Allarme cattedre scoperte, l’Economia autorizza 112mila assunzioni

da Il Sole 24 Ore

di Cl. T.

Via libera dal ministero dell’Economia all’assunzione di 112.473 docenti per l’anno scolastico 2021/2022, praticamente sono stati autorizzati tutti i posti liberi e disponibili a settembre. I tecnici dell’Istruzione stanno facendo i conteggi per coprire più cattedre possibili anche sulla base delle ultime norme inserite nel decreto Sostegni bis, che hanno ampliato le platee di precari da stabilizzare, includendo anche gli iscritti alla prima fascia delle Gps (Graduatorie provinciali per le supplenze). Le primissime stime dicono che si potrebbero coprire almeno 70-75mila posti autorizzati. Ma il numero potrebbe salire. L’inserimento di docenti stabili è un altro passo verso la riapertura delle scuole a settembre, in sicurezza, come ribadito anche ieri dal Cts. Il ministro Patrizio Bianchi ha ricordato come l’esecutivo abbia finora stanziato quasi 1,7 miliardi. Con il primo decreto Sostegni sono stati assegnati alle scuole 150 milioni per garantire lo svolgimento della didattica in sicurezza, e altri 150 milioni per il potenziamento delle competenze e il recupero della socialità. Con il decreto sostegni bis, gli istituti statali potranno contare su 350 milioni per garantire la sicurezza negli ambienti scolastici. Per gli stessi fini, 60 milioni sono destinati alle scuole paritarie. Gli Enti locali disporranno di 70 milioni per l’affitto di locali e il noleggio di strutture temporanee per aumentare gli spazi. Ci sono poi 400 milioni per attivare incarichi temporanei, e ci sono anche 450 milioni per potenziare i servizi aggiuntivi di trasporto scolastico.

Sistema 0-6, approvata l’intesa su piano pluriennale. Nel 2021-2025, risorse per 309 milioni l’anno

da Il Sole 24 Ore

di Redazione Scuola

È stata approvata in Conferenza Unificata l’intesa relativa al Piano di azione nazionale pluriennale per il Sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita ai sei anni per il quinquennio 2021-2025 (Intesa dell’8 luglio rep. atti n. 82/CU). L’intesa sarà propedeutica alla delibera da sottoporre al Consiglio dei Ministri.
Dopo l’aumento di 60 milioni di euro all’anno stabilito dalla Legge di bilancio, per il quinquennio 2021-2025 vengono destinate al Sistema integrato 0-6 risorse pari a 309 milioni di euro annui.

L’accordo
L’intesa stabilisce la destinazione delle risorse del Fondo per il Sistema integrato 0-6 e la quota di cofinanziamento regionale, che saranno utilizzate per: nuova costruzione, ristrutturazione, restauro, riqualificazione funzionale ed estetica, messa in sicurezza, risparmio energetico e fruibilità degli edifici per i servizi educativi del Sistema 0-6; spese di gestione, dei servizi educativi per la prima infanzia e delle scuole dell’infanzia; formazione continua in servizio del personale educativo e docente e la promozione dei coordinamenti pedagogici territoriali. Le Regioni verranno informate preventivamente sull’ammontare delle risorse loro assegnate nel 2021, 2022, 2023, per poter effettuare una programmazione pluriennale, elaborata secondo modelli standard condivisi dalla Conferenza Unificata. Successivamente, la comunicazione preventiva del budget avverrà anche per gli anni 2024 e 2025. Inoltre, il Piano offrirà strumenti di autovalutazione e programmazione alle Regioni e alle Province autonome, per misurare il livello di raggiungimento degli obiettivi strategici. È confermato l’impegno dei Comuni e delle Regioni a cofinanziare il Sistema, almeno per il 25% del budget regionale assegnato.

Viene istituita una quota perequativa di solidarietà, strutturale e stabile, pari al 20% del totale nazionale, destinata prevalentemente alle Regioni del Mezzogiorno: più di 60 milioni di euro saranno assegnati annualmente in aggiunta alle Regioni che hanno una copertura di servizi educativi (ad esempio asili nido), rispetto alla popolazione residente da zero a tre anni, inferiore alla media nazionale. L’intesa prevede direttive nazionali per il raggiungimento di obiettivi strategici coerenti con le Linee pedagogiche per il Sistema 0-6. Saranno predeterminate, a livello nazionale, quote di risorse che Regioni e Province autonome dovranno programmare da destinare alla formazione e al coordinamento pedagogico territoriale (oltre 15 milioni di euro annuali, il 5% del contributo statale di norma destinato a questo scopo da ogni Regione e Provincia autonoma) e alle sezioni primavera e ai Poli per l’infanzia (di norma, il 5% delle risorse del contributo statale nelle Regioni e nelle Province autonome con una copertura dei servizi educativi per l’infanzia, rispetto alla popolazione residente da zero a tre anni, inferiore alla media nazionale). Viene garantita una governance partecipata con i territori. Infatti, dopo la campagna di consultazione sulle Linee guida pedagogiche, con il Piano pluriennale per il Sistema integrato 0-6 vengono istituiti tavoli interistituzionali, indetti dagli Uffici Scolastici Regionali, con la partecipazione di Regioni e ANCI. Inoltre, in accordo con gli Enti locali, verrà realizzato un sistema informativo nazionale, già finanziato dal Ministero dell’Istruzione per 1,5 milioni di euro.

Sentenza Consiglio di Stato 19 luglio 2021, n. 5415

Validità titoli specializzazione sostegno conseguiti in Romania

29esimo anniversario della strage di Via D’Amelio

Il 18 e 19 luglio, a Palermo, il mondo della scuola ricorda il giudice Paolo Borsellino e gli agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi, Claudio Traina, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, a ventinove anni dalla strage di Via D’Amelio, avvenuta il 19 luglio 1992. 

Testimonianze dal mondo dell’istruzione, della politica, dell’associazionismo, della società civile per diffondere la cultura della legalità tra i giovani seguendo l’esempio di chi ha speso la propria vita per la lotta contro le mafie. Gli incontri si terranno simbolicamente attorno all’Albero della Pace, sul luogo della strage. 

Il 19 luglio è la giornata dedicata alle studentesse e agli studenti, i cittadini del futuro. Si inizia alle ore 9 con le letture e le animazioni di “Coloriamo via D’Amelio” e con la presentazione della sesta edizione del Concorso nazionale “Quel fresco profumo di libertà” dedicato ai temi della legalità e della cittadinanza attiva. Seguiranno gli interventi della Sottosegretaria Barbara Floridia, del direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale siciliano Stefano Suraniti, del presidente della Società italiana di Pedagogia Massimiliano Fiorucci, di Vittorio TeresiMaria Tomarchio e Viviana La Rosa del Centro Studi “Paolo e Rita Borsellino”. A seguire, l’incontro “La scuola, il territorio, l’educazione alla legalità democratica” con le voci di alcuni dirigenti scolastici. 

La diretta dell’evento verrà trasmessa sul sito del Ministero. 

Il 18 luglio, in un incontro dal titolo “Il tempo che verrà tra memoria e futuro” interverranno: il Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, la senatrice Liliana Segre, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, il Presidente del Centro Studi “Paolo e Rita Borsellino”, Vittorio Teresi, l’ex Presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, l’ex magistrato Gherardo Colombo e l’attore Roberto Lipari

Le celebrazioni sono organizzate dal Ministero dell’Istruzione, dal Centro Studi “Paolo e Rita Borsellino”, dal Comune di Palermo, dall’Università degli Studi di Enna e dall’associazione Agesci.

Terra di Russia e Terra di Puglia

PUGLIA E RUSSIA
DIALOGO LINGUISTICO E CULTURALE PERMANENTE

Terra di Russia, Terra di Russia!…
Quale inaccessibile, misteriosa forza è dunque questa, che attira a te?
Perché riecheggia e di continuo risuona all’orecchio, malinconica,
come si diffonde in tutta l’ampiezza tua, da mare a mare, la tua canzone?
Cosa c’è, in essa, in codesta canzone?
Che cosa chiama così, e singhiozza, e afferra al cuore?
Quali suoni sono questi, che morbosamente si insinuano e penetrano nell’aria,
e si attorcigliano attorno al mio cuore?
(Nikolaj Gogol’)

Sono queste le domande a cui si cercherà di dare una risposta con “Puglia-Russia 2021. Percorsi conoscitivi e formativi tra culture, saperi linguistici, letterari e musicali nella prospettiva di un apprendimento permanente”.

Il Progetto, finanziato dalla Regione Puglia (A.D. n. 1738 del 05.12.2019 – BURP n. 144 del 12.12.2019), è attuato dalla scuola capofila, il Liceo Classico, Linguistico, Scientifico e delle Scienze Applicate “Virgilio Redi” di Lecce, in sinergia con partner prestigiosi, attori attivi sul territorio nazionale e internazionale: il Dipartimento di Studi Umanistici (Università del Salento), l’Università Statale di Mosca “M.V. Lomonosov”, il Centro Montessori di San Pietroburgo “Zolotaja busina”, la Scuola Statale 193 di San Pietroburgo, l’I.S. “Filippo Smaldone” di Lecce, l’I.C. “Rina Durante” di Melendugno (Le), l’I.C. Polo 1 di Galatina (LE), l’I.S.S. “A. De Pace” di Lecce, l’I.C. “Italo Calvino” di Alliste (Le), il Balletto del Sud di Lecce, il Centro Studi Koinè Europe, l’Accademia della Minerva.

Numerose sono le azioni previste e ricco e articolato è il dialogo linguistico-culturale cui sono invitati docenti e discenti pugliesi e russi, nazionali e internazionali, in un cammino formativo che avrà inizio a luglio e vedrà la conclusione nel prossimo mese di ottobre.

La parola chiave è innovazione metodologica e didattica. Il Progetto promuove infatti la lingua L2, in
particolar modo il russo e l’italiano, attraverso la didattica musicale e le tecniche dei sistemi integrati di traduzione, in una logica verticale, dalla prima infanzia all’Università. Le azioni progettuali, destinate a docenti e discenti, hanno ricadute importanti nell’ambito della ricerca didattica, sulle buone prassi, in un’ottica di trasferibilità e di apprendimento permanente.

Ma vi è di più. Il Progetto non esaurisce nella formazione il suo potenziale ma lo estende anche sul Territorio con performance di carattere musicale, teatrale, letterario e della danza il cui obiettivo cardine è la realizzazione del dialogo attivo e costruttivo tra Russia e Puglia, tra mondi culturali complessi, ricchi di tradizioni, dinamici e multiformi.

Il Dirigente Scolastico del Liceo “Virgilio-Redi”, Prof. Dario Cillo, in piena sintonia con i principi ispiratori del Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza, considera la realizzazione del Progetto “Russia-Puglia 2021”, che si realizza grazie alla Regione Puglia, un grido di speranza da opporre al difficile momento che l’ondata pandemica ha determinato: “Si guarda al futuro” – afferma il Prof. Cillo – Il progetto, che nasce con l’obiettivo di promuovere e far conoscere la cultura russa in Puglia e la lingua e la cultura italiana in Russia, crea occasioni di contatto e confronto tra Scuole e Università pugliesi e russe, promuovendo fortemente il territorio pugliese, stimolando il legame tra la Russia e la Puglia”. “Da non dimenticare, – continua il Dirigente Scolastico – l’attenzione verso gli operatori della Scuola che potranno documentare questo cammino formativo e professionale attraverso il Sistema Operativo per la Formazione e le Iniziative di Aggiornamento dei docenti previsto dal M.I.U.R.”

In allegato il programma dei webinar

Per ulteriori informazioni contattare la Segreteria Organizzativa
Liceo Virgilio Redi – Via Galileo Galilei
Tel. 0832 351724 Mail. Leis046004@istruzione.it



INNOVAZIONE METODOLOGICA E DIDATTICA PER L’APPRENDIMENTO DEL RUSSO L2 NEI DIVERSI ORDINI DI SCUOLA
(webinar gratuiti – iscrizione su piattaforma S.O.F.I.A.
Identificativo 61090)

19 luglio ore 15.30 – 17.30
Prof. Giovanni Scarafile
(Università degli Studi di Pisa)
Il cranio di Ejzenštejn. La comunicazione efficace, tra parole ed immagini oltre la stereotipia

20 luglio ore 10.00-12.00
Prof.ssa Donata Maria Bruno
(Formatrice Opera Nazionale Montessori)
Lo sviluppo del linguaggio e le fiabe nella didattica montessoriana

21 luglio ore 10.00-12.00
Prof.ssa Donata Maria Bruno
(Formatrice Opera Nazionale Montessori)
Parole, musica e dimensione cosmica nei paesaggi russi I

22 luglio ore 10.00-12.00
Prof. Matteo Santipolo
(Università degli Studi di Padova)
Un modello sartoriale per la didattica delle lingue materne, seconde e straniere

23 luglio ore 10.00-12.00
Prof.ssa Isenarda De Napoli
(Formatrice Opera Nazionale Montessori)
La musica nella didattica montessoriana

26 luglio ore 10.00-12.00
Prof.ssa Donata Maria Bruno
(Formatrice Opera Nazionale Montessori)
Parole, musica e dimensione cosmica nei paesaggi russi II

27 luglio ore 18.00-20.00
Prof.ssa Gloria Politi (Università del Salento)
Uno sguardo sulla letteratura russa contemporanea: la scrittura femminile

28 luglio ore 10.00-12.00
Prof.ssa Anna Pugacheva (Formatrice AMI)
Sviluppo del linguaggio e fiabe sonore russe nella didattica montessoriana


PERCORSO DI BASE LINGUA RUSSA ON LINE
(per docenti italiani)
Corso gratuito – iscrizione su piattaforma S.O.F.I.A.
Identificativo 61091)

Prof.ssa Gloria Politi (Università del Salento)

Lunedì 19 luglio 2021 18:00-20.00
Dal 20 luglio al 30 luglio 2021
dal lunedì al venerdì ore 16.00-18.00
dal 10 settembre al 24 settembre 2021
dal lunedì al venerdì ore 18.00-20.00


PERCORSO DI BASE
LINGUA ITALIANA ON LINE
(per docenti russi)

Prof.ssa Patrizia Guida
(Università LUM “Giuseppe De Gennaro”)

Dal 13 settembre al 24 settembre
dal lunedì al venerdì ore 17.00-19.00