticco

 

Ho già avuto modo di polemizzare con Umberto Galimberti sui problemi dell’alternanza scuola/lavoro (http://www.edscuola.eu/wordpress/?p=74633) e ora non posso fare a meno di intervenire una seconda volta a proposito del suo “Quando il modo di insegnare fa saltare il banco” (in Donna, supplemento de “la Repubblica” odierna). Nel sommario dell’articolo leggo testualmente: “Il degrado dei nostri licei è dovuto al fatto che alla qualità dell’insegnamento abbiamo sostituito la quantità dei ‘prodotti scolastici’ misurabili, anche se a volte idioti”. Mi chiedo: ma perché Galimberti interviene su cose che non conosce? Non si rende conto che, così facendo, non fa altro che offrire una sponda a tutti coloro che con estrema superficialità pensano che tutti i mali della scuola italiana dipendono solo dalle innovazioni indotte negli ultimi anni, se non negli ultimi decenni? Innovazioni sulle quali occorrerebbe discutere a lungo, alcune ottime e necessarie (ad esempio, l’innalzamento dell’obbligo di istruzione, l’istituzione di una scuola dell’infanzia che tutto il mondo ci ha invidiato, le riforme che nel secolo scorso hanno investito la scuola primaria, la scuola media, l’istruzione tecnica e quella professionale), altre assolutamente discutibili (le riforme Moratti e Gelmini; per non dire della recente legge 107). Non facciamo un fascio di ogni erba!

E vengo al dunque: i prodotti scolastici misurabili! Ma che ne sa Galimberti di docimologia? Ma andiamo a monte. Ogni prodotto, scolastico o non, è sempre misurabile. Non credo che Galimberti acquisterebbe un paio di scarpe o una camicia che non siano della sua “misura”! Anche se il colore, la forma, la marca, la qualità del prodotto, il prezzo accessibile fossero di sua piena soddisfazione! Una febbre alta, misurata con tanto di termometro digitale (ho la nostalgia dei termometri a mercurio!), potrebbe essere segnale di un raffreddore o di chissà quale terribile incipiente malattia. I 50 chilometri orari da rispettare rigorosamente in città sono deleteri in autostrada! A me personalmente piace tanto la Fiat 500, ma ci entro con grande difficoltà. Il caviale lo amo, ma costa troppo. E quante volte abbiamo fatto un regalo costosissimo e per noi stupendo, che, invece, non è stato affatto gradito e subito dopo riciclato? Insomma, NOI TUTTI quotidianamente “misuriamo” e “valutiamo”. La stessa cosa avviene – o dovrebbe avvenire e con criteri dati – per un “prodotto scolastico”. Un alunno potrebbe comporre un tema ottimo sotto il profilo dei contenuti, della loro originalità, delle idee espresse, ma pieno di errori grammaticali (ortografia, morfologia, sintassi). E il suo compagno di banco potrebbe produrre un tema ineccepibile sotto il profilo grammaticale, ma assolutamente povero di contenuti, pieno di luoghi comuni e di banalità. E dico di più: i giudizi di valore di due insegnanti sullo stesso tema potrebbero divergere, anche se ambedue concordano che squola, cuggino, comizzio e il famoso soccuadro sono imperdonabili errori. In effetti, ogni prodotto, scolastico o meno che sia, è sempre misurabile e valutabile. La 500 mi piace (valutazione), ma non c’entro (misurazione)!!! E tra il misurare e il valutare corre una grande differenza: il misurare discende da criteri oggettivi accettati da tutti (due più due fa quattro sempre e ovunque; cuore si scrive con la c, quadro con la q); il valutare, invece. discende da criteri soggettivi sui quali è opportuno, se non necessario, soprattutto in una scuola, cercare e trovare precise convergenze. E non è un caso che la norma raccomanda agli insegnanti, insieme, di “individuare le modalità e i criteri di valutazione degli alunni nel rispetto della normativa nazionale” (dpr 275/99, art. 4).

Nessun ministro, nessuna legge – indipendentemente dagli orientamenti politici e culturali – hanno scientemente e deliberatamente sostituito alla qualità dell’insegnamento la quantità dei prodotti scolastici misurabili. La questione è un’altra: la docimologia – disciplina che ovviamente si scontra contro una pratica scolastica ancora profondamente malata dell’attualismo gentiliano – ha fatto negli ultimi decenni passi da gigante nell’ambito della ricerca scientifica, ma non nella pratica scolastica. Del resto, neanche l’amministrazione si è fatta mai carico di sollecitarla e di promuoverla nella ricerca e nella pratica dei nostri insegnanti, anche se poi impone quelle prove Invalsi che la grande maggioranza di insegnanti e studenti rifiuta o esegue in larga misura solo per quieto vivere. Sono prove oggettive che vengono imposte dall’alto a una scuola che di prove oggettive è digiuna: e che hanno tutti limiti delle prove oggettive! Ma che costituiscono comunque uno spauracchio! Per non dire delle mille altre ragioni del rifiuto, per cui si aprirebbe un discorso infinito! E i pro e i contra ce ne sono a iosa!

In uno scenario così complesso, invocare, come fa Galimberti e forse molti insegnati passatisti, pratiche didattiche e valutative del buon tempo antico non serve a nulla. E’ cambiato il mondo, e con esso sono cambiate la società e gli studenti; ma la scuola, nella sua struttura e nelle sue pratiche, almeno nel nostro Paese, è rimasta quella di sempre, tranne quei significativi passi in avanti che prima ho citato ma che la miopia dei recenti governi non è stata in grado di valorizzare, sostenere, proseguire. E l’ignoranza in materia di valutazione si coniuga anche con l’ignoranza in materia di metodologie e della stessa organizzazione scolastica. Un solo esempio: la ricerca educativa ci suggerisce di insegnare ad apprendere secondo le strategie del curricolo e di una didattica laboratoriale! Ma le nostre scuole masticano poco sia di progettazione curricolare che di didattiche innovative! Sono ancora organizzate come caserme, quelle stesse caserme militari che stanno chiudendo perché non più funzionali alle esigenze della difesa e della guerra moderna. Abbiamo classi di età in cui si promuove e si boccia, con orari eguali per tutti, con materie che si avvicendano e insegnanti che impartiscono ora dopo ora pezzi di materie come pillole di medicinali. Altro che apprendimento personalizzato!

Comunque, in una cosa Galimberti ha ragione, quando alla fine afferma che “il peggio può ancora avvenire”. E verrà, se nessun governo ha l’intelligenza di comprendere come intervenire sull’istruzione e la determinazione per farlo. E non è certo la legge 107 che apre le porte al nuovo. Non vorrei che tra qualche anno il Galimberti di turno abbia a dire le stesse cose, magari tra il plauso di tanti insegnanti frustrati, costretti a saltare di scuola in scuola ogni tre anni… a contratto scaduto!

Autismo, cure negate ai maggiorenni

da La Repubblica

Autismo, cure negate ai maggiorenni

Raccontata da diversi libri e film di successo, è in realtà una delle malattie meno conosciute e meno indagate. Secondo alcune stime in Italia le persone colpite sono circa mezzo milione. Lo Stato si occupa di loro in maniera adeguata solo fino ai 18 anni, poi tutto il peso ricade sulle famiglie. “Perdiamo l’assistenza sanitaria e manca un servizio per adulti: il rischio è di vanificare tutti i traguardi raggiunti”, si lamentano. Ora le cose potrebbero però finalmente migliorare grazie all’approvazione della prima legge specifica
di PAOLA ROSA ADRAGNA. Video FRANCESCO COLLINA

Così dopo i 18 anni le famiglie restano sole
Il faticoso salto nel mondo dei grandi
Un lavoro part time, il progetto di Civitavecchia

Così dopo i 18 anni le famiglie restano sole

di PAOLA ROSA ADRAGNA
ROMA – “Nella Costituzione americana c’è il diritto alla felicità. Nella nostra no, ma non abbiamo comunque diritto a essere un po’ felici? Non ne hanno diritto anche le persone come mio figlio?”. Giovanni Rigon è il papà di Lorenzo, 23 anni, autistico. La sua vita non è mai stata semplice e da quando ha finito la scuola le difficoltà sono aumentate.

Dal caso letterario “Se ti abbraccio non avere paura”, il libro autobiografico che racconta la storia di Franco e Andrea Antonello, padre e figlio autistico, fino a Chiara Ferraro, venticinquenne autistica candidata alle primarie del Pd per il sindaco di Roma, di autismo si è parlato tanto. Resta però una sindrome poco conosciuta: non si ha certezza delle cause, dei numeri (almeno mezzo milione in Italia secondo alcune stime), delle terapie. Inoltre la maggior parte degli studi e delle ricerche parla di autismo infantile. Ma i bambini crescono, diventano adulti. E l’autismo? Resta. Non sparisce con il raggiungimento della maggiore età. Anzi, è a quel punto che se possibile le difficoltà diventano ancora più grandi perché lo Stato non è pronto a questo passaggio e la società ancora non è preparata ad accoglierli. Un problema su cui il noto conduttore radiofonico Gianluca Nicoletti ha voluto richiamare l’attenzione qualche settimana fa con una provocatoria “festa” pubblica per il diciottesimo compleanno di suo figlio.
“La cura della terra”, così i ragazzi autistici hanno una chance di crescere
Condividi
Il nocciolo della questione lo spiega la mamma di un altro ragazzo autistico, Mariella Ferri di Ferrara: “Gianluca – racconta – ha compiuto 18 anni e ha smesso di esistere per le istituzioni. Quando ho scoperto che non avrei più avuto un medico referente del Dipartimento di Salute Mentale che si prendesse cura di lui mi sono sentita come se non avessi difeso sufficientemente la sua dignità. Chi nega un diritto a un ragazzo che non parla, che comunica con poche modalità non sempre socialmente accettabili, compie un tentato omicidio”. Danilo Catania, il papà di Marta, aggiunge: “Vorrei che mi figlia fosse in grado di essere quello che io chiamo le quattro A: abile, autonoma, autodeterminata, accolta. Sulle prime tre ci lavoriamo con la terapia, la scuola, la famiglia, ma la quarta dipende molto dal mondo esterno. Se la società non si forma Marta non verrà mai accettata”.

L’autismo è una disabilità comportamentale e relazionale che impedisce un’integrazione nella società. “Però se diagnosticato in tempo e trattato nel modo migliore ha un margine di miglioramento altissimo”, spiega Carlo Hanau, docente di Programmazione e organizzazione dei servizi sociali e sanitari all’Università di Modena e Reggio Emilia e membro del comitato scientifico dell’Angsa (Associazione nazionale genitori soggetti autistici). Ma a causa della mancanza di formazione dei medici la diagnosi non è sempre facile: ci sono genitori che hanno capito la patologia dei figli guardando Dustin Hoffman in Rain Man o una puntata dedicata all’autismo da Quark di Piero Angela.

Una volta accertato il disturbo il bambino ha diritto a cure socio-sanitarie e socio-assistenziali: viene preso in carica da un neuropsichiatra infantile; ha un educatore pagato dal Comune; un insegnante di sostegno fornito dalla scuola; un Assistente educativo culturale pagato dal Comune fino alle medie; un Assistente speciale alle superiori pagato dalla Provincia. “Un grande numero di risorse – continua Hanau – che viene sprecato. Il vero problema nell’età dello sviluppo non è l’assenza di assistenza, ma la sua qualità. Abbiamo una marea di operatori che non sanno cosa fare e come farlo”.

Al compimento dei 18 anni il neuropsichiatra non è più incaricato di seguire il suo paziente e può essere sostituito da uno psichiatra o da un neurologo. “Nessuno dei due ha le competenze necessarie. Essendo definito infantile, l’autismo non rientra nemmeno nei loro piani di studio all’università”, denuncia ancora Hanau. Nel migliore dei casi il paziente viene scaricato, nel peggiore la sua diagnosi diventa quella di una qualsiasi malattia psichica e viene ipermedicato con farmaci inadatti. Con danni che non possono essere quantificati perché non esistono studi che dimostrino l’effetto sul lungo periodo.

Finita la scuola l’inserimento lavorativo sembra un’utopia e i Comuni offrono solo i cosiddetti diurni, centri che durante il giorno accolgono i disabili adulti e che dovrebbero svolgere attività volte allo sviluppo delle capacità personali e all’integrazione. Ma la maggior parte non offre i programmi abilititativi personalizzati di cui gli autistici hanno bisogno per non peggiorare. Le famiglie si trovano a vivere un paradosso. “Perdiamo l’assistenza sanitaria e manca un servizio autismo per adulti: il rischio è di vanificare tutti i traguardi raggiunti. È insensato. Perché non esiste uno specialista che possa seguire i ragazzi come mio figlio per tutto l’arco della vita?”, si chiede Noemi Cornacchia, mamma di Alessandro e presidente di Angsa Ravenna.

Per seguire i propri figli molti genitori sono costretti a lasciare il lavoro. Secondo un’indagine svolta da Censis e Fondazione Cesare Serono nel 2011, nel 62,6 per cento dei casi le mamme hanno sperimentato un peggioramento delle condizioni lavorative e il 25,9 per cento ha perso o lasciato il lavoro. Chi non può permettersi di stare a casa o di pagare un operatore privato ha un’unica soluzione: le residenze sanitarie assistenziali. Queste strutture accolgono persone disabili non autosufficienti ma quasi mai offrono programmi adatti o un personale con una formazione adeguata. “Abbiamo chiuso i manicomi – sospira Noemi – ma queste non sono altro che una forma diversa di segregazione. Ecco la grande lacerazione dei genitori: la consapevolezza che alla nostra morte loro saranno abbandonati e destinati a regredire”.

Una prima risposta per cercare di cambiare questo stato di cose è arrivata qualche mese fa, con l’approvazione nell’agosto scorso della legge 134, la prima in Italia specifica sull’autismo alla quale si è aggiunta ora una proposta di legge per l’inserimento lavorativo degli autistici a cui il governo ha assicurato il suo sostegno per bocca della ministra Maria Elena Boschi. Si tratta però di un ddl che sta muovendo ora i primi passi in Parlamento, mentre la norma già in vigore introduce i livelli essenziali di assistenza (Lea) anche per questa sindrome e ogni prestazione sanitaria che rientra nei Lea viene finanziata con il fondo sanitario nazionale, anno per anno. E’ presto però per capire se può essere la soluzione alle sofferenze delle famiglie dei ragazzi autistici visto che i primi fondi, 5 milioni di euro da ripartire tra le Regioni e destinati a progetti di diagnosi, cura e integrazione delle persone autistiche, sono stati messi a disposizione dalla legge di Stabilità 2016. Come spiega Davide Faraone, sottosegretario al ministero dell’Istruzione e presidente della Fondazione Italiana per l’Autismo (Fia), “è un segnale importante di inversione di tendenza. La legge è stata la risposta a un buco normativo e mette fine alla differenza di interventi tra Regioni. Ma siamo soltanto all’inizio. Ora bisogna spingere ancora di più perché il livello di abbandono in cui sono state lasciate le famiglie non è certo da paese civile”.
Il faticoso salto nel mondo dei grandi

di PAOLA ROSA ADRAGNA
ROMA – Suonata l’ultima campanella, sui ragazzi autistici cala il sipario. Quale sarà il loro futuro ora che non andranno più a scuola? Le opzioni sono poche, ogni famiglia si arrangia come può. A Lorenzo piace nuotare e stare all’aria aperta, ma da quando è finita la scuola passa le sue giornate nel centro diurno dell’Anffas (Associanzione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale) di Roma, dalle 9 alle 15, dove le attività non lo soddisfano. E intanto il papà Giovanni Rigon studia qualche idea per il futuro. Come Maurizio Sterpone, il papà di Edoardo, che a Torino vorrebbe fondare una cooperativa con alcuni soci e comprare una casa in campagna, con terreno coltivabile e animali, dove suo figlio e altri ragazzi come lui, con le sue stesse passioni ma anche con disabilità diverse, possano trovare la loro dimensione: “Edo ha 19 anni e va ancora a scuola, ma bisogna iniziare a pensarci”.

Chi non può permettersi un investimento lotta con quello che lo Stato può offrire. A Ravenna Noemi Cornacchia, mamma di Alessandro, ha barattato la frequenza presso un centro diurno con 20 ore di assistenza a settimana da parte di un educatore che accompagna il figlio a fare lavoro di back office in una biblioteca con cui lei stessa ha preso accordi e in una cooperativa in cui i ragazzi autistici sistemano libri usati, fanno l’inventario, li prezzano e li vendono al pubblico. Nicola invece ha 25 anni, vive a Cento, in provincia di Ferrara, e da marzo ha iniziato a lavorare, affiancato da una educatrice, in un vero ufficio di grafica per quattro ore alla settimana. “Ma non è stato facile”, racconta la mamma, Cristina Sitta. “Ci sono voluti sei anni per ottenere qualcosa. A scuola Nicola si è appassionato alla pittura e alla grafica, imparando anche a utilizzare programmi come Photoshop. Da quando si è diplomato nel 2010 fino a qualche mese fa era impossibile renderlo partecipe di un progetto che tenesse conto delle sue attitudini. Quelli offerti dal Comune erano inadatti e le mie proposte non venivano mai accolte per mancanza di fondi o di un educatore con rapporto uno a uno”.

Anche Pino Suplizi ha provato la via dell’inserimento lavorativo, ma senza successo. Finite le medie, ha iscritto suo figlio all’istituto alberghiero: “Superate le prime resistenze del preside, che temeva non l’avrebbero voluto, Adriano ha fatto gli stage previsti dal percorso di studi, in alberghi e ristoranti rinomati, anche con un discreto successo. Ma finita la scuola non c’è stato niente”. Per ben due volte ha trovato un lavoro per Adriano, ma è stato sopraffatto dalla burocrazia. La prima volta ha atteso inutilmente che il Comune di Roma desse l’autorizzazione e garantisse un’assicurazione per iniziare un lavoro da magazziniere in un centro commerciale. La seconda un accompagnatore di viaggi voleva Adriano come animatore nel suo villaggio in Calabria, ma la Regione Lazio non poteva garantire un educatore in una regione diversa. Un altro buco nell’acqua: “Non ho mai chiesto che venisse trovato un lavoro a mio figlio, il lavoro c’era, ma non c’era l’appoggio delle istituzioni. Ormai Adriano ha 39 anni, me ne occupo io 24 ore su 24. Ma quando io non ce la farò più, che ne sarà di lui?”.

Secondo il rapporto Censis del 2011, frequentano un diurno il 50 per cento dei ragazzi autistici oltre i 20 anni, il 21,7 per cento sta a casa o in una residenza e solo il 10 per cento lavora. Il punto su cui insistono i genitori è uno: questi ragazzi hanno attitudini che possono essere messe a disposizione della comunità. Potrebbero contribuire in qualche modo alla produzione, con un lavoro adatto alle necessità individuali. Senza considerare che più progressi fanno, più sono inseriti nella società, meno pesano sul welfare dello Stato. “Altro che diurni e residenze, questo è un approccio innovativo”, sostiene Noemi Cornacchia.

Le famiglie chiedono percorsi strutturati che vadano avanti a prescindere dall’intraprendenza delle mamme o dalla bontà d’animo degli operatori che se ne occupano. La legge 328 del 2000 stabilisce la possibilità di richiedere al Comune e alla Asl un progetto individuale per l’integrazione delle persone disabili. Ma i genitori lamentano che questi diritti esistono solo su carta e le risposte che hanno ricevuto vanno dal “non siamo obbligati a seguire i casi di autismo” al “siamo a disposizione di coloro che assumono medicinali per fare le ricette, non siamo certamente esperti di autismo” .
Un lavoro part time, il progetto di Civitavecchia

di PAOLA ROSA ADRAGNA
ROMA – “Credo in una sanità propositiva, che non si fermi ad aspettare la cura. La parola chiave è prevenzione. Se non dell’autismo, ancora impossibile allo stato attuale delle cose, almeno dei peggioramenti”. È questa la motivazione che ha spinto Maurizio Munelli, psicologo e direttore dell’Osservatorio autismo e ADHD (Disturbo da deficit di attenzione) della Asl Roma 4 di Civitavecchia, a dare vita a un progetto di inclusione sociale e lavorativa per giovani adulti autistici tra i 18 e 30 anni. È attivo dal 2011 e oggi coinvolge sei ragazzi ad alto e medio funzionamento.

In cosa consiste il progetto?
“La nostra Asl crea delle partnership con ditte e aziende in cui i ragazzi vanno a lavorare in base alle proprie attitudini. Abbiamo la mensa per chi è più bravo in cucina, magazzini e biblioteche per quelli a cui piace fare inventari e classificare e una ditta di pulizie per chi è più attento all’ordine. Ovviamente l’inserimento è graduale, per abituarli all’ambiente e al contesto, poi i progressi sono eccezionali. Le ore cambiano in base alle loro attitudini e alla mansione: in media sono quattro a settimana ma l’obiettivo è renderli in grado di reggere un normale part-time. Il lavoro è un valore per gli esseri umani, per realizzarsi quotidianamente. Lo è per noi, figuriamoci per loro”.

Da chi è finanziato?
“Abbiamo chiesto i soldi alla fondazione della Cassa di risparmio di Civitavecchia. Ci danno 20mila euro l’anno per coprire tutti i costi del progetto. Con la metà paghiamo i tutor che sostengono nell’inserimento lavorativo le famiglie e i ragazzi. Loro si dividono il resto, proprio come se fosse uno stipendio”.

http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2016/04/01/news/autismo_il_paradosso_delle_cure_solo_per_minorenni-135631616/?ref=HREC1-13

Quali sono i benefici concreti?
“Innanzitutto i ragazzi restano attivi e scongiurano la perdita dei progressi fatti con le terapie durante gli anni della scuola. Poi hanno una possibilità reale di inclusione. Creano un curriculum di esperienze spendibile nel futuro in un collocamento. Con un risparmio sul lungo periodo anche per le casse dello Stato: se non regrediscono non devono essere mandati nelle strutture assistenziali, che hanno un costo di almeno 110 euro al giorno. O non devono restare a carico dei genitori”.

È un progetto replicabile?
“Assolutamente, ma servono soldi. E per il momento lo Stato non finanzia. Ogni istituzione dovrebbe stanziare dei fondi per l’autismo, per aiutare quelle famiglie che, una volta terminato il ciclo scolastico, si trovano a dover accudire al cento per cento i loro figli, che non hanno nessun servizio specifico adatto a loro”.

Qual è l’aspetto più importante per il successo dell’inserimento lavorativo?
“Gli autistici hanno volontà e desideri come tutti noi, quindi bisogna individuare precocemente le predisposizioni personali e coltivarle. Per questo c’è bisogno di azioni di sanità pubblica complessiva: i termini bambino/adolescente/adulto sono definizioni tecniche, ma non sono compartimenti stagni. Sono continuativi ed è proprio la continuità quello che serve nel trattare questa sindrome”.

Proclamati i vincitori del concorso #sfidAutismo

Giornata mondiale Autismo
Proclamati i vincitori del concorso #sfidAutismo

 

Il 2 aprile si celebra la Giornata mondiale della consapevolezza dell’Autismo. Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca continua il proprio impegno per migliorare la qualità dell’inclusione scolastica degli alunni affetti da questa sindrome – dagli sportelli dedicati, ai master di specializzazione per i docenti – anche attraverso azioni di sensibilizzazione promosse mediante un concorso rivolto agli studenti.

Sono oltre 450 le immagini fotografiche e i video realizzati dalle scuole di tutta Italia per il concorso “#sfidAutismo. L’iniziativa è stata lanciata lo scorso mese di febbraio proprio in vista della Giornata mondiale, del 2 aprile, con l’obiettivo di potenziare il livello di conoscenza e consapevolezza sui disturbi dello spettro autistico e si inserisce nell’ambito dell’omonima campagna informativa lanciata dalla Fondazione italiana per l’autismo (FIA). Tre le scuole premiate:

– L’Istituto Comprensivo Casale di Brindisi per il video “#sfidAutismo…VINTA !

– L’Istituto di Istruzione Superiore “Pomiliodi Chieti per il video “Semplicemente io…

L’Istituto di Istruzione Superiore Caravaggio di San Gennaro Vesuviano (NA) per la fotografia “Un abbraccio nel blu

La commissione ha deciso inoltre di assegnare 11 menzioni speciali.

L’impegno del Miur si concretizza anche con l’apertura dello “Sportello Autismo”, struttura nata per favorire l’inclusione scolastica degli alunni con disturbi dello spettro autistico con un lavoro di rete e di valorizzazione delle buone prassi e di supporto ai docenti. Lo sportello, lanciato l’anno scorso in via sperimentale in 13 Centri Territoriali di Supporto (CTS), è ora stato esteso a tutti i 106 Centri presenti sul territorio nazionale.

Sono poi 14 i Master in didattica e psicopedagogia promossi dal Miur ai quali potranno accedere complessivamente circa 1.500 docenti che avranno così modo di rinforzare le loro competenze. Le università che attiveranno i master sono quelle di Palermo, Sassari, Cosenza, Bari, Salerno, Napoli, Roma (2), Firenze, Bologna, Padova, Milano, Bergamo e Torino.

Saranno infine presentati nelle prossime settimane i risultati della prima indagine sulle diverse tipologie di disabilità a scuola promosso sempre dal Miur. Dalle prime analisi emerge come la sindrome dello spettro autistico sia tra le disabilità più rappresentate.

Autismo, una settimana all’insegna del blu: gli appuntamenti in Italia

Autismo, una settimana all’insegna del blu: gli appuntamenti in Italia
Dalla campagna #sfidAutismo di Fia onlus e Rai ai centri ippici di “Equi-blu”, dal servizio gratuito di sostegno Prontosoccorsoautismo.it alle iniziative organizzate in tutte le regioni, in Italia cresce l’impegno per la Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

ROMA – Una settimana e una giornata in particolare nel segno del blu. In occasione del 2 aprile,  Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo, il mondo si tinge di blu per manifestare un segno di consapevolezza nei confronti della sindrome che è cresciuta di 10 volte negli ultimi 40 anni. Dall’Empire State Building di New York, la Willis
Agenzia giornalistica
Autismo. Dall’Italia nuova proposta terapeutica pubblicata su “Autism open-access”
Autismo, Boschi: il governo sostiene le “Isole di abilità”
Autismo e “Isole di abilità”. De Biasi: anche le imprese sono messe alla prova
Autismo. Proposta di legge, Zanda: iter rapido per inserimento in agricoltura
Disabilità. Lorenzin: nei nuovi Lea 50 milioni per la diagnosi precoce sull’autismo
Autismo, 500 mila famiglie interessate al “dopo di noi”
AR
In Italia la Fondazione per l’autismo onlus ha lanciato la campagna #sfidAutismo che ha per protagonista il piccolo Edoardo: fino al 6 aprile anche la Rai sosterrà la campagna che punta alla sensibilizzazione, all’informazione e a una raccolta fondi televisiva e radiofonica “che permetterà di raggiungere – assicurano i promotori – nuovi obiettivi nella lotta all’autismo”.

Equi-blu. Sparsi un po’ in tutta Italia ma coordinati fra loro, 28 centri equestri realizzeranno gratuitamente una serie di eventi di avvicinamento al cavallo e attività ludico-ricreative integrate rivolte a tutti, con particolare attenzione verso giovani e adulti con forme di autismo o altre disabilità.

Prontosoccorsoautismo.it.il 2 aprile sarà attivato il sito di “servizio di accoglienza gratuita”. Si tratta del primo sito in Italia che offre un servizio h24 7 giorni su 7 a tutte le persone che vivono dinamiche legate ai disturbi dello spettro autistico. L’idea nasce da un’idea di Ugo Parenti, papà di un giovane con sindrome di Asperger e ha lo scopo di creare una “pronta” e rapida modalità di sostegno. “Non siamo un’associazione, né siamo una cooperativa e non siamo sostenuti da alcuna  fondazione o compartecipazione esterna. Il nostro è un servizio di accoglienza gratuita”, tengono a precisare. L’ équipe è formata da 16 figure professionali (e non): lo psicologo, il neuropsichiatra, lo psichiatra, lo psicoterapeuta, l’educatore, il logopedista, il sessuologo esperto in autismo, il pediatra, il counselor, l’assistente sociale, l’avvocato, l’esperto in legge 104, il genitore/familiare, la persona con sindrome di Asperger, il consulente psico-educativo e il pedagogista che prestano tempo e professionalità. Tutte le persone (professionisti e non) che volessero collaborare al servizio di prontosoccorsoautismo.it possono scrivere a info@prontosoccorsoautismo.it.

In tutte le regioni sono organizzate iniziative, percorsi di conoscenza e testimonianze con la collaborazione di diverse associazioni che ogni giorni sui territori si occupano di autismo, e non è prevista una iniziativa “centrale” e prioritaria sulle altre, dicono dalla Fondazione italiana per l’autismo che ha raccolto in un calendario in continuo aggiornamento tutti gli eventi. A Roma Montecitorio sarà illuminato di blu dalle 20.30 all’alba, a Milano Angsa Lombardia organizza tra l’altro convegni e concerti, mentre in Piemonte eventi sono organizzati presso i tre luoghi simbolo della città: Piazza Castello, Mole Antonelliana, Reggia di Venaria. Qui il calendario suddiviso per regioni e continuamente
aggiornato.

Autismo. Dall’Italia nuova proposta terapeutica pubblicata su “Autism open-access”
Risultati importanti per la terapia dell’autismo arrivano dall’Italia. E’ stato pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale ‘Autism open-access’ un altro articolo dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma sul tipo di terapia che propone, …

Risultati importanti per la terapia dell’autismo arrivano dall’Italia. E’ stato pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale ‘Autism open-access’ un altro articolo dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma sul tipo di terapia che propone, dal titolo ‘Dall’integrazione emotiva alla costruzione cognitiva: l’approccio evolutivo Tartaruga’ (consultabile sul sito www.ortofonologia.it).

“Lo studio e’ durato 4 anni ed e’ stato condotto su un campione di 80 bambini dai 24 ai 131 mesi (tutti videoregistrati), con risultati decisamente incoraggianti, di cui abbiamo documentato i miglioramenti ottenuti con un metodo rigorosamente scientifico. Oltre ai miglioramenti in generale, possiamo affermare che, secondo la diagnosi Ados (Autism diagnostic observation schedule), l’80% dei casi sono usciti dallo spettro autistico e il 30% dall’autismo dopo due e quattro anni di trattamento. Tutti i risultati rispondono al criterio evidence based”. Lo fa sapere Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell’eta’ evolutiva e direttore dell’IdO, ricordando in occasione della Giornata mondiale di consapevolezza sull’Autismo (sabato 2 aprile) che “il progetto terapeutico portato avanti dall’IdO e’ stato denominato ‘Tartaruga’ proprio per non suscitare nei genitori illusioni di velocita’ o aspettative non adeguate alla realta’, che purtroppo vengono spesso loro proposte”.

L’IdO basa il suo processo diagnostico e terapeutico su un approccio che considera integrate le componenti cognitive e affettive. “Riteniamo che il linguaggio, l’intelligenza e le competenze emotive e sociali si acquisiscano nello sviluppo attraverso le relazioni e le interazioni che prevedono gli scambi affettivi. I dati hanno, infatti, evidenziato che il lavoro sulle aree dell’affetto sociale (all’interno dell’Ados 2) permette un miglioramento in tutti gli altri aspetti evolutivi. Dunque e’ lavorando sulla dimensione affettiva che si possono avere i migliori risultati cognitivi. Quello che la nostra ricerca ha messo anche in luce- sottolinea lo psicoterapeuta dell’eta’ evolutiva- e’ la possibilita’ di predire quali risultati si possono attendere per ogni singolo bambino”.

Forse, pero’, l’obiettivo che ha maggiormente soddisfatto l’e’quipe dell’IdO e’ “l’aver permesso sia ai bambini, che ai genitori- conclude Castelbianco- di vivere i 4 anni di terapia serenamente, evitando un impatto stressante sulla qualita’ di vita”.

La ricerca dell’IdO sara’ presentata venerdi’ a Roma da Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell’Istituto, al seminario ‘Lo spettro autistico’, promosso dall’onorevole Paola Binetti nell’Aula Valori dell’Universita’ Lumsa in via di Porta Castello 44 dalle 15 alle 18.

(DIRE)

Da eTwinning un corso on-line gratuito sul Piano Nazionale Scuola Digitale

da La Tecnica della Scuola

Da eTwinning un corso on-line gratuito sul Piano Nazionale Scuola Digitale

L.L.

Aprono domani, 2 aprile, le iscrizioni al corso di formazione riservato ai docenti registrati alla piattaforma per i gemellaggi elettronici fra scuole europee.

Il corso, svolto interamente in lingua italiana, si intitola “eTwinning, Piano Nazionale Scuola Digitale e Agenda Digitale, il valore aggiunto della co-progettazione digitale nell’innovazione della scuola italiana”.

L’iniziativa si svolgerà dal 7 al 18 aprile, e ha l’obiettivo di formare i partecipanti in merito al Piano Nazionale Scuola Digitale, fornendo suggerimenti ed esempi pratici su come utilizzare al meglio eTwinning alla luce delle novità introdotte dal Piano.

Per chi volesse registrarsi a eTwinning: link

Slitta l’ordinanza trasferimenti

da tuttoscuola.com

Slitta l’ordinanza trasferimenti
Mancano i pareri degli altri ministeri

Era attesa nei giorni scorsi la pubblicazione dell’ordinanza per i trasferimenti del personale scolastico, ma, a causa dei mancati pareri di altri ministeri, il Ministero dell’istruzione non è ancora in grado di emanare l’annuale disposizione per la mobilità 2016-17.

Le scadenze già ipotizzate slittano in avanti con conseguenze non trascurabili per tutte le procedure previste per il normale avvio dell’anno scolastico.

Preoccupazione per il ritardo è stato manifestato dai sindacati della scuola. Di seguito il comunicato della Uiol-scuola.

“Il Miur, nell’incontro del 15 marzo con le organizzazioni sindacali, aveva prefigurato una tempistica per la presentazione delle domande di mobilità che prevedeva l’inizio per la prima fase (fase A) a partire dal 29 marzo, con scadenza il 15 aprile.

Per le vie brevi, abbiamo appreso che sul testo del contratto integrativo mancano i previsti pareri, sia da parte della Funzione Pubblica che dell’IGOP (l’ispettorato generale per gli ordinamenti del personale della Ragioneria dello Stato).

In assenza di tali certificazioni tutte le date dovranno essere rideterminate.

Contestualmente, la Uil Scuola ha chiesto al Miur un incontro urgente su tutta la materia della mobilità, con particolare riferimento alle questioni relative ai docenti di sostegno del secondo grado (DOS).”

VII edizione di EDUCA

image001

Presentato il 24 marzo in conferenza stampa il programma della VII edizione di EDUCA, il festival dell’educazione che tornerà a Rovereto dal 15 al 17 aprile: tre giorni dedicati al tema “Libertà e Regole” con eventi culturali dedicati a famiglie, insegnanti ed educatori e a tutta la comunità nei palazzi, teatri, musei e biblioteche, ma anche nei giardini, bar, librerie e nelle strade della città appositamente chiuse al traffico. Ospiti di rilievo nazionale, laboratori, giochi e animazione, spettacoli e molto altro ancora. I dettagli nel comunicato allegato.

Il programma si può scaricare sul sito www.educaonline.it

Insegnare senza lezioni

INSEGNARE SENZA LEZIONI di Umberto Tenuta

CANTO 653

NO al docente che dalla cattedra fa lezione

SI al docente che insegna, che offre segni: concreti, virtuali, iconici, simbolici

 

Le lingua evolve col tempo.

Le parole assumono significati via via diversi a seconda dei contenuti ai quali si riferiscono.

Se ieri insegnare significava incidere segni nella mente degli alunni (imprimere le conoscenze nelle menti) e, l’altro ieri, tradurre in segni, soprattutto orali (parole), oggi, in una concezione pedagogica diversa, insegnare può –deve– significare offrire segni.

Segni concreti (oggetti), segni iconici (immagini), segni simbolici (alfabetici o altri).

Evidentemente, questo cambiamento di significato è correlato a quella che ora è considerata l’attività di colui che apprende, cioè dello studente.

Colui che apprende non è considerato più una tabula rasa, sulla quale le parole del docente vanno ad incidersi, così come sulla lavagna.

L’apprendimento è innanzitutto la costruzione dei saperi.

L’apprendimento è una operazione -prima concreta, poi iconica, infine simbolica- di scoperta, invenzione, costruzione dei saperi.

Gli alunni non ricevono, già bell’e fatti, i saperi.

Se li debbono costruire col sudore della loro fronte (della loro intelligenza).

<<E tu, uomo, ti guadagnerai il pane con il sudore della fronte>> (Gen 3,19 ).

I saperi –conoscenze, competenze, atteggiamenti– non sono travasati dalla mente del docente a quella del discente.

I saperi sono una conquista personale: il frutto di una azione, prima concreta, poi iconica, infine simbolica.

Gli alunni non sono soggetti passivi, ma soggetti attivi, inventori, costruttori, creatori dei propri saperi: sapere, saper fare, saper essere.

Ai docenti il compito di:

  • Accogliere, cogliere, suscitare le domande degli alunni (motivazioni);
  • Non dare risposte, ma aiutare a predisporre situazioni di scoperta, invenzione, costruzione delle risposte (ambienti di apprendimento);
  • Convalidare, consolidare, formalizzare le risposte (sintesi magistrale).

Non bastano la cattedra, la lavagna, i banchi allineati.

Occorre la scuola dei laboratori di apprendimento.

È questa la SCUOLA BUONA!

 

PER CHI VOLESSE APPROFONDIRE:

INSEGNARE ED APPRENDERE di Umberto Tenuta

http://www.rivistadidattica.com/metodologia/metodologie_46.htm

 

 

Tutti i miei Canti −ed altro− sono pubblicati in:

http://www.edscuola.it/dida.html

Altri saggi sono pubblicati in

www.rivistadidattica.com

E chi volesse approfondire questa o altra tematica

basta che ricerchi su Internet:

“Umberto Tenuta” − “voce da cercare”

 

 

Giornata mondiale dell’autismo, 2 Aprile: iniziative

autismo

Giornata mondiale dell’autismo, 2 Aprile: iniziative MIUR

Il MIUR emana una nota, la n. 1799 del 03/03/16, sulla giornata mondiale della consapevolezza dell’Autismo, 2 Aprile, per indicare quali sono le iniziative messe in campo. 
Il 2 aprile 2016 Giornata mondiale sull’autismo

Ecco le iniziative in occasione della settimana del 2 aprile.

Palermo

  • Fiaccolata del 2 aprile ore 21.00 Teatro e Piazza Politeama
  • Proiezione di video delle attività svolte dai ragazzi nei laboratori organizzati da associazioni dei genitori
    Saranno presenti personaggi di rilievo del mondo della politica e dello spettacolo

Assisi

  • I Frati francescani leggeranno – davanti la Basilica Superiore di San Francesco illuminata di blu – un estratto del comunicato del Santo Padre sull’autismo del 22 novembre 2014.
  • Proiezione di video delle attività svolte dai ragazzi del nuovo Centro La Semente a pochi chilometri dalla Basilica

Torino
Svariate le iniziative che vengono svolte in tre luoghi simbolo della Citta (Piazza Castello, Mole Antonelliana, Reggia di Venaria)

  • Sotto la mole Antonelliana saranno presenti con un gazebo informativo tutte le associazioni della città che si occupano di Autismo e presenteranno tutte le loro attività. Alle ore 21 del 2 aprile tutta la popolazione abbraccerà la Mole Antonelliana colorata di blu e lanceranno palloncini con un messaggio scritto dai ragazzi autistici del Piemonte
  • In Piazza Castello ci saranno concerti e spettacoli di magia per tutta la giornata
  • Reggia di Venaria, mostra fotografica di storie legate all’autismo e curata dai importanti fotografi di livello nazionale
  • Concerto di una band di ragazzi diversamente abili e autistici
  • Interverranno personaggi di rilievo del mondo della politica, dello spettacolo e dello sport

Milano

  • Spettacoli ed eventi al Teatro Nazionale
  • Incontri e seminari dal mattino. Incontro con gli imprenditori, presentazioni e vantaggi per inserimenti lavorativi e applicazione della responsabilità sociale nelle aziende.

Arezzo

  • 1 aprile: incontro di esperienze e testimonianza con vari ospiti. Genitori, personaggi dello sport ed altri. Tra gli ospiti personaggio del mondo dello spettacolo.
  • 2 aprile: spettacolo di raccolta fondi e testimonianza presso il teatro Petrarca di Arezzo con tante associazioni del territorio e con uno spettacolo ad hoc di e con Amanda Sandrelli.
    Sarà possibile anche avere i contatti con tutte le associazioni della Toscana e coordinare eventuali servizi  su iniziative originali e particolari realizzate in Toscana.

Reggio Calabria

  • Intervento del Prof. A. Persico, neuropsichiatra infantile Università di Messina al Teatro Comunale “Francesco Cilea”
  • Esibizione dei FABER QUARTET
  • Storie di autismo
  • Esibizione dei THE BEAT FOUR  SALE, Esibizione MERIAM  JANE  &  DOCTOR’S  DANCE, Gspare, Antonio e Nino della Locanda Tre Chiavi della Fondazione Marino per l’autismo onlus, Esibizione della band “I Carboidrati” finalista ad AMICI 13 di Maria De Filippi

Repubblica di San Marino

  • Sarà la prima volta che San Marino si  illuminerà di blu aderendo alla giornata internazionale della Consapevolezza sull’Autismo; l’Associazione, grazie anche al contributo delle Giunte di Castello e al Patrocinio della Segreteria la Cultura e l’Istruzione di san Marino, farà in modo che  tutte le piazze dei Castelli, la Porta del Paese e le Tre Torri per la sera del 2 Aprile siano illuminate di Blu. Inoltre nel pomeriggio ci sarà un evento dove verrà premiato l’elaborato vincente al Concorso “Telaraccontoio la differenza” che la nostra Associazione ha promosso all’interno della Scuola dell’Infanzia.

Altri eventi sul territorio:

Gela 

  • Tavola Rotonda “Le Buone Prassi per l’inclusione”  e proiezione dei video realizzati dalle Scuole su “Cosa è per noi l’autismo” Teatro Eschilo di Gela
  • “Notte Blu” spettacoli e attività di intrattenimento per bambini e adulti lungo il corso Vittorio Emanuele, e apertura dei negozi fino a mezzanotte.
    Gli eventi organizzati dalle associazioni “Oltre il Muro” Onlus e “Il labirinto di Carta” Onlus